lunedì, 22 aprile, 2019
Sei qui: Home / Attualità / DAL MONDO / Visualizza articoli per tag: Emilia Ricotti
Mercoledì, 12 Agosto 2015
Pubblicato in Sinopsi testi

LE DÉSERT DE LA MER
Emilia Ricotti

"Le désert de la mer". A travers le long monologue de Danhaile et les plaintes d'une femme, emblème des mères des disparus de la Méditerranée, nous pénétrons dans l'âme de l'un des nombreux bateaux de migrants, celui en question part le vingt-cinq mars deux mille onze de la Libye avec soixante-douze personnes à bord et restera à la dérive pendant quatorze interminables jours.
Le drame des neufs survécus pose des interrogations pressantes et va à la recherche de responsabilités précises, faisant apparaître le côté obscur de l'Occident.

Extrait de «Le désert de la mer»

Danhaile

«Nous avons coupé des bouteilles d'eau vides de plastique et dedans, nous avons bu notre urine.

Brève pause.

Tu comprends?

Durant quatorze interminables jours, nous avons bu ça, nous avons mélangé l'eau de mer, l'urine et
du dentifrice pour enlever le goût du sel à l'eau et nous l'avons bue!

C'est horrible!

Tu comprends?

Et, je veux t'expliquer qu'en la buvant, on se sent le dernier des hommes, on doit vaincre l'horreur,
parce qu'il n'y a pas un soldat ou un dignitaire à te tendre une bouteille et à te dire: vas-y, bois!

Non, ils ne sont pas là.

Il n'y a pas de «ils», il n'y a personne.

C'est toi qui a encore envie de vivre, de continuer à vivre, malgré le gel de la nuit, la lumière aveuglante du jour, la nourriture manquante, la mer en tempête, pour raconter la mort en direct,
et ce calice amer que personne ne te tend, mais que tu cherches avec rage, il ne s'agit pas d' une
histoire absurde ou d'un défi entre lascars. C'est l'œuvre de fantômes lointains. Tu ne peux ni les
toucher, ni les regarder dans les yeux, ni buvant dans un calice afin de te remplir la bouche d'eau, leur cracher au visage.

Ce sont des fantômes lointains, en costume, en cravate, serviette à la main, fantômes impeccables à la lumière du jour, respectés, vénérés, heureux, et toi, face à la mort en direct, pendant trois cent
quarante deux longues heures et quatorze interminables jours, talonné, scruté, tu l'as vue!

Elle apparaissait, rôdait autour du bateau en souveraine absolue! Et quand un thorax explosait, elle
restait là, patronne de ces poitrines brisées, et s'en allait, mais pour peu.

Puis, elle revenait, arrogante, à la recherche d'un esprit vacillant qu'elle aidait à sombrer, d'un cœur
qui s'accélérait qu'elle poussait à exploser, c'était un aller et venir incessant, parfois, tu ne la voyais pas arriver, comme lorsque tu t'y appuyais impatient et t'endormais dans le gel, elle arrivait alors et te laissait là, étendue et les autres à la première lueur du jour, comprenaient qu'il s'agissait du sommeil des sommeils.
La mort en direct soufflait sur ton cou, tu aurais voulu l'étreindre pour en finir avec ce monde,
pour ne plus rester impuissant, mais peut- être quelqu'un l'a-t-il éloignée afin que tu puisses
raconter «trois cent quarante deux heures en mer».

(d'un ton déterminé) C'est pour cela que je dois raconter, je dois raconter!

Et que quelqu'un doit écouter et imaginer d'avoir été sur ce bateau et sur celui de
tous les migrants.

 

Domenica, 09 Agosto 2015
Pubblicato in Sinopsi testi

ABANDONED SEA
by Emilia Ricotti

"Abandoned Sea - Mare Deserto", throughout Danhaile's long-lasting monologue and a woman's cry, who represents the symbolic mother of the fallen among the mediterranean waters. The woman's cry meets the soul of one of the many immigrants' pontoons, this specific pontoon left Lybia's coast on march 25th 2015, carrying 72 people and sat leeward for fourteen extremely long days.
This nine-survivor tragedy asks many urgent questions, seeks precise responsibilities and recalls the dark side of our history.
From "Abandoned Sea – Mare Deserto"
DANHAILE
"We have cut plastic bottles and drank urin out of them,
short pause
we drank it for fifteen long days, we combined sea water, urin and toothpaste in order to take out of water the salty taste and we drank it
That's awful!
Do you understand?
And I want to explain to you that by drinking it you feel like you're the last man on earth, you must win the horror, because there is no soldier nor hierarch that will hand you a bottle and tell you: go ahead and drink it.
No, he isn't there, he won't be there!
There is no such figure!
You must have the will to keep on living, regardless of the cold night, and the glaring daylight, the lack of food, the sound of the sea, which is there to broascast death and that bitter cup which will not be handed to you, but you search for it with fury, it is not a story about misfits, nor a challenge for bullies.
It's the work of far-away ghosts who cannot be touched by hand, nor be looked in the eye, nor you can fill your mouth while you're drinking and spit in their faces!
They are far-away ghosts wearing suit and tie; impeccable ghosts who stand in the sun light, followed and blessed, and you witnessed live death for 342 hours, for fourteen extremely long days, you followed it, searched for it and you saw it! It came, went and came back again but it didn't forget the boat, death was the undisputed master!
Swab in hand, clock hands back and when the chest was about to burst, it still was the master of those shaking chests, then it went away, but just for a while.
Then it came back as aggressive as it was, looking for a shaky mind and helped to take over it, looking for an accellerating heart and forced it to explode, death was made of coming and going, reason why you often couldn't see its arrival, as when impatiently it came along and made you fall asleep with its freezing temperature, and only with the first ray of light your fellows understood that this time they were looking at your enternal sleep.
Live death was breathing on your neck and you were willing to give her a hug and give up everything, in order not to look, but maybe who knows, someone has moved her away from me just to let me tell you about these 342 hours in the sea.
(with a determined voice) And it is for this reason that I must tell, I must tell!
And somebody, I'm sorry to say must, but must listen and imagine how life was on that boat and on the one of all those immigrants.

Venerdì, 27 Febbraio 2015
Pubblicato in Sinopsi testi

MANDELA LIFE
Seconda parte della trilogia
di Emilia Ricotti

Tre processi, tre accuse, tre prigioni: Johannesburg, Pretoria e Robben Island, una discesa all’inferno, fatta pe capire com’ è fatto il sistema, sventarne le trappole e trovare risposte. E Mandela mette alla sbarra lo stato: in questo processo, non io, tu, non il movimento imputati, ma lo stato che bastona i diritti e ha un tribunale che mette in croce gli oppressi; lui accende una fede e ha in mente dei flash : allo sgombero, 69 africani giacevano a terra, i più colpiti alla schiena, furono sparati 700 colpi. 400 i feriti, tra cui donne e bambini, a SHARPEVILLE!

Quando il 29 marzo del 61 la terna di giudici li assolve dall’accusa di alto tradimento, l’attacco del governo diventa serrato e mette in atto la più grande dimostrazione di forza che si sia mai registrata nella storia del Sudafrica in tempo di pace. Annullate le ferie ai poliziotti, chiamati alle armi il maggior numero di soldati dalla fine della guerra, unità dell’esercito all’entrata e all’uscita delle township. Mandela con barba e capelli lunghi, indossa berretto, occhiali tondi, e da primula nera attraversa un continente: Tunisia, Algeria, Marocco, Etiopia, Egitto, Sierra Leone, Liberia, Ghana, Rodesia, Senegal.

Passa in un altro, e cala un banco di nebbia davanti al Big Ben, quando ricorda l’imperialismo di un tempo su due terzi del globo.

Alle reclute insegna: la rivoluzione non è solo questione di tirare il grilletto, il suo scopo è quello di creare una società giusta ed equilibrata.

A Durban lo ferma una Ford, un sergente e un mandato di arresto. Ma a sostenerlo c’è WINNIE: Oh Nelson, l’ho sempre saputo, non ci sono fortezze per gli spiriti indomiti, né sbarre, manette, mi sei accanto lo stesso, di giorno, di notte, e ai bambini lo dico: è con noi!

E a Robben Island al colonnello che interroga “Mandela, perché scioperate?” Risponde “Colonnello, perché come detenuti politici riteniamo che la lotta, per migliorare le condizioni carcerarie di tutti, è un’ estensione della lotta contro l’ apartheid.” Il colonnello lo pressa “Mandela, ma non sapete nemmeno, perché scioperano i detenuti comuni!” “Colonnello, non importa, sono pure nostri fratelli e la loro lotta è anche la nostra.” E coagula le loro istanze con quelle dei loro stessi aguzzini e l’immagine del colonnello avvilito di fronte alla protesta delle guardie per condizioni di vita migliori, insieme alla deposizione fatta a Rivonia, è il suo trionfo.

Posa i fogli sul tavolo della difesa, si volge a guardare in faccia il giudice, in un silenzio impressionante, senza staccare gli occhi da De Wet, pronuncia le parole conclusive: ho dedicato la mia vita alla lotta del popolo africano. Mi sono battuto contro il predominio dei bianchi , così come mi sono battuto contro il predominio dei neri. Ho perseguito l’idea di una società libera e democratica, in cui tutti vivano insieme in armonia e con pari opportunità. E’ un ideale per il quale spero di continuare a vivere, fino a conseguirlo. Ma per il quale, se necessario sono disposto a morire. Dalla galleria Ummmmmmm! E i singhiozzi delle donne.

Venerdì, 05 Dicembre 2014
Pubblicato in Sinopsi testi

MANDELA LIFE
Prima parte della trilogia
di Emilia Ricotti

Un paese, un uomo, una leggenda, Nelson Mandela da tre capanne nel Transkei alla presidenza in Sudafrica, un viaggio difficile, fatto di incontri epifanici; lui ha una valigetta, la apre: ago, filo, forbici; ma lui cuce e altri squartano, le ferite dilagano, le suture non bastano: “il fiore della gioventù Xhosa sta morendo”, i vecchi strumenti non servono, bisogna trovarne di nuovi; ripone l’ago, il filo, le forbici. Ha due pilastri alle spalle e qualche ricordo: un ciuffo di capelli striato di bianco, l’eco di un “no” al magistrato di zona, il fumo della pipa davanti alla morte che incalza, tre capanne e una voce di donna: stai in gamba, figlio mio!
Ara, tira il carro, studia, e stira per il reggente e capisce che “il suo destino non è cavare oro per i bianchi, senza sapere nemmeno come si scrive il suo nome” e supera i confini di un mondo dove c’è solo una tribù e il suo popolo, e si accorge di un altro con un epicentro che è l’Africa, fatta di neri, di bianchi, di meticci, indiani, comunisti e occorrono mattoni, malta, tasselli e comincia a Forte Hare, e tra un’elezione amputata e l’espulsione, da un istituto che è Oxford, Cambridge, Harvard e Yale insieme, sceglie questa, e a Mqhekhezweni, decide la fuga da un matrimonio truccato e inizia un percorso ad ostacoli dove qualche furbizia lo stanca, ma la meta è sicura, e continua a Johannesburg, ad Alexandra, ad Orlando dove lontano dalle aule scopre un mondo che gronda; istruzione e attivismo sono gli strumenti che servono.
Nella lotta per il boicottaggio delle tariffe degli autobus e durante lo sciopero dei minatori sente che marciare col popolo è vivificante e fermarsi impossibile e se c’è da cambiare, si cambia e i minatori lo sanno: “in miniera siamo già uomini morti!”.
Ma è la campagna di disubbidienza degli indiani ad insegnare che la lotta di liberazione, non si fa con i discorsi, le risoluzioni, le delegazioni, ma con un’organizzazione capillare, con un’azione di massa militante e soprattutto col sacrificio e la sofferenza.
E quando lo eleggono nell’esecutivo, rimane impigliato alla lotta col corpo e con l’anima.
Sale sul ring da una parte c’è Malan e gli afrikaner e le leggi sull’apharteid, dall’altra indiani, africani, meticci, comunisti e la disobbedienza civile: “Ehi Malan, apri le porte della prigione, vogliamo entrare!” e Malan non le apre, ma trasforma in prigione il Sudafrica, il pugno di ferro si abbatte: l’istruzione negata, Sophiatown sventrata, gli abitanti deportati.
Ora sa che non ci sono gli inglesi di fronte, ma gli afrikaner e la disobbedienza non basta e deve imparare a rispondere al fuoco, col fuoco.
E tra i nuovi strumenti c’è un faro che dice “no” all’oppressione e trasforma l’ingiustizia in giustizia:“ La Carta della libertà”.

Giovedì, 06 Febbraio 2014
Pubblicato in Sinopsi testi

C'ERA UNA VOLTA CONCA D'ORO
di Emilia Ricotti

Mitico treno “Conca D’Oro”, carretta dei meridionali di ieri, Ventiquattro ore da Palermo a Milano, una tratta tempestata di emigranti in su e in giù per l’Italia, “Conca D’Oro” racconta, nelle mani che “si stringono” prima della partenza, il dolore della separazione dalle radici e, in quelle che “penzolano” al rumore sordo degli sportelli serrati e al frastuono del treno sulle rotaie, l’abbandono di chi resta.
Viaggio emblematico da Palermo a Milano in una ricerca all’interno dell’uomo e della sua doppia coscienza che quando torna deplora le occasioni mancate, ma quando è là difende “a denti stretti” la sua terra, consapevole del difficile processo di adattamento che ha compiuto al prezzo di continue rivisitazioni per vincere pregiudizi, resistenze, sono questi “i bagagli che lascia e i bagagli che trova “.
Su queste rotaie confronto serrato tra generazioni, questione femminile e meridionale e ricordi, ricordi di bisogni negati, di diritti imballati, di speranze deluse, di rivoluzioni mancate che si condensano nel grido disperato di Santino, durante il suo aspro soliloquio: “Non si risparmia nulla, squali di terra in doppiopetto, tramano, cercano inciuci.
Scoppiano scandali! Tu dici è fatta, l’hanno capito, hanno finito! Neanche per sogno! Il più fesso paga, gli altri tutti a cavallo ancora! Ma non si era detto, basta! Non si era detto cosa? Tutto finito, giustizia fatta! Come, fatta così? Questa è giustizia?
Questa è legge? Mi manca l’aria, mi turo il naso, mi chiudo gli occhi, chiudo gli orecchi, quando si cambia? Qui non cambia niente! Ed io cosa faccio? Io devo stare bene, io sono stato all’angolo, non ho rubato, ho lavorato sodo, che devo fare?
Devo guardarli ridere, ingrassarsi ancora sulla mia carne e rimanere in sella?
No, mi ribolle il sangue, mi scoppia il cuore, si torce lo stomaco, sono di paglia?
Pausa lunga. No, devo restare calmo, devo pur vivere , io non ho le ostriche, non ho poltrone, solo uno sgabello basso, queste mie mani sole, (solleva il braccio, rotea le sue mani robuste e indurite quasi a scrutarle, poi incrocia le braccia, chiude gli occhi) e un desiderio solo, stare da parte senza scossoni!
Devo capire il mondo, tutto il progresso? Troppo complesso!
Io capisco questo: mondo di fango, fatto di squali, troppe speranze perse, devo azzerare il conto, loro le ostriche, io qualche briciola, se posso fregare, frego.
No, non si fa! Lo Stato è questo? Voglio giustizia, fatta di fatti, non di parole, averli davanti agli occhi, no in girotondi finti, averli senza sensali scaltri, voglio gridargli forte la truffa delle parole finte! Democrazia cos’è, dov’è? Democrazia per me? Per te! Lo vedi come mi scoppia il cuore, non te ne frega niente, nervi d’acciaio, sai che mi passa e puoi fregare meglio, scambio di sedie, scambio di parti, ma sempre parti!
Io non preoccuparti, mi metto di lato, le mani in alto.
Tranquillo, faccio i miei fatti, fatti da poco, fatti di niente, ma tu non perdere tempo, spolpa più in fretta, prima che cambia il re, poi altri inciuci!
Perché? Perché? Non ci sono perché? La vita è questa!
Io sono l’osso, tu il mastino! Sono sbagliato, io? Pausa (china le spalle)male è non farsi gli affari propri?”

Pagina 3 di 4

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 347 9115958

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.