martedì, 16 luglio, 2019
Sei qui: Home / U / UN CASTELLO NEL CUORE, TERESA D'AVILA - 
regia Maurizio Panici

UN CASTELLO NEL CUORE, TERESA D'AVILA - 
regia Maurizio Panici

Pamela Villoresi in "Un castello nel cuore, Teresa D'Avila", regia Maurizio Panici Pamela Villoresi in "Un castello nel cuore, Teresa D'Avila", regia Maurizio Panici

con Pamela Villoresi
Provincia Veneta - Ordine dei Carmelitani Scalzi
scrittura  Michele Di Martino
consulenza fonti Antonio Maria Sicari e Fabio Silvestri
musiche originali  Luciano Vavolo
voce e canto  Fabrizio Checcacci Alessia Spinelli  Maurizio Panici
impianto scenico Carlo Bernardini  | costumi Lucia Mariani
disegni Laura Riccioli | elaborazioni grafiche visuali Andrea Giansanti
regia  Maurizio Panici
Roma, Palazzo della Cancelleria dal 31 marzo al 12 aprile 2015

www.Sipario.it, 9 aprile 2015

La storia di Teresa di Gesù, o d'Avila, ci viene raccontata nella messa in scena di Maurizio Panici, al Palazzo della Cancelleria, luogo dei tribunali della Santa Sede. A Roma, fino al 12 Aprile.

Autore del testo, lo scrittore Michele di Martino che ripercorre la storia di Teresa ispirandosi agli scritti di lei, in particolare "La Vita e Il castello interiore".

Lo spettacolo cade nel quinto centenario dalla nascita della Santa, ed è l'approdo di decenni di ricerche, viaggi, incontri nei quali Pamela Villoresi, sulla scena interprete di Teresa d'Avila, si è spesa per studiarne il profilo.

Corre a questo punto l'obbligo di una annotazione protocollare: nel 1970 Teresa d'Avila fu nientemeno proclamata dottore della Chiesa. Prima donna ad avere questo altisonante titolo.

La Villoresi esalta il testo e lo 'musica': con arte nella voce e arte nelle mani.

In scena, Alessia Spinelli e Fabrizio Checcacci interpretano personaggi che Teresa ha incontrato nel suo percorso di riforma dell'Ordine dei Carmelitani.

Donna dal carattere impulsivo e generoso, Santa Teresa aveva il dono di mettersi in relazione profonda con gli altri, in legami avvincenti, devozioni assolute, slanci estatici.

La scena, mai edulcorata, restituisce il profilo di una donna per niente inaccessibile. Una Santa umanissima che pure sbagliava, non finiva mai di cercare, non si stancava di resistere.

L'interpretazione della Villoresi e la scena di Carlo Bernardini cancellano, per qualche momento, l' Aula Magna che ci ospita, accompagnandoci in tanti luoghi dell'anima e del corpo.

Nell'Autobiografia, Teresa conclude con queste parole: 'Essendo così lontana dal mondo e in compagnia così piccola e santa, vedo ogni cosa come da un'altura, per cui poco mi curo di ciò che si dica o si sappia di me. Più che delle chiacchiere a mio riguardo mi interesso di ogni più piccolo progresso che un'anima possa fare... La vita mi è divenuta come una specie di sogno, e sogno mi sembra tutto quello che io vedo. Non sento più né grandi gioie, né grandi afflizioni. E se talvolta ne provo ancora, è solo per poco tempo, tanto da meravigliarmene io stessa, rimanendomene poi con l'impressione come di una cosa sognata.'

Si lascia il Palazzo della Cancelleria con il desiderio di conoscere ancora questa figura di così profonda spiritualità.

Ele Ritrovato

Ultima modifica il Sabato, 11 Aprile 2015 07:40

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.