sabato, 18 agosto, 2018
Sei qui: Home / S / SACRO SEGNO DEI MOSTRI (IL) - regia Danio Manfredini

SACRO SEGNO DEI MOSTRI (IL) - regia Danio Manfredini

Il sacro segno dei mostri Il sacro segno dei mostri Regia Danio Manfredini

regia: Danio Manfredini
con Simona Colombo, Cristian Conti, Afra Crudo, Vincenzo Del Prete, Danio Manfredini, Giuseppe Semeraro, Carolina Talon Sampieri
luci: Maurizio Viani
Modena, Teatro delle Passioni, 19 e 20 ottobre 2007
Milano, Teatro dell'Elfo, dal 5 al 17 febbraio 2008

www.Sipario.it, 3 aprile 2008
Corriere della Sera, 7 febbraio 2008
Corriere della Sera, 28 ottobre 2007
Appunti sparsi sulla follia, sugli incontri manicomiali di un giovane Danio Manfredini, impegnato a tenere laboratori di pittura in manicomio: questo è Il sacro segno dei mostri. Lo spettacolo ha una sua bellezza estetica e un suo commovente afflato etico che Danio Manfredini sa costruire con abilità di pittore, presentando al pubblico la rievocazione di quei ‘mostri’ carichi di dolore e di fame d’amore. Proprio questo aspetto autobiografico è al tempo stesso il maggior pregio e il maggior difetto della messinscena di Danio Mafredini, prodotta da Ert e Ctb. Il sipario si alza sulle note strazianti di chitarra suonate da un ragazzo che non si fatica a intuire come l’alter ego di Manfredini che riserva per sé il ruolo di una donna su una carrozzella caratterizzata da un erotismo mistico, salvo quando chiede a Danio di fare l’amore con lei e denuncia l’omosessualità di lui. Gli attori Simona Colombo, Cristian Conti, Afra Crudo, Vincenzo del Prete, Giuseppe Semeraro, Carolina Talon Samperi danno corpo ad una serie di ritratti della follia che hanno una forza fisica che commuove, un’intensità che ben racconta della solitudine che si vive e respira fra le pareti manicomiali. Manfredini propone il suo personaggio su carrozzella con uno stile straziante e ironico, in cui la ferocia del dolore si sposa col sorriso della smorfia del volto che soffre. Solo questo basta per applaudire con affetto l’attore e la sua ricerca. Il sacro segno dei mostri procede per quadri, mostra una realtà di solitudine e la intreccia col teatro, col respiro dell’arte, la ricerca di quella bellezza che potrebbe salvare il mondo. Si assiste allo spettacolo di Manfredini con sguardo commosso e compassionevole, ma ciò che alla fine manca è la ‘giusta distanza’ che permette di mediare il proprio sé e la personale esperienza con un fare poesia e arte che possa appartenere a tutti. L’eccessivo autobiografismo toglie allo spettacolo quelle aperture di senso e di poesia che sono proprie del teatro di Danio Manfredini e, a tratti, lo appiattisce su un descrittivismo fine a se stesso che spiega tutto per fedeltà alla storia personale dell’attore.

Nicola Arrigoni

Che bravo Manfredini tra «Mostri» da capire

Nato dall' esperienza dell' artista che per più di dieci anni ha tenuto corsi di pittura in un ospedale psichiatrico, «Il sacro segno dei mostri» di Danio Manfredini è una sorta di diario dell' anima di un giovane che a contatto con donne e uomini con gravi disturbi, amorevolmente, li accetta, li vede vivere una vita di incubi e incertezze, di rabbie e dolori, di ossessioni e disperazioni, di violenza e solitudine, di desideri e disillusioni. L' alter ego dell' autore, un attore sempre silenzioso con il volto coperto da una maschera, l' unico ad averla, quasi la verità della follia fosse la più forte, la più umana, partecipa alla vita della comunità con affetto e la capacità di rispettare l' altro, di non considerarlo un escluso, un essere senza sentimenti e ragione ma una persona. In una sorta di bianca stanza della mente si muove una varia umanità, esagitati, catatonici chiusi nel loro impenetrabile mondo, donne e uomini che reclamano amore, sesso, un giovane intellettuale, una anziana donna senza una gamba. Con i suoi bravi attori Manfredini, che riserva per sé il personaggio toccante per verità e profondità della donna in carrozzella, costruisce uno spettacolo emozionante che spalanca le porte di un universo e lo fa con intelligenza, sensibilità, senso della misura, riuscendo a farne intuire la sconvolgente complessità.

Magda Poli

«Il sacro segno dei mostri» di Danio Manfredini a Modena Il dolore della follia, con amore

In una bianca stanza le cui alte pareti si aprono e si chiudono su neri corridoi, Danio Manfredini compone frammenti di vita che raccontano con cruda verità il mondo inquietante della malattia mentale. Il sacro segno dei mostri, nato dall' esperienza dell' artista che per più di dieci anni ha tenuto corsi di pittura in un ospedale psichiatrico, è una sorta di diario dell' anima di un giovane che a contatto con donne e uomini con gravi disturbi, amorevolmente, lucidamente, li accetta, li osserva, li vede vivere una vita di incubi e incertezze, di rabbie e dolori, di ossessioni e disperazioni, di violenza e solitudine, di desideri e disillusioni. Così l' alter ego dell' autore, un attore sempre silenzioso con una maschera sul volto, l' unico ad averla, quasi la verità della follia fosse la più forte, la più soffertamente umana, partecipa alla vita di questa comunità con la sua carica affettiva, la sua capacità di rispettare l' altro, di non considerarlo un escluso, un essere senza sentimenti e ragione ma semplicemente una persona: norma e devianza si rivelano poli contrari e al tempo stesso equivalenti di una realtà unica. Nell' abbacinante, asettica stanza della mente si muove una varia umanità, esagitati che girano in tondo in corse ossessive, catatonici chiusi nel loro impenetrabile mondo, ragazze che reclamano amore, sesso, uomini ossessionati dall' essere altro da sé, un giovane intellettuale, drammaturgo di un sogno di teatro, una anziana donna senza una gamba costretta su una carrozzella che reclama anche lei amore, sesso, vita. Litigano, comunicano e non comunicano, scherzano, giocano, soffrono chiusi nei loro universi ma tutti vivono la presenza del giovane Dario, con i suoi colori e le sue tele, come un momento di libertà. Manfredini riserva per sé il personaggio della donna in carrozzella, un personaggio toccante per verità e profondità, una donna che dietro il suo bisogno d' amore e di contatto, dietro la sua fatica di vivere, disvela la fragile e tenace, violenta e delicata, perversa e innocente grandezza dell' uomo. E con i suoi bravi attori Manfredini costruisce uno spettacolo emozionante che spalanca le porte di un universo e lo fa con intelligenza, sensibilità, senso della misura, riuscendo a farne intuire la sconvolgente complessità.

Magda Poli

Ultima modifica il Mercoledì, 02 Ottobre 2013 07:26

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.