domenica, 15 luglio, 2018
Sei qui: Home / Recensioni / Recensione del film "La vita è bella"

Recensione del film "La vita è bella"
Redatta da Vincenza Caradonna e Luigi Aloisi- Classe IV C SIA
ITET "G. Garibaldi" Marsala
Docente referente Maria Rita Bellafiore

"La vita è bella" è un film di Roberto Benigni, da lui stesso interpretato e diretto nel 1997.

Il film è vincitore di tre premi Oscar: miglior film straniero, miglior attore protagonista, miglior colonna sonora. Il film, di 124 minuti, appartiene al genere drammatico. Tra i personaggi più importanti ricordiamo: Guido Orefice (Roberto Benigni), Dora (Nicoletta Braschi), madre di Dora (Marisa Paredes), Rodolfo (Amerigo Fontani), Gosuè Orefice (Giorgio Cantarini).
La trama del film può essere divisa in due parti: nella prima, Guido Orefice, il protagonista, un uomo italiano di origine ebraica, si trasferisce in Toscana. Durante il tragitto viene scambiato per il re Vittorio Emanuele II e incontra una maestra, di nome Dora, di cui si innamora; da quel momento la chiamerà sempre "principessa". Dopo alcuni giorni, Guido scopre, però, che Dora è fidanzata con Rodolfo, un arrogante burocrate, di cui Dora non è innamorata. Il protagonista escogita, dunque, dei piani per sottrarla al fidanzato, riuscendo così a ottenere il suo intento e a sposarla. Dal loro grande amore nascerà Giosuè. Dopo sei anni la famiglia aprirà una libreria, anche se il contesto storico non è molto positivo, perché iniziano le persecuzioni naziste. Nella seconda parte, Guido e Giosuè vengono catturati dai nazisti. Dora riesce a raggiungerli e vengono deportati nei campi di concentramento. Arrivati in questo "orrore assoluto", Guido riesce a far credere al figlio che si tratta di un gioco, in cui si dovranno affrontare numerose prove con delle regole ben precise.
Le vicende che seguono sono molto forti e tragiche. Una notte, però, quasi al termine della guerra, i tedeschi cominciano a far strage dei deportati rimasti. Ancora una volta, Guido fa credere al figlio che quello è l'ultimo gioco e lo nasconde in una cabina, facendogli credere di voler giocare a nascondino. Giosuè, la mattina seguente, riesce a liberarsi, credendo di aver vinto il gioco.
Il film merita di essere visto: affrontando la tematica degli orrori del razzismo e delle leggi razziali, Benigni riesce a dar voce a milioni di ebrei deportati e crudelmente uccisi. Chiunque lo veda non può rimanere indifferente a tutto ciò che la storia ci ha tramandato. La vera strage nella società sta proprio nell'indifferenza di chi osserva e non fa nulla. Possiamo definire, dunque, questo film sull'olocausto un'opera artistica molto valida, realizzata con quella ironia che affascina chiunque lo guardi. Il film di Roberto Benigni ci fa conoscere una tragica pagina di storia che è necessario non dimenticare.

Ultima modifica il Martedì, 23 Gennaio 2018 08:54
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.