sabato, 18 novembre, 2017
Sei qui: Home / Cinema / L'Orlando Furioso e il suo mondo nel Cinema Italiano - di Paolo Micalizzi

L'Orlando Furioso e il suo mondo nel Cinema Italiano - di Paolo Micalizzi

Orlando FuriosoPaolo Micalizzi
L'ORLANDO FURIOSO E IL SUO MONDO NEL CINEMA ITALIANO
Edizioni La Carmelina, Ferrara, € 10.00, pp. 99
(CINEMA - Alberto Pesce)

A parte Orlando Furioso (1969) di Luca Ronconi, cosceneggiatura di Edoardo Sanguineti e fotografia di Vittorio Storaro, cinque ore di spettacolo in cinque parti (una seconda e una terza accostate nel 1975 per un film ristretto, da fuga di Angelica a storia gentile di Dardaniello), immaginario "ronconiano" come se Ludovico Ariosto gli fosse accanto con la sua predilezione per avventure, magìe, innamoramenti, tenzoni e capacità di goderle anche se dissociate e confuse, non è che il nostro cinema abbia saputo sfruttare la cifra ariostesca.
Dopo un articolato percorso da un film all'altro, lungo o corto che sia, tra Paladini di Francia, messer Ariosto personaggio, scorci di Ferrara epica e cortese (1926) o perla del Delta (1988), Paolo Micalizzi lo riscontra in epilogo sperando "maggiori soddisfazioni" da futuribili film alle prese con la poetica cinematograficità dell'universo ariostesco. E lo fa a ribadire di persona quanto esposto in prologo con una lontana lezione, anno 1930, di Anton Giulio Bragaglia, citata quasi integrale, suggerimenti per film a venire con quadri, come nel film di Ronconi, che, "patetici e grotteschi, eroici e idillici" che siano, trovano proprio "nell'Ariosto un astuto ed elegante periodista di immagini". Ed è su questa scia che Micalizzi, senza inarcarsi saggistico, ma giornalisticamente esperto, magari più analitico a sonda dei lungometraggi, Paladini di Francia via via di Pietro Francisci (1957), Emanuele Luzzati e Giulio Gianini (1960), Angelo D'Alessandro (1978), Giacomo Battiato (1983), Il cavaliere inesistente (1969) di Pino Zac, E ridendo l'uccise (2005) di Florestano Vancini, propone in un giustapposto rimpallo anche come ogni film sia stato ideato e gestito, soprattutto con ampio ragguaglio critico come è stato giudicato, specularmente alle attese e allo spirito del tempo.

 

 

 

 

 

 

Ultima modifica il Mercoledì, 01 Marzo 2017 21:50

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.