giovedì, 22 agosto, 2019
Sei qui: Home / W - X - Y - Z / WORDSTAR(S) - regia Giuseppe Marini

WORDSTAR(S) - regia Giuseppe Marini

Wordstar(s) Wordstar(s) Regia Giuseppe Marini. Foto Marco Secchi

di Vitalino Trevisan
regia: Giuseppe Marini
con Ugo Pagliai, Paola Gassman, Paola Di Meglio, Alessandro Albertin
Scene: Antonio Panzuto, Costumi: Gianluca Falaschi, Luci: Pasquale Marri, Suono: Marco Podda, Assistente alla regia: Michela Degano
Teatro Stabile del Veneto
Teatro Verdi, Padova 16 dicembre 2012

www.Sipario.it, 20 dicembre 2012

Wordstar(s) di Vitalino Trevisan rimarca favorevolmente l'attenzione che lo Stabile del Veneto sta dedicando alla drammaturgia contemporanea che, come ricorda Giuseppe Marini regista dell' allestimento "sebbene poco incoraggiata, quando non decisamente maltratta, mostra, malgrado tutto, importanti segnali di vitalità da cui si stagliano delle punte avanzate di cui vale la pena occuparsi". Punte come quelle che raggiunge il testo dello scrittore vicentino capace di creare un ponte tra presente e passato, tra i grandi classici e le nuove sperimentazioni, tra Beckett e WordStar il più diffuso programma di scrittura prima dell'avvento di Microsoft Word.
Obsoleto come il sofware si spegne sul palcoscenico un vecchio Samuel Beckett (Ugo Pagliai) che vive i suoi ultimi giorni tra il ricordo della moglie Suzanne (una lodevole Paola Gassman), dell'amante Billie (PaolaDi Meglio) e un'estenuante riflessione sull'atto dello scrivere.
Non solo un omaggio al poliedrico autore irlandese quindi, ma innanzitutto una meditazione sulla parola, che diviene allo stesso tempo nucleo e strumento del racconto.
Una parola che fluisce negli intensi ed emozionanti monologhi, che Ugo Pagliai snocciola con ironia e passione, capaci di superare con la loro forza il pregnante aspetto meta-testuale e comunicativo della piece per scoprire la delicata e talvolta brutale riflessione sul tema della vecchiaia che essa contiene.
Solo e scoraggiato il Beckett di Trevisan trova nella convincente regia di Marini la dimensione terrena di un uomo stanco e vicino alla fine che affoga le proprie pene nell'alcool, non si veste al mattino e passa tutto il tempo chiuso in una casa sospesa in un'atmosfera degna del più Assurdo dei Teatri e dominata dal fluire monocanale dei suoi pensieri inframezzati qua e là dal chicchericcio post-mortem della devota Suzanne e delle civettuola Billie.
Tra un gesto quotidiano e un bicchierino di wisky si consuma la tragedia dell'attesa.
Al protagonista, tra gli applausi di un caloroso pubblico, non resta che aspettare, come i personaggi del suo dramma cui rimanda l'imponente albero spoglio della scenografia, uno sconosciuto Godot.

Micol Lorenzato

Ultima modifica il Mercoledì, 07 Agosto 2013 11:11

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.