sabato, 17 agosto, 2019
Sei qui: Home / A / ANGELO DI FUOCO (L')- regia Emma Dante

ANGELO DI FUOCO (L')- regia Emma Dante

“L'Angelo di fuoco”, di Emma Dante “L'Angelo di fuoco”, di Emma Dante

Musica Sergej Prokof'ev
Opera in cinque atti e sette quadri

Libretto del compositore da un romanzo di Valerij Brjusov

Prima esecuzione in forma di concerto

Parigi, Théâtre des Champs-Elysées, 25 novembre 1954

Direttore Alejo Pérez
Regia Emma Dante
MAESTRO DEL CORO Roberto Gabbiani 

SCENE Carmine Maringola

COSTUMI Vanessa Sannino

MOVIMENTI COREOGRAFICI Manuela Lo Sicco

LUCI Cristian Zucaro

MAESTRO D'ARMI Sandro Maria Campagna

PRINCIPALI INTERPRETI
RUPRECHT Leigh Melrose

RENATA Ewa Vesin / Elena Popovskaya 
PADRONA DELLA LOCANDA Anna Victorova

INDOVINA Mairam Sokolova

AGRIPPA DI NETTESHEIM Sergey Radchenko

JOHANN FAUST Andrii Ganchuk
*
MEFISTOFELE Maxim Paster

MADRE SUPERIORA Mairam Sokolova

INQUISITORE Goran Jurić

JAKOB GLOCK Domingo Pellicola
*
MATHIAS WISSMAN Petr Sokolov

MEDICO Murat Can Guvem
*
SERVO Andrii Ganchuk
*
PADRONE DELLA TAVERNA Timofei Baranov
*
I GIOVANE MONACA Arianna Morelli / Carolina Varela 

II GIOVANE MONACA Emanuela Luchetti / Silvia Pasini 

* dal progetto "Fabbrica" Young Artist Program del Teatro dell'Opera di Roma
Orchestra e Coro del Teatro dell'Opera di Roma
Nuovo allestimento
Teatro dell'Opera di Roma dal 23 maggio al 1 giugno 2019

www.Sipario.it, 22 maggio 2019

Difficile è giungere alla conoscenza. Quella forma di saggezza grazie alla quale i segreti scompaiono e fra l'uomo e il mondo ogni distinzione si annulla. Il tutto venendo a coincidere, manifestandosi in forma di estasi. Di questo parla L'angelo di fuoco.
Prokof'ev compose un'opera estrema. Allucinata, piena di visioni. Nella quale trasfuse tutti gli elementi appresi dalle avanguardie russe del Novecento. Periodo non di rifiuto dei tempi andati. Ma, al contrario, d'una loro totale assimilazione per creare qualcosa che non fosse puro estetismo, linguaggi poetici usati in modo sciatto e banale. Grazie al classico, si può guardare l'orizzonte più da vicino, per raggiungerlo e proiettarsi nell'infinito. La protagonista dell'opera di Prokof'ev simboleggia tale propensione.
Fin da bambina, Renata è posseduta da visioni che la tormentano. Tutte hanno l'immagine di un angelo, Madiel, il cui compito è di condurla verso la santità. Lei se ne innamora, e la creatura si tramuta in una colonna di fuoco. Mai però Renata smetterà di cercarla. E lo farà giungendo all'estremo del suo destino: venire condannata a morte per aver intrattenuto – questa l'accusa – rapporti carnali con il demonio.
Per rafforzare la tensione e la trasmutazione dell'uomo che brama la sapienza vera, Prokof'ev ambienta la vicenda nella Germania del Cinquecento, ai tempi della Sacra Inquisizione. Personaggio opposto a Renata, particolarmente nello spirito, è Ruprecht: dedito ai piaceri del corpo, razionale e il cui viaggio verso la conoscenza – per aiutare Renata nella sua ricerca – finisce per divenire mera erudizione. Nulla di ciò che apprenderà potrà trasmutarlo, facendogli compiere quello che Jung definiva processo di individuazione.
Arde il puro conoscitore per essere un liberato in vita. Ciò che diviene Renata mercé il rogo cui è condannata. Perché, come sostiene Elémire Zolla, il liberato "si affida a un maestro e nel rapporto con lui brucia senza residui ogni altro vincolo. Quando anche il suo discepolato è venuto a termine, domina in lui uno spirito impassibile. La sua natura non si fonda sulla sua intelligenza, nella quale pure si riflette, essa è direttamente quella del cosmo intero".
Nella regia di Emma Dante, questo sostrato viene meno. Ella ha sottratto all'Angelo di fuoco ogni simbologia. Tutto diviene carnale, fisico. Non v'è elemento che faccia intravedere uno spiraglio metafisico. La vicenda di Renata diviene condizione mentale di nevrosi che la scenografia rende riproducendo le palermitane Catacombe dei Cappuccini. E la tensione della protagonista verso la sapienza, si traduce nell'ormai stinta lotta fra il bene e il male, angeli contro demoni.
Ma questa schizofrenia, questo "desiderio dei sensi, preda di conflitti tra ragione e alienazione" è distante da quanto Prokof'ev intendeva esprimere col suo Angelo. Creatura che, afferma Massimo Cacciari, "testimonia il mistero in quanto mistero, trasmette l'invisibile in quanto invisibile, [e] non lo 'tradisce' per i sensi".

Pierluigi Pietricola

Ultima modifica il Domenica, 26 Maggio 2019 09:02

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.