sabato, 17 novembre, 2018
Sei qui: Home / D / DON CHISCIOTTE - coreografia Rudolf Nureyev

DON CHISCIOTTE - coreografia Rudolf Nureyev

Don Chisciotte Don Chisciotte Svetlana Zakharova. Foto Marco Brescia.

musica: Ludwig Minkus
coreografia: Rudolf Nureyev
direttore: Paul Connely
scene: Raffaele Del Savio
costumi: Anna Anni
con Svetlana Zakharova / Sabrina Brazzo, Denis Matvienko / Leonid Sarafanov
corpo e orchestra del Teatro alla Scala
Milano, Teatro alla Scala, settembre 2007

Corriere della Sera, 9 agosto 2007
Zakharova e Matvienko strepitosi nel Don Chisciotte

Prima che Rudolf Nureyev, nel 1966 a Vienna, lo riproponesse nella sua interezza, il balletto di Petipa e Minkus «Don Chisciotte» era conosciuto in Occidente solo per il suo gran passo a due finale, momento di altissimo vigore e rigore accademico, cavallo di battaglia di tutti i grandi interpreti sovietici (e Vladimir Vassiliev era, in quegli anni, un modello irraggiungibile). Il motivo: «Don Chisciotte» era un grande spettacolo di gusto sorpassato, le musiche non restavano nell' orecchio e nel cuore, e la vicenda era, a parere dei più, scombinata. L' eroe di Cervantes era solo un pretesto per portare a lieto fine l' amore contrastato fra il povero e astuto barbiere Basilio e la bella Kitri, figlia di un oste che la vorrebbe sposa a un ridicolo damerino di città: in un clima da opera buffa italiana e con qualche riferimento alla «Fille mal gardée» nata addirittura nel 1789, il balletto petipiano univa il comico al folcloristico, senza dimenticare il lato romantico, spirituale, quasi d' obbligo da «Giselle» in avanti. Il Cavaliere errante sogna la sua ideale Dulcinea in un immaginario paradiso delle Driadi, prima di benedire le nozze dei due giovani e di rientrare nella quotidianità della vita. Nureyev scatenò la sua fantasia, svariando fra Russia e Spagna, fra toreri e dragoni, zingari e preti, aggiungendo alla sua parte toni beffardi alla Till Eulenspiegel, ripensando il virtuosismo maschile con astuzie di alta scuola moderna e chiedendo alla prima ballerina impegni assai gravosi per velocità e grazia. Il successo non è mancato, e alla Scala questo Don Chisciotte è di casa dal 1980, quando Rudy lo danzò con Carla Fracci. Nella ripresa scaligera applauditissima di venerdì, c' erano due superstar, Svetlana Zakharova e Denis Matvienko, assolutamente strepitosi, autentici fuoriclasse ed esemplari interpreti di una tradizione sorretta da una scuola intatta. Indimenticabili le entrate travolgenti della étoile e le poderose imprese del danzatore. Magnifiche performances, con un paio di piccolissime esitazioni, e pubblico entusiasta. Allestimento di Del Savio, troppo realistico per le Driadi, bei costumi di Anna Anni, direttore d' orchestra Connelly, fra gli interpreti un elogio soprattutto a Antonio Sutera.

Mario Pasi

Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2013 07:42
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.