venerdì, 19 aprile, 2019
Sei qui: Home / G / GOVERNANTE (LA) - regia Guglielmo Ferro

GOVERNANTE (LA) - regia Guglielmo Ferro

Enrico Guarneri e Ornella Muti in "La Governante", regia Guglielmo Ferro Enrico Guarneri e Ornella Muti in "La Governante", regia Guglielmo Ferro

di Vitaliano Brancati
Ornella Muti, Enrico Guarneri
e con
 Rosario Minardi, Nadia De Luca, Rosario Marco Amato,

Caterina Milicchio, Turi Giordano, Naike Rivelli

scene Salvo Manciagli

costumi Dora Argento

musiche Massimiliano Pace

regia Guglielmo Ferro

personaggi e interpreti

Caterina Leher Ornella Muti

Leopoldo Platania Enrico Guarneri

Bonivaglia Rosario Minardi

Iana Nadia De Luca

Enrico, figlio di Leopoldo Rosario Marco Amato

Elena, moglie di Enrico Caterina Milicchio

Il portiere Turi Giordano 

Francesca Naike Rivelli

Teatro Quirino Vittorio Gassman dal 5 al 17 marzo 2019

www.Sipario.it, 6 marzo 2019

La dote che più spicca di Vitaliano Brancati è l'ironia. Il riso, severo ma mai compiaciuto, dei costumi, delle consuetudini, delle false moralità della terra da questo scrittore tanto amata – la Sicilia –, nulla ha a che vedere con l'umorismo di Pirandello. Con quest'ultimo, è un dolore taciuto o supposto che emerge. Con Brancati, invece, è lo sdegno per l'umana piccineria. I suoi personaggi appaiono ambigui, rigidi, imperdonabili per ciò che fanno e pensano. Costoro non possono avere possibilità di riscatto, ancorati come sono ai loro sciocchi principi. La governante, lavoro teatrale su cui la censura impose il silenzio, ne è un esempio formidabile.
In quest'opera, Brancati si chiede: che potrebbe accadere se in casa d'un uomo irreprensibile, dai modi e costumi d'altri tempi, a sua insaputa s'intrufola l'immoralità? È il caso di Leopoldo Platania che, trasferitosi da poco a Roma, assume come governante la signorina Caterina Leher: donna di origini francesi, cristiana calvinista, dall'apparenza austera e irreprensibile. Dietro la maschera d'individuo tutto d'un pezzo, Leopoldo nasconde una tragedia: il suicidio di sua figlia per colpa dei rigidi dettami d'una morale borghese cui la ragazza non ha saputo opporsi e che il padre, ad ogni occasione, le proponeva come gabbia entro cui muoversi. Un giorno, ecco il diavolo entrare in scena. Iana, giovane cameriera di umili origini e semplice ragazza, viene accusata da Caterina di avere con lei atteggiamenti poco chiari. Leopoldo non può tollerare tale affronto. Licenzia Iana. Ma la persona dubbia e oscura, in realtà, è Caterina. La quale, còlta di sorpresa dal padrone di casa in atti molto intimi con la nuova cameriera da poco assunta, si confessa ammettendo tutto dicendo, però, anche d'essere sulla via della redenzione. Ma nell'apprendere la notizia della morte di Iana per via d'un incidente ferroviario durante il viaggio di ritorno in Sicilia, Caterina è attanagliata dai sensi di colpa. E si toglie la vita così espiando i peccati commessi.
Dramma e commedia insieme, ne La governante si ride senza provare pietà. Leopoldo viene mostrato per ciò che è: uno sciocco che nulla comprende, al punto che quando la tragedia s'abbatte su di lui, vien da pensare: ben gli sta. "Troppo avanti siamo andati. Dobbiamo tornare indietro", egli afferma ad un certo punto. Ed è questo suo voler preservare, questo voler rimettere assieme i frantumi d'un mondo marcio e in disfacimento – il suo – che scatena il riso del pubblico e su cui la severità di Brancati si esercita. La conclusione tragica della pièce è la conseguenza, più estrema e severa, dell'umorismo come pubblica berlina.
Nella versione in scena al Quirino per la regia di Guglielmo Ferro, del lavoro di Brancati si preserva l'ironia ma con tinte che troppo cedono alla mestizia, così tradendo la caratteristica principale dello scrittore siciliano. Bravo Enrico Guarneri nei panni di Leopoldo. Rigida, stoica e non molto ambigua la Caterina interpretata da Ornella Muti.

Pierluigi Pietricola

Ultima modifica il Giovedì, 07 Marzo 2019 07:08

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 347 9115958

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.