giovedì, 21 giugno, 2018
Sei qui: Home / T / TOSCA - regia Gilbert Deflo

TOSCA - regia Gilbert Deflo

Tosca Tosca Regia Gilbert Deflo

di Giacomo Puccini
direttore: Pinchas Steinberg
regia: Gilbert Deflo, scene e costumi: William Orlandi, luci: Bruno Ciulli
interpreti: Susan Neves, Andrew Richards, Boris Trajanov, Francesco Palmieri, Marcello Lippi, Alessandro Cosentino, Giovanni Bellavia, Cosimo Diano
Orchestra, Coro e Coro di Voci bianche del Teatro Massimo di Palermo. Nuovo allestimento. Palermo, Teatro Massimo 2007

www.Sipario.it, 2007

Oscurità e minimalismo dominano nella Tosca in scena a Palermo tra agitazioni sindacali e vistose modifiche dei cast previsti nel cartellone della stagione. Nell’atto in S. Andrea della Valle emerge dal buio un alto, nudo pilastro con sovrastante trave a formare una grande croce con effetto cemento armato, in assoluto contrasto (che allo scenografo William Orlandi sarà evidentemente piaciuto, ma a noi molto meno) con la proiezione prospettica del maestoso interno della Basilica di S. Pietro (?) che appare sul fondale verso la fine dell’atto. Buio anche nell’atto a Palazzo Farnese: mobili neri e due ceri per rischiarare l’enorme stanza del barone Scarpia. Completamente nudo il terzo atto nel quale il povero Cavaradossi, in piedi, è costretto a scrivere il proprio addio a Tosca su un foglietto di carta, senza avere alcunchè su cui appoggiarsi (ma ci avrà provato il regista Gilbert Deflo, a farlo?) mentre Tosca, in mancanza di spalti o almeno di una botola, non può fare altro, per suicidarsi che impadronirsi della pistola di Spoletta e spararsi, con buona pace di Sardou e compagni.
A queste preziose innovazioni scenografico-registiche vanno aggiunti nel primo atto un chissà perché funereo Te Deum e un sagrestano stavolta non claudicante come sempre ma, in cambio, infaticabile nello spolverare. Per il resto, i soliti gesti e i soliti effetti più o meno scontati cosicché, in bilico fra gratuito minimalismo e abusata routine, questa Tosca manca soltanto di una cosa che giustifichi il tutto: le idee, senza le quali il minimalismo rimane soltanto una parola vuota.
Poco c’è da aggiungere sul cast vocale che, nella replica cui abbiamo assistito, vedeva nel ruolo del titolo il Soprano Susan Neves, una Tosca alquanto matronale ma dotata di solida scuola, di buon temperamento e di notevoli mezzi vocali. Accanto a lei, piuttosto filiforme nel fisico il tenore Andrew Richards esibiva un simpatico timbro e una tecnica che, ancora da perfezionare, gli costava qualche rischio nelle impennate in zona acuta. In più, i suoi manierati atteggiamenti ricordavano con curioso effetto quelli dei cantanti americani anni Cinquanta. Quanto al baritono Boris Trajanov che era Scarpia, lo si può definire appena decoroso vocalmente ma del tutto incapace di dare espressione alla complessità e allo spessore drammatico del personaggio. Stringata, controllatissima e più proclive all’incisività drammatica che non agli slanci lirici, la direzione di Pinchas Steinberg era indubbiamente apprezzabile, come le efficaci luci di Bruno Ciulli, specie nel terzo atto. Buoni in complesso tutti i comprimari, ivi incluso il pastore fuori scena, peraltro non menzionato né come personaggio né come interprete.

Lucio Lironi

Ultima modifica il Mercoledì, 17 Luglio 2013 06:09
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Articoli correlati (da tag)

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.