sabato, 23 giugno, 2018
Sei qui: Home / M / MANON - coreografia Kenneth MacMillan

MANON - coreografia Kenneth MacMillan

"Manon", coreografia Kenneth MacMillan. "Manon", coreografia Kenneth MacMillan.

Balletto in tre atti

dal romanzo dell'abate Prévost, L'histoire du chevalier des Grieux et de Manon Lescaut
Direttore Martin Yates
Coreografia Kenneth MacMillan
ripresa da Karl Burnett, Patricia Ruanne

Scene e Costumi Nicholas Georgiadis

Scenografo Collaboratore Cinzia Lo Fazio

Luci John B. Read
Interpreti principali

Manon Eleonora Abbagnato / Susanna Salvi

Des Grieux Friedemann Vogel / Claudio Cocino

Monsieur G.M. Benjamin Pech / Manuel Paruccini

Lescaut Giacomo Castellana

Maîtresse Alessandra Amato
Orchestra, Étoile, Primi Ballerini, Solisti e Corpo di Ballo del Teatro dell'Opera di Roma

Con la partecipazione degli allievi della Scuola di Danza del Teatro dell'Opera di Roma
Allestimento Stanislavsky and Nemirovich-Danchenko Moscow Music Theatre

Roma, Teatro dell'Opera di Roma dal 25 al 31 maggio 2018

www.Sipario.it, 28 maggio 2018

Nel guardare la Manon che è in scena all'Opera di Roma in questi giorni, riecheggiano alla mente le parole che Thomas S. Eliot disse a proposito dell'arte: e cioè che essa non è mai espressione di un'emozione, ma la sua riflessione. Non vi può né potrà mai esservi battito di cuore o fremito d'animo cui un artista dia corpo senza guardarli da una certa distanza come se quei moti e quei sentimenti fossero lontani nel tempo.
Questa versione di Manon è bellissima perché corrisponde in pieno a tale criterio. Essa è tutta giocata su un una coralità alla quale si contrappongono le individualità dei due protagonisti: la giovane fanciulla, materiale ma romantica al contempo, che dà il titolo all'opera; e il passionale e idealista Des Grieux, suo sincero innamorato. Le coreografie di MacMillan, ottimamente riprese da Karl Burnett e Patricia Ruanne, vogliono mostrare l'inveterata prepotenza che la parte povera del popolo è costretta a subire da coloro che possiedono denaro e potere; e allo stesso tempo come tale situazione sia vissuta individualmente: quali sofferenze si provano: quali dissidi: quali dubbi irretiscono i cuori e la mente della persona. Il povero non può nulla, se non sperare che il suo cammino non infastidisca coloro che nella vita sociale contano ed hanno peso. Ecco perché Manon sceglie l'amore interessato (e non sincero) per il ricco e spregiudicato Guillot de Morfontaine: per non vivere più in una condizione di inferiorità. Ma quando rifiuterà agi ed ori a favore del sincero sentimento verso Des Grieux, entrambi ne pagheranno le conseguenze e a caro prezzo.
Susanna Salvi dà vita ad una Manon dolce, esile: a tratti un po' frivola e vezzosa, a tratti donna decisa nel fare le proprie scelte accettando quel che ne seguirà. Tutto questo si traduce in uno stile di danza leggero, delicato: quando percorre sulle punte dei piedi il palcoscenico da una parte all'altra, par quasi che voli e che per lei la forza di gravità non sia che un orpello come un altro da utilizzare al momento giusto.
Bravissimo anche Claudio Cocino nei panni di Des Grieux. All'inizio i suoi passi sono un po' appesantiti e incerti. Poi, come rispondendo all'appello di Tersicore di lasciarsi andare e sentirsi leggero come un giovane uccello al suo primo volo, eccolo volteggiare con decisione e dar vita a coreografie di grande intensità.
Ma il tratto più bello e notevole di questa Manon sta soprattutto in un'eleganza che deriva da un distacco dalle situazioni rappresentate conferendo leggerezza all'insieme. Nel corso dello spettacolo, le scene d'amore suggeriscono dolcezza; quelle di truce passione (la violenza del carceriere su Manon) un moto di composta compassione. E quando Manon muore, la disperazione di Des Grieux è simboleggiata dal suo corpo che, come ultimo atto, tenta di alzare quello esanime della donna tanto amata.
Anche in questo caso lo stile e l'eleganza di MacMillan hanno vinto: di fronte alla morte: quell'attimo estremo il cui dolore è solito non conoscere misura.

Pierluigi Pietricola

Ultima modifica il Sabato, 02 Giugno 2018 11:59

Video

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.