venerdì, 26 maggio, 2017
Sei qui: Home / Attualità / DAL MONDO / LONDRA / (LONDRA) "Nuclear War", di Simon Stephens, regia Imogen Knight. -a cura di Beatrice Tavecchio

(LONDRA) "Nuclear War", di Simon Stephens, regia Imogen Knight. -a cura di Beatrice Tavecchio

Maureen Beattie in "Nuclear war", regia Imogen Knight. Foto Chloe Lamford Maureen Beattie in "Nuclear war", regia Imogen Knight. Foto Chloe Lamford

Nuclear War
di Simon Stephens
Regia di Imogen Knight
Con Maureen Beattie
Royal Court Theatre, 19 aprile - 6 maggio 2017

Simon Stevens, premiato autore di The Curious Incident of the Dog in the Night-Time autore del copione per Obssession per citare due dei suoi lavori attualmente in scena a Londra, artista associato al Lyric Theatre di Hammersmith e Scrittore Associato al Royal Court, non è certo alle prime armi, così come non lo è la regista del suo spettacolo, Imogen Knight, di cui ricordo la regia di Linda.
L'alta aspettativa per questo nuovo spettacolo dalla forma ridotta, 45 minuti, dato nel teatro studio del Royal Court, il Jerwood Theatre Upstairs, è stata delusa. Non tanto dalla brava interprete Maureen Beattie che ha dato vita tangibile, per quanto possibile, al soliloquio, ma dal contenuto di non difficile lettura ma dai confini nebbiosi e ridondante di generalizzazioni. Il tema è intimo: una donna che ha perso il compagno sette anni prima e che tenta di risollevarsi alla vita, mentre ricorda. Sono proprio i ricordi che sono semplicisticamente trattati. Il tema del trascorrere del Tempo viene analizzato prendendo come misura l'arresto in un orgasmo del Tempo per asserire la sua staticità, per poi negarla dichiarando che non è vero, dato che si ricordano passati incontri e che si hanno desideri per il futuro dettati da legami precedenti o dalle nostre voglie. La dichiarazione che si è definiti da ciò che si ricorda e da ciò che si desidera lascia altrettanto dubbiosi perché il discorso s'incaglia, asserisce, ma non spiega, non approfondisce.
La regista Imogen Knight fa del suo meglio con questo filo diafano di pensiero e fa agire il personaggio della donna dandogli tristezza e pena di vivere, come spezzata all'interno dalla tragedia della morte, da cui il titolo, penso, di Guerra Nucleare, interna. Circonda la protagonista con quattro figure in abiti neri, coro, ombre tragiche, che echeggiano il suo dolore con frasi sussurrate o urlati canti tribali e con azioni coreografiche a supporto del suo vagabondare sulla scena. Ma anche il simbolismo dell'azione straripa nell'artificioso e fin nel ridicolo quando le figure in balaclava mangiano grottescamente mandarini spruzzando succhi e semi tutt'intorno a dimostrazione della frase dell'interprete che allude ad un profumo di mandarini.
In conclusione, una scrittura deludente che offusca le previsioni di potenziali capacità di questo autore e che fa fare alla regista e all'interprete salti mortali per rappresentarla.

Beatrice Tavecchio

Ultima modifica il Domenica, 30 Aprile 2017 10:30

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.