mercoledì, 21 agosto, 2019
Sei qui: Home / ATTORI-REGISTI / G - H / Rodrigo Garcia

Rodrigo Garcia

Rodrigo Garcia Rodrigo Garcia

Rodrigo García (1964) trascorre l'infanzia e l'adolescenza nel sobborgo Yparraguirre de Grand Bourg, una baraccopoli nella provincia di Buenos Aires in Argentina. Lavora come fruttivendolo, macellaio, fattorino e creativo pubblicitario, occupazioni che abbandona per dedicarsi al teatro. Risiede prima a Madrid e in seguito in Asturias, produce i suoi lavori, fra gli altri, con il Teatro Pradillo di Madrid, il Teatro Nazionale di Bretagna, il Festival di Avignone, la Biennale di Venezia, il Festival d'Automne di Parigi. Rodrigo García è regista, "autore di testi che scoppiano come bombe", videomaker e performer. Creatore atipico, coniuga nei suoi spettacoli elementi del passato e della cultura popolare di oggi. Insieme alla sua Compagnia Carnicerìa Teatro, elabora un linguaggio teatrale sorprendente dove i corpi in movimento disegnano i nuovi rituali del quotidiano. I suoi riferimenti non si possono classificare, traversano i secoli incuranti della cronologia: Quevedo, Beckett, Céline, Thomas Bernhardt, Bunuel oppure il Goya del periodo nero.

D'altra parte egli rifiuta di rinchiudersi in un teatro "scritto unicamente per specialisti, e che funziona per codici e dogmi". La sua scrittura si ispira al quotidiano, alla strada dove è cresciuto, "in questi sobborghi popolari di Buenos Aires in mezzo a compagni destinati a diventare operai o muratori. Sogna un teatro dove "chiunque possa spingere la porta" senza esitare sulla soglia. La sua scrittura è un prolungamento della realtà da cui prende forte ispirazione; la sua forza risiede nella dimensione poetica che gli conferisce.

Rodrigo García è autore e regista di numerosi spettacoli, come Versus (2008), En algún momento de la vida deberías plantearte seriamente dejar de hacer el ridículo (2007), Cruda, vuelta y vuelta, al punto, chamuscada (2007), Arrojad mis cenizas sobre Mickey (2006), Aproximación a la idea de la desconfianza (2006), Prefiero que me quite el sueño Goya a que lo haga cualquier hijo de puta (2004), Agamenon (2003), Rey Lear (2003), Jardinería Humana (2003), La historia de Ronald el payaso de Mc Donalds (2002), Compré una pala en IKEA para cavar mi tumba (2002), After Sun (2000), Borges (1999).

Ultima modifica il Martedì, 04 Giugno 2013 08:42
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Altro in questa categoria: Nanni Garella »

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.