sabato, 18 novembre, 2017
Sei qui: Home / S / SCUOLA DI BALLO ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA - coreografie Olivieri, Dolin, Kylián, Petipa

SCUOLA DI BALLO ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA - coreografie Olivieri, Dolin, Kylián, Petipa

Scuola di Ballo Accademia Teatro alla Scala. Foto Maria Stefania Mantelli Scuola di Ballo Accademia Teatro alla Scala. Foto Maria Stefania Mantelli

Scuola di Ballo Accademia Teatro alla Scala diretta da Frédéric Olivieri

Fondazione Accademia Teatro alla Scala

"Presentazione" ideata da Frédéric Olivieri

musiche Cari Czerny
"Variations four four"

coreografia Anton Dolin,
ripresa da Maina Gielgud

musiche Marguerite Koegh


"Un ballo"

coreografia Jirí Kylián,
ripresa da Shirley Esseboom

musiche Maurice Ravel 

"Paquita"

coreografia Marius Petipa,
ripresa da Tatiana Nikonova e Leonid Nikonov

musiche Édouard-Marie-Ernest Deldevez, Ludwig Minkus

Con il contributo di allievi e diplomati dei Corsi per Sarti dello spettacolo,
Truccatori e parrucchieri e Fotografi di scena
dell'Accademia Teatro alla Scala
Piccolo Teatro Strehler, Milano, 6 aprile 2017

www.Sipario.it, 8 aprile 2017

L'eleganza è ritornata puntuale. Un evento concreto, ben confezionato contraddistinto dalla disciplina, dal lavoro e soprattutto dalla condotta accademica. La Scuola di Ballo del Teatro alla Scala di Milano, istituzione che da oltre duecento anni diploma i giovani che in seguito avranno il privilegio di calcare il palcoscenico del Piermarini e tanti teatri ed enti lirici, ha offerto nuovamente il suo accurato biglietto da visita. Il direttore Frédéric Olivieri è riuscito ad impartire al pubblico milanese dello Strehler (tempio degli spettacoli della Scuola di Ballo, progettato da Marco Zanuso e inaugurato nel 1998 sulle note del "Così fan tutte di Mozart", ultima regia di Giorgio Strehler) una lezione di "danza" dimostrando, ancora una volta, che il saper affrontare ed accostarsi alla nobile disciplina, con tutti i crismi, necessita impegno, sacrificio, fatica ed una passione innata per Tersicore. Gli allievi dal I all'VIII Corso, sono stati i protagonisti dell'inizio serata con "Présentation" su musica di Carl Czerny; creazione ideata dallo stesso Olivieri il quale ha sgranato in scena, ad una ad una, tutte le perle della Scuola di Ballo. Una passerella di virtuosismi e posizioni coreiche a sottolineare - ognuno con il proprio livello di studio - l'attitudine e l'erudizione tecnica. Una geometria risaltata da plié, pirouettes, en dehors, salti, grand-plié, battement tendu, jeté in una netta dimostrazione della solidità formativa sottolineata da ritmicità e velocità d'esecuzione. A seguire si è dato sfoggio di un pezzo arduo e faticoso come "Variations for Four" di Sir Anton Dolin (celebre coreografo britannico e danzatore nei Balletti Russi di Sergei Diaghilev) su musica di Marguerite Koegh. I quattro giovani in scena (del settimo e ottavo corso) si sono misurati con sicurezza, senza mai lasciarsi intimidire dalle difficoltà tecniche della coreografia, offrendo all'attento pubblico le competenze acquisite all'interno della Scuola in un "pas de quatre" che fin dalle prime battute ha rispettato le cifre stilistiche e manieristiche delle origini interpretando i ruoli degli elementi Aria, Acqua, Terra e Fuoco. In platea ad assistere e ad applaudire alla ripresa della creazione anche Jelko Yuresha (già ballerino al "London Festival Ballet" e autore in questo allestimento scaligero di costumi e scenografie nonché detentore dei diritti di alcune coreografie di Dolin). Il palcoscenico dello Strehler ha poi celebrato il genio di Kylián con "Un Ballo" ripreso da Shirley Esseboom sulle evocative musiche di Maurice Ravel. All'apertura di sipario un colpo d'occhio di rara bellezza, la perfezione scenica, i tagli di luce di raffinata visione minimalista e gli essenziali costumi di Joke Visser sono risultati ingredienti ben miscelati nel porre l'attenzione sull'esercizio di musicalità. Gli allievi hanno restituito, con convinzione, alla platea "classe" e padronanza immergendosi nelle dinamiche, rimandando l'atmosfera delle lezioni di danza tra lo studio del linguaggio e la ricerca del particolare. "Un Ballo" si è avvalso del concetto, messo in atto, nel cogliere la sublime bellezza dell'arte della danza, scomponendo ed analizzando il movimento in un ravvicinato legame melodico. Il secondo tempo si è illuminato e colorato con alcuni estratti da "Paquita", nella versione di Marius Petipa su musiche di Édouard-Marie-Ernest Deldevez e Ludwig Minkus arricchita dai costumi di Santi Rinciari. Un pezzo coreografico sostenuto dalla duttilità esecutiva, unitamente alla modulazione dello stile e della tecnica, ben sposate all'interpretazione e all'ottimo uso di braccia e tenuta, nel cesellare l'effigie dell'istituzione milanese d'assoluta qualità artistica, nell'espressione massima del balletto romantico. Da sottolineare l'accurato contributo degli allievi e diplomati dei Corsi per Sarti dello spettacolo, Truccatori e parrucchieri e Fotografi di scena dell'Accademia scaligera unitamente al sapiente ed ineccepibile corpo docente e alle strutture organizzative e gerarchiche. Nel finale applausi meritati per il tradizionale ed affascinante appuntamento di primavera, che sotto la direzione professionale ed il sostegno nella formazione di successo del maestro Frédéric Olivieri, ha mostrato l'anima dei nuovi "talenti" del domani.

Michele Olivieri

Ultima modifica il Domenica, 09 Aprile 2017 07:03

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.