giovedì, 14 dicembre, 2017
Sei qui: Home / M / MASCHERE LA GIARA E LA PATENTE - regia Guglielmo Ferro

MASCHERE LA GIARA E LA PATENTE - regia Guglielmo Ferro

"Maschere La Giara e La Patente", regia Guglielmo Ferro "Maschere La Giara e La Patente", regia Guglielmo Ferro

Associazione Culturale ABC
Enrico Guarneri
di Luigi Pirandello
regia Guglielmo Ferro
con Rosario Minardi, Vincenzo Volo, Rosario Marco Amato
Nadia De Luca, Turi Giordano, Mario Opinato
Pietro Barbaro, Francesca Annunziata, Giovanni Fontanarosa
consulenza musicale Massimiliano Pace

costumi Dora Argento

scenografia Salvo Manciagli
Roma, teatro Quirino dal 7 al 19 novembre 2017

www.Sipario.it, 14 novembre 2017

Maschere di convenienza per convivenza

Ripescati nel mare magnum della produzione novellistica pirandelliana, rielaborati per una più diretta lettura drammaturgica, i due testi La Giara e La Patente affrontano alcune delle tematiche care all'autore agrigentino: la solitudine, l'incomunicabilità umana, la lucida follia, l'umorismo, il paradosso, il teatro nel teatro, la maschera di convenienza per una serena anche se fittizia convivenza sociale.
In un luogo angusto, cosiddetto Villa degli Scalognati, popolato da fantasmi in cui echeggiano le antiche voci dei Giganti della Montagna e dei Sei personaggi in cerca d'autore, scelto come palcoscenico per le prove delle due commediole, per l'appunto La Giara e La Patente, da parte di attori girovaghi e squattrinati, il regista Guglielmo Ferro con lodevole abilità creativa mette insieme i tasselli del suo spettacolo. Riesce appieno a delinearne i contorni, a sottolinearne le sfumature grazie anche alla passione dell'intero cast, primo tra tutti un insostituibile Enrico Guarnieri autentico rappresentante della tradizione teatrale siciliana.
Scritta nel 1916, La Giara che trae spunto da una novella composta nel 1906, presenta un timbro tragicomico ed è un esempio di causa-effetto dai risvolti paradossali. Zì Dima viene chiamato per riparare una Giara. Per poterla ricucire si cala al suo interno ma ne rimane incastrato. Decide di rimanerci dentro per non farla rompere di nuovo e per non pagarne il prezzo della riparazione. L'effetto scenico è sicuramente esilante ma il riso nasce da un disagio, rimane stretto tra i denti.
La Patente composta nel 1917, ripresa dalla novella omonima scritta nel 1911 e recitata per la prima volta da Angelo Musco nel 1918 a Torino, racconta invece la storia di Rosario Chiarchiaro noto jettatore che chiede al giudice un attestato, una patente, per esercitare la sua professione di menagramo, per apparire colui che la gente vuole che sia e per poter finalmente trarre vantaggio da quella disgrazia chiedendo quattrini ai commercianti superstiziosi per allontanarsi dalle loro botteghe. In entrambi i casi i due protagonisti sono vittime di circostanze negative, di un ruolo che si impadronirà della loro grama esistenza e con il quale impareranno a convivere.
Una piacevole messinscena che gravita in una dimensione metateatrale dai toni chiaroscurali. Bravi tutti gli attori capaci di trasporre sulla scena quei caratteri caricaturali vivi tra le tavole del palcoscenico soltanto nel momento magico della rappresentazione.
Applausi meritatissimi al teatro Quirino di Roma.

Patrizia Iovine

Ultima modifica il Giovedì, 16 Novembre 2017 15:37

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.