martedì, 23 ottobre, 2018
Sei qui: Home / B / BARUFFE CHIOZZOTTE (LE) - regia Jurij Ferrini

BARUFFE CHIOZZOTTE (LE) - regia Jurij Ferrini

"Le baruffe chiozzotte", regia Jurij Ferrini "Le baruffe chiozzotte", regia Jurij Ferrini

di Carlo Goldoni
Regia: Jurij Ferrini
Scene: Carlo De Marino
Costumi: Alessio Rosati
Interpreti: Jurij Ferrini, Elena Aimone, Sara Drago, Barbara Mazzi,
Rebecca Rossetti, Beatrice Vecchione, Angelo Tronca,
Matteo Alì, Raffaele Musella, Lorenzo Bartoli
Produzione: Teatro Stabile di Torino
Genova, Teatro della Corte, dal 18 dicembre al 7 gennaio 2018

www.Sipario.it, 30 dicembre 2017

Grande successo per la rappresentazione genovese del capolavoro goldoniano firmata dalla regia di Jurij Ferrini. Fedelmente all'idea originale di Goldoni l'affresco storico cede il passo alla parola come protagonista prevalente su tutto il resto. La regia di Ferrini, nel ruolo anche del coadiutore Isidoro, sublima ancora di più il messaggio goldoniano con un uso sapientissimo di parola, azione scenica e comicità. Ferrini e gli altri dodici attori in scena mostrano una preparazione ed una applicazione alla causa teatrale fenomenale. La messinscena è geniale innanzitutto per la scelta registica di rompere inizialmente la quarta parete quando Ferrini, in veste di se stesso, si presenta con la funzione reale di regista dello spettacolo. Dopo le prime fasi di immersione di attori e pubblico nel testo, facilitato dal dialogo iniziale tra compagnia e pubblico, l'immersione dei due elementi nello spettacolo si fa totale, pur non diventando mai una rappresentazione in costume. Emerge così, anche grazie alla traduzione dalla lingua veneta di Natalino Balasso, l'attualità e la comicità ancora prorompente di uno spettacolo andato in scena per la prima volta nel 1762. La scelta di Ferrini di dare inizio ad una scena contemporanea che si innesta in un classico del teatro si dimostra vincente, marcando la grandezza del testo. Anche gli inserti musicali presi dalla discografia del genovese Fabrizio De Andrè non stonano nel corso dello spettacolo, anzi ibridano teatro e musica in un esempio di arte totale. Se Ferrini, nel ruolo di regista e di attore si conferma una delle figure più preparate, i giovani attori che inscenano le baruffe, i litigi, le risse fisiche e verbali e i rappacificamenti finali si dimostrano autentiche perle di talento. Lo spettacolo così concepito e ininterrotto per le quasi due ore di durata richiede a questi attori continue performances senza soluzione di continuità, fatte di battute comiche e sincroniche, cambi di scena in vista oltre a dinamicità espressiva e fisica. Questi elementi portano gli attori a essere sempre imprescindibili alla scena e ad essere in un unico momento i protagonisti indiscussi della scena. Per questo motivo, oltre a Ferrini, è difficile citare uno o più di questi attori come emergente sugli altri. Sicuramente irresistibile è l'interpretazione di Barbara Mazzi nei panni di Orsetta e quella di Angelo Tronca in quelli di Padron Fortunato che recita in divertente grammelot chiozzotto. Rimane comunque un esercizio difficile e quasi forzato citare un attore a scapito di un altro: l'intera compagnia teatrale ha deliziato un pubblico sempre avvinto dalla vicenda grazie ad un ritmo impeccabile e ad interpretazioni molto più che convincenti. Gli scroscianti applausi finali hanno testimoniato senza alcun dubbio l'apprezzamento per il testo, la regia e la convincente interpretazione dell'intera compagine.

Gabriele Benelli

Ultima modifica il Sabato, 30 Dicembre 2017 19:05

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.