sabato, 18 agosto, 2018
Sei qui: Home / C / CONTAGIO (IL) - regia Nuccio Siano

CONTAGIO (IL) - regia Nuccio Siano

Il contagio Il contagio Regia Nuccio Siano

di Nuccio Siano
dal romanzo di Walter Siti
con Mariano Aprea, Tiziana Avarista, Marina Biondi, Michele Botrugno, Alessandra Costanzo, Lucianna De Falco, Riccardo Floris, Carmen Giardina, Fabio Gomiero, Mario Grossi, Anna Maria Loliva, Federica Marchettini, Isabella Martelli, Nuccio Siano, Maurizio Tesei
Roma, Colosseo Nuovo Teatro, dal 24 novembre al 13 dicembre 2009

Il Messaggero, 5 dicembre 2009

AL Colosseo Nuovo Teatro, fino al 13 dicembre, è in scena un raccomandabile spettacolo di Nuccio Siano tratto dal romanzo di Walter Siti Il contagio. Gli interpreti sono Mariano Aprea, Tiziana Avarista, Marina Biondi, Michele Botrugno, Alessandra Costanzo, Lucianna De Falco, Riccardo Floris, Carmen Giardina, Fabio Gomiero, Mario Grossi, Anna Maria Loliva, Federica Marchettini, Isabella Martelli, lo stesso Siano, Maurizio Tesei.

Se il libro affronta temi e figure legati alle ormai agonizzanti borgate romane, quelle che a suo tempo fiorirono nella letteratura e nella poesia di Pier Paolo Pasolini, l'evento scenico dà loro carne, disfacimento palpabile, eloquenza viva. Riferisce a tre dimensioni lo scambio di vizi, propensioni e valori (veri o fittizi, non importa) che il passare degli anni ha avallato e nutre fra universi opposti, la borgata e il quartiere borghese. L'odierno sobborgo diventa così ricettacolo di afflati, gerghi e comportamenti voluttuari, passioni estenuate, pallidi sanguinamenti. Viceversa la zona pariola, resa impasto di cui è impossibile riconoscere gli ingredienti, veste gli abiti impropri della vendetta rusticana, lo sbracamento disinibito e il cinico disincanto nei confronti del futuro che garantivano alle periferie la "disperata vitalità" pasoliniana. Nulla più è o ha per proprio conto. Nulla più si distingue, nemmeno lombrosianamente. Tremendo, inesorabile lavoro del contagio.

I personaggi continuano, per il buon godimento dello spettatore, a richiamare dal passato i ragazzi di vita, i monatti e gli accattoni con un doppio effetto morale: da una parte la diagnosi dell'infermità diffusa; dall'altra il rimpianto degli universi distinguibili. Pasolini, presente con le sue canzoni e le sue visioni, è la cartina di tornasole, divino persecutore che pungola chi più non sa, non vede e non trova. E nell'aria sfrigolano le perdute estati da poveri sul litorale di Ostia, l'urlo del cocomeraro, il bisbiglio dei contratti sessuali impellenti.

Rita Sala

Ultima modifica il Lunedì, 12 Agosto 2013 07:27

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.