venerdì, 20 luglio, 2018
Sei qui: Home / Attualità / Sipario Danza / Sipario Danza / "Suite en Blanc" a confronto con "Pink Floyd" conquistano il pubblico del Teatro dell'Opera

"Suite en Blanc" a confronto con "Pink Floyd" conquistano il pubblico del Teatro dell'Opera

"Pink Floyd", coreografia Roland Petit. Foto Yasuko Kageyama, Teatro dell'Opera di Roma "Pink Floyd", coreografia Roland Petit. Foto Yasuko Kageyama, Teatro dell'Opera di Roma

"Suite en Blanc" a confronto con "Pink Floyd"
conquistano il pubblico del Teatro dell'Opera

Serata magnifica. Spettacolo da non perdere. Atmosfera coinvolgente. Potremmo continuare a foggiare esclamazioni di questo tipo a iosa, per lo spettacolo d'apertura della stagione 2018, dal titolo unitario "Soirée Française" ("Suite en blanc" e "Pink Floyd" a confronto) del balletto del Teatro dell'Opera di Roma.
Il primo atto di "Suite en Blanc", coreografia Serge Lifar, su musiche di Édouard Lalo – estratti da "Namouna", ripresa da Claude Bessy è un evento dimostrativo dell'arte pura della danza classica, strutturato con momenti corali, per passare a passi a due, a tre, poi assoli: una sorta di catalogo accademico avvolto nel bianco dei tutù, dove tutti danno prova di precisione e preparazione, mentre l'edizione di "Pink Floyd", coreografia Roland Petit, ripresa da Luigi Bonino, con l'aiuto di Gillian Whittingham, ha trovato nello spazio del palcoscenico, montato tra effetti di luce di Jean-Michel Desirée, elementi giusti che hanno dato rilievo dialettico tra quanto accadeva in scena e lo sfondo magico delle luci. Un contrasto valorizzato da una alternanza di giochi di luci ed effetti fumogeni che hanno avvolto lo spettacolo, dandogli unità, tensione, atmosfere; elementi che hanno catturato l'attenzione del numeroso pubblico (veramente tanto se pensiamo che la politica dei prezzi non è certamente popolare, alla portata di tutti), che non ha lesinato gli applausi, accompagnati da fragorosi "bravo" e vivi batter di mani. Insomma, una ovazione, per un tempo molto lungo, tanto che poi si è replicato, come bis, un quadro molto suggestivo, corale, dove il linguaggio coreografico di Roland Petit, attinge a segni, movimenti, gestualità, appartenenti al viver quotidiano di ciascuno, ma che montati in maniera coordinata su una coreografia moderna e su un insieme di ballerini ricchi di energia, creatività e simpatia (gli uomini in calza maglia bianca, a torso nudo, le donne con su calza maglia bianca, su tutto il corpo) hanno conferito un impatto di grande rilevanza.
Spettacolo che sulla carta poteva essere datato, infatti la prima edizione risale al 1972.
In verità nello spazio scenico, in quel contesto di atmosfere, lo spettacolo nelle sue due parti ha avuto il risalto di modernità che merita.
Il corpo di ballo, composto da settantacinque ballerini, ora sotto la guida di Eleonora Abbagnato, ha ritrovato l'humus e le giuste motivazioni che in scena si trasformano in energia propositiva, mostrandoci la bravura e il gioco d'intesa che si sviluppa con lo spettatore. Uno spettacolo, a cui erano presenti il sovrintendete Carlo Fuortes, personalità della danza, che ha generato una unità d'intesa con tutto lo staff della compagnia, che passerà alla memoria del teatro dell'Opera di Roma.

Mario Mattia Giorgetti

Ultima modifica il Giovedì, 01 Marzo 2018 10:48

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.