giovedì, 21 marzo, 2019
Sei qui: Home / P - Q / PELAGIO - regia Jean-Louis Pichon

PELAGIO - regia Jean-Louis Pichon

Pelagio Pelagio Regia Jean-Louis Pichon

musica: Saverio Mercadante
prima rappresentazione scenica in tempi moderni
revisione e trascrizione: Mariano Rivas, direttore: Mariano Rivas, regia: Jean-Louis Pichon, scene: Alexandre Heyraud, costumi: Frédéric Pineau
con Costantino Finucci, Clara Polito, Danilo Formaggia, Paola Francesca Natale, Vladimer Mebonia, Giovanni Coletta, Cristian Camilo Navarro Diaz, Vincenzo Maria Sarinelli
Coro Slovacco di Bratislava, Orchestra Internazionale d'Italia
34° Festival della Valle d'Itria
Martina Franca, Palazzo Ducale, 2 e 4 agosto 2008

Corriere della Sera, 10 agosto 2008
Ecco il segreto del «Pelagio»: il suo equilibrio

Grattar barili per cavarne dimenticati oggetti d' arte è sempre cosa meritoria per chi la pratichi, quand' anche l' oggetto non sia dei più preziosi. Se ne giova il lavoro dello storico, si comprende meglio il quadro estetico e linguistico, si coglie l' humus da cui sortisce il capolavoro. Al Festival della Valle d' Itria di Martina Franca ne hanno fatto una vocazione. Non v' è Festival infatti in Europa che si dedichi al sommerso musicale con altrettale abnegazione. Ma merito ancor maggiore della piccola ma ormai storica istituzione - le candeline sono già 34 - è d' aver riesumato numerose pagine non solo inedite ma d' alto tasso qualitativo. Ultima fra queste è Pelagio, titolo che occupa l'ultimo posto, cronologicamente, del vasto catalogo di Saverio Mercadante. Risale al 1855 (Bellini e Donizetti sono stramorti, Verdi s' è appena lasciato alle spalle la cosiddetta Trilogia popolare), quando l' autore d' Altamura (ennesimo pugliese neapolitanizzato dell' opera italiana), ha ormai rinunciato ai tratti più sperimentali della sua scrittura (Il bravo o Il giuramento) in favore di quella ricerca di pulizia, equilibrio e buon senso che è propria della maturità di tanti compositori. E tale appunto è il segreto di Pelagio: né troppa «scena» né troppo «numero strofico», né troppe «cabalette», né troppa tirchieria d' effetto. Ecco dunque un' orchestrazione violenta, corrusca, che si alterna abilmente a degli «obbligati» strumentali di magistrale finezza (non è lui del resto l' autore del più bel Concerto dell' 800 italiano, quello per flauto?). Ecco, Pelagio è tutto questo, e a un grado d' invenzione che non sconvolge ma non delude. Una bell' opera di mezzo Ottocento, ancora confezionata con quel sano gusto artigianale che nella seconda metà del secolo si sarebbe, Verdi a parte, definitivamente perduta. Guidata da Mariano Rivas, un interprete affidabile, che ha il solo torto di temere il «grasso» orchestrale e a furia di levigare la materia tende a ridurla a un aspetto un po' esangue, l' Orchestra Internazionale d' Italia ne ha dato una esecuzione rispettabile. E più che dignitosa è stata pure (se non sulla scena, come cantanti) la prova degli interpreti: il baritono Costantino Finucci nei panni del re cristiano, il tenore Danilo Formaggia in quelli del temibile rivale arabo Abdel-Aor e soprattutto il soprano Clara Polito nella parte di Bianca, figlia dell' uno e moglie dell' altro. Buon successo.

Enrico Girardi

Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2013 08:56
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.