lunedì, 25 giugno, 2018
Sei qui: Home / D / DAMNATION DE FAUST (LA) - regia Jean Kalman

DAMNATION DE FAUST (LA) - regia Jean Kalman

La Damnation de Faust La Damnation de Faust Regia Jean Kalman

di Hector Berlioz
direttore: George Pehlivanian
regia, scene e costumi: Jean Kalman
costumi: Emanuel Ungaro
con José Bros, Sonia Ganassi, Erwin Schrott, Maurizio Lo Piccolo
Orchestra, Coro e Coro di Voci Bianche del Teatro di San Carlo
Napoli, Teatro di San Carlo, dal 18 al 26 marzo 2009

La Stampa, 25 marzo 2009
E Faust finisce all'inferno con vestiti griffati Ungaro

La damnation de Faust rivive al San Carlo di Napoli in forma scenica. Héctor Berlioz l’aveva concepita come «leggenda drammatica», ossia teatro immaginario da creare, attraverso la musica, nell’interiorità della fantasia. Ma questo pseudo-oratorio è in realtà un portentoso, sperimentale e affascinante incrocio di prospettive diverse: teatro epico, visione lirica, realismo drammatico, staticità oratoriale e precipitoso incalzare di eventi si alternano in un progetto in cui ciò che stupisce è, prima di tutto, la data della prima: 1846.

Il teatro erompe quindi dalla partitura della Damnation come un fenomeno naturale: il problema è incanalarne il flusso. Il regista Jean Kalman ha scelto una sola direzione, quella del simbolo, dell’astrazione, in un teatro fatto di sola luce, assolutamente statico e privo di azione. In pratica, ha fatto un oratorio in costume. Scelta riduttiva, anche se condotta con gusto: i quadri sono eleganti, i colori raffinati, con proiezioni in dissolvenza. Ma capire, senza le didascalie, dove si svolga l’azione e chi rappresentino i coristi, se pastori, soldati, demoni, dannati o spiriti eletti, è un’impresa: in assenza di movimento, inoltre, ogni ambiente - praterie, montagne, foreste, caverne, camera di Margherita, studio di Faust - si confonde e i contrasti si perdono. Meglio li mettono in evidenza i costumi di Emanuel Ungaro che sono eleganti, come è ovvio da parte di un grande stilista, e riescono a caratterizzare almeno i personaggi principali: quello nero di Mefistofele, con maschera di cuoio, spicca su tutti.

Se la serata, comunque, regge, il merito principale va all’esecuzione musicale, condotta da George Pehlivanian. Non si finirebbe più di scavare nelle stratificazioni dell’orchestra di Berlioz: il sovrapporsi simultaneo di ritmi diversi, le armonie strane, i colori mirabolanti, le melodie spezzate, la fantastica bizzarria, messa al servizio di un teatro d’avanguardia, generano vere e proprie allucinazioni sonore che Pehlivanian ha complessivamente valorizzato. E, se altro ci sarebbe stato da portare alla luce, in questa orchestra inesauribilmente fantastica, l’andamento generale era teso e sempre interessante. La compagnia di canto risponde bene alle intenzioni del direttore.

Sonia Ganassi è un’eccellente Margherita, dotata di voce calda e molto pastosa, ben compresa nel suo ruolo fondamentalmente lirico; Erwin Schrott è un Mefistofele scenicamente controllato, con qualche momento di esagerazione verista, ma complessivamente assai credibile; il tenore José Bros impersona Faust con un timbro di voce non felicissimo, ma con stile di canto sempre molto consapevole. Il coro, diretto da Marco Ozbic, contribuisce, insieme all’orchestra, a un’esecuzione che costituisce un’occasione da non perdere nel panorama di questa stagione.

Paolo Gallarati

Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2013 08:35
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.