sabato, 20 ottobre, 2018
Sei qui: Home / Recensioni / Rassegna Festival / FESTIVAL DEI DUE MONDI DI SPOLETO 2018 - “MY LADIES ROCK”, coreografia Jean-Claude Gallotta.- di Giuseppe Distefano

FESTIVAL DEI DUE MONDI DI SPOLETO 2018 - “MY LADIES ROCK”, coreografia Jean-Claude Gallotta.- di Giuseppe Distefano

“My ladies rock”, coreografia Jean-Claude Gallotta. Foto Stephanie Para “My ladies rock”, coreografia Jean-Claude Gallotta. Foto Stephanie Para

My ladies rock
coreografia Jean-Claude Gallotta
testo e drammaturgia Claude-Henri Buffard
scene e immagini Jeanne Dard
disegno luci Dominique Zape
video Benjamin Croizy
costumi Marion Mercier
musiche Wanda Jackson, Brenda Lee, Marianne Faithfull, Siouxsie and the Banshees, Aretha Franklin, Nico, Lizzy Mercier Descloux, Laurie Anderson, Janis Joplin, Joan Baez, Nina Hagen, Betty Davis, Patti Smith, Tina Turner e di Benjamin Croizy e Strigall
coproduzione Maison de la Culture de Bourges, Théâtre du Rond Point, Théâtre de Caen, CNDC d'Angers, Châteauvallon, scène nationale, con il sostegno di MC2: Grenoble
Al Festival dei Due Mondi di Spoleto, dal 6 all'8 luglio 2018

Non si può dire altro: coreografie banali, ovvie, ripetitive, più vicine ai modelli di stampo televisivo che a un pensiero di movimento con una coerente costruzione conseguente all'idea ispiratrice, risolta invece con un vocabolario gestuale senza un preciso senso drammaturgico. Non ci si aspettava una coreografia necessariamente originale ma almeno movimenti di più incisiva espressività, quella che nasce da un linguaggio approfondito. Al Festival dei due Mondi di Spoleto lo spettacolo di Jean-Claude Gallotta My ladies rock, un omaggio all'universo femminile e al genio creativo di cantanti che hanno lasciato una traccia nel mondo musicale, è scorso senza aver lasciato nessuna suggestione. E dire che c'erano tutti i presupposti considerando il tessuto musicale sul quale l'idea traeva forza. Riascoltare le canzoni di grandi vocalist, come Sister Morphine di Marianne Faithfull, Baby I Love You di Aretha Franklin, Swing Low, Sweet Chariot di Joan Baez e altri nomi come Janis Joplin, Patti Smith, Nico, Wanda Jackson, Brenda Lee, Laurie Anderson, Nina Hagen, ha supplito, almeno in parte, alla danza inconsistente e piena di cliché, del coreografo francese, nome importante che ha caratterizzato la "nouvelle danse" degli anni Ottanta e Novanta, ma che oggi sembra non aver nulla più da dire di nuovo. L'intenzione era lodevole: riscrivere in qualche modo la storia del rock dove ha sempre prevalso il potere maschile glorificato nella sua egemonia oscurando in gran parte tutte quelle donne che invece hanno osato, sperimentato, rinnovato la scena musicale, donne libere di essere se stesse anche negli eccessi, con le proprie voci, i propri corpi, la propria personalità. Queste le dichiarazioni di Gallotta che ha creato una sua playlist di 13 brani sui quali ha assemblato uno spettacolo didascalico. Costruito come un mosaico, alternando le danze dell'ensemble a duetti e assoli, ogni quadro è introdotto da una serie d'immagini proiettate e di didascalie recitate, che presentano le singole interpreti, la loro storia, la peculiarità della loro presenza sulla scena musicale del Novecento e fino ai nostri giorni con le loro eredi. Sfumando dall'una all'altra canzone, per ogni brano una coreografia che si lega alla successiva in maniera da creare un flusso ininterrotto con entrate e uscite dei danzatori ogni volta diverse solo nei costumi. Lo spettacolo termina con un richiamo al ruolo delle donne nelle nostre società subito dopo la canzone Proud Mary di Tina Turner, che trasforma la scena in una pista da ballo.

Giuseppe Distefano

Ultima modifica il Mercoledì, 11 Luglio 2018 21:03

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.