martedì, 20 novembre, 2018
Sei qui: Home / TRENTINO ALTO ADIGE / FONDAZIONE HAYDN DI BOLZANO E TRENTO : La stagione 2018_19

FONDAZIONE HAYDN DI BOLZANO E TRENTO : La stagione 2018_19 In evidenza

Programma Opera 2018/19
Forces of Nature

La forza del teatro musicale del XXI secolo

La Fondazione Haydn di Bolzano e Trento presenta la quarta edizione di OPER.A 20.21, progetto regionale con la direzione artistica di Matthias Lošek volto a testimoniare la vitalità e l'originalità del teatro musicale del nostro tempo: da fine novembre 2018 a marzo 2019, attraverso nuove significative produzioni e coproduzioni, proposte in luoghi congeniali, si raccontano storie affascinanti e appassionanti che esplorano la natura dell'animo umano e la sua forza.

Ha per titolo Forces of Nature, la quarta edizione di OPER.A 20.21, la stagione regionale di opera contemporanea della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, con la direzione artistica di Matthias Lošek. Come nelle precedenti edizioni, anche OPER.A 20.21 2018/19 scandaglia diverse modalità di fare teatro musicale nel solco della contemporaneità, ponendo particolare attenzione a nuovi modi di intenderlo, anche attraverso l'incontro fra linguaggi espressivi diversi. Tutto ciò senza tuttavia trascurare il passato, ovviamente trasposto nell'attualità.

Si comincia al Teatro Comunale di Bolzano, venerdì 30 novembre (ore 20) e domenica 2 dicembre 2018 (ore 17), con il dittico formato da La voix humaine di Francis Poulenc e Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni, con la regia di Emma Dante. Nel gennaio 2019 ci si trasferirà al Teatro SanbàPolis di Trento, dove sabato 19 (ore 20) e domenica 20 (ore 17) andrà in scena la prima assoluta di Dionysos Rising di Roberto David Rusconi, compositore veneziano da tempo residente e attivo artisticamente a Londra, mentre sabato 9 (ore 20) e domenica 10 febbraio (ore 17), al Teatro Studio di Bolzano, sarà la volta della western opera Amalia!, uno dei progetti messisi in luce nell'ambito della prima edizione di OPER.A 20.21 Fringe. Le Gallerie di Piedicastello faranno poi da sfondo, sabato 2 (ore 20) e domenica 3 marzo (ore 17 e ore 20), alla prima rappresentazione italiana della silent opera Vixen, ideata dalla regista inglese Daisy Evans partendo dall'opera La piccola volpe astuta di Leoš Janáček.

OPER.A 20.21 2018/2019 si concluderà giovedì 21 e sabato 23 marzo al Teatro Comunale di Bolzano (ore 20) con un nuovo allestimento de La Wally prodotto da Fondazione Haydn e da Vereinigte Bühnen Bozen: l'opera di Alfredo Catalani sarà affidata alla regia di Nicola Raab. Sul podio, Arvo Volmer, direttore principale dell'Orchestra Haydn, che per la prima volta dirigerà un'opera a Bolzano.

Non mancherà pure, sarà anzi rafforzato, il rapporto con il territorio, con le nuove realtà che vi operano attivamente. Significative, oltre alle consuete iniziative collaterali, saranno dunque le riprese di Artist in residence, di cui sarà protagonista questa volta Roberto David Rusconi, e la seconda edizione di OPER.A 20.21 Fringe, bando riservato a giovani artisti.

«Nei suoi primi anni di vita OPER.A 20.21 ha fatto passi coraggiosi, importanti», dichiara Paul Gasser, Presidente della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, «L'impegno della nostra Fondazione è stato considerevole e lo sarà ancora in futuro: siamo convinti che il teatro musicale possa essere uno strumento utile e adeguato per raccontare ciò che ci sta intorno, per confrontarci con la realtà di tutti i giorni». «Va quindi sottolineato il consueto respiro regionale, con appuntamenti più ravvicinati che in passato», aggiunge Paul Gasser.

Addentrandosi nel disegno artistico che lo ha ispirato, Matthias Lošek spiega così il titolo della nuova Stagione di OPER.A 20.21: «Dopo la trilogia rappresentata da The Irony of Life, Love and other Cruelties e Escape from Reality, entriamo in una nuova fase che inizia con Forces of Nature. Ma non rappresenteremo solo il vento, la pioggia, la neve: rappresenteremo le forze che sono dentro di noi, i sentimenti che, anche in contrasto fra loro, ci permettono di vivere la nostra vita. Tutto ciò lo faremo anche utilizzando luoghi scenici inusuali per uno spettacolo operistico, come lo sono il Teatro SanbàPolis e le Gallerie di Piedicastello di Trento: la nostra convinzione è che il teatro musicale del nostro tempo possa venire esaltato da spazi fisici che ne mettano in risalto le caratteristiche peculiari, favorendo anche un nuovo tipo di fruizione dello stesso evento spettacolare».

LA VOIX HUMAINE/CAVALLERIA RUSTICANA
Due capolavori fra odio e amore
L'intreccio fra amore e odio accomuna due opere di epoche diverse affidate alla regia innovativa di Emma Dante, chiamata a tracciare un filo rosso fra le due donne che ne sono rispettivamente protagoniste. Ne La voix humaine, capolavoro di metà Novecento (debuttò nel 1959 all'Opéra Comique), composto da Francis Poulenc su libretto di Jean Cocteau, si assiste al dialogo telefonico, ora concitato, ora fatto di inquietanti silenzi, fra due amanti. L'unica voce che si sente è quella di lei e il finale è, inevitabilmente, drammatico. Come pure è quello di un altro capolavoro, ma di tempi precedenti, Cavalleria rusticana, atto unico di Pietro Mascagni su libretto di Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci, tratto dalla novella omonima di Giovanni Verga: prima opera composta da Mascagni e certamente la più nota fra le sedici del compositore livornese, ebbe un successo immediato, sin dal suo debutto al Teatro Costanzi di Roma nel 1890, protrattosi poi nel tempo.
L'intreccio amoroso è in questo caso più complesso, sullo sfondo di una società chiusa nelle proprie ipocrisie. L'intermezzo orchestrale è tra i momenti musicali più famosi dell'opera di Mascagni: la pubblicità e il cinema (da Il Padrino parte terza a Toro Scatenato) se ne sono appropriati.
Elle, la protagonista de La voix humaine sarà interpretata da Anna Caterina Antonacci, mentre il cast di Cavalleria rusticana comprenderà Teresa Romano (Santuzza), Angelo Villari (Turiddu), Monsoo Kim (Alfio), Giovanna Lanza (Mamma Lucia) e Francesca Di Sauro (Lola).
Direzione musicale di Francesco Cilluffo. Regia di Emma Dante.
Orchestra Haydn di Bolzano e Trento.
Coproduzione Teatri di Opera Lombardia e Fondazione Haydn di Bolzano e Trento. Allestimento della Fondazione Teatro Comunale di Bologna.

DIONYSOS RISING
Il mito di Dioniso come non si è mai visto e sentito
Dionysos Rising, novità assoluta, è un'azione lirica raccontata da personaggi rappresentati non nelle loro consuete vesti storico-mitologiche ma come persone normali, travolte dalla malattia di vivere, dalle loro angosce. Ognuno di loro (una madre che ha perso il proprio figlio, una figlia non voluta ed abbandonata, un giovane con manie di grandezza e un figlio-padre-amante costantemente dissociato) combatte contro i propri fantasmi, le proprie sindromi mentali cercando di superarle con droghe e farmaci. Quattro cantanti e cinque danzatori animano Dionysos Rising, un'opera che è anche «movimento inconsulto, un guizzo, un serpentino snodarsi; uno sguardo che coglie l'imprevisto, un'occhiata veloce ed intensa che appartiene al battere fugace delle palpebre», come dice l'autore. E come in tutto il lavoro di Roberto David Rusconi, anche in Dionysos Rising nasce dalla personalissima unione del suono acustico con quello elettronico: il pubblico vivrà un'esperienza acustica avvolgente, un'immersione sonora totale, grazie all'utilizzo di sofisticate strumentazioni. E alla fine, accadrà qualcosa di inaspettato. Un rave o qualcosa che gli assomiglia.

Direzione musicale: Timothy Redmond. Regia: Michael Scheidl.
Orchestra Haydn di Bolzano e Trento. Coproduzione: netzzeit di Vienna, Fondazione Haydn di Bolzano e Trento.

AMALIA!
L'opera si veste di western
Amalia! è una western opera all'incrocio fra musica e cinema, uno dei progetti partecipanti alla prima edizione di OPER.A 20.21 FRINGE. Sul palcoscenico, insieme all'orchestra, ci sono tre cantanti e uno schermo, sul quale vengono proiettate immagini dei paesaggi un po' cupi della Val di Fosse, cornice ideale per girare un film western. Ma quando i cantanti escono di scena, sono loro ad apparire sullo schermo, in una sorta di scambio di ruoli. Amalia! ha una prima fonte di ispirazione in Amy, la protagonista di High Noon intrepretata da Grace Kelly. Ma i riferimenti filmici sono anche gli spaghetti western di Sergio Leone, soprattutto Il buono, il brutto e il cattivo e C'era una volta il West, l'originale Django di Sergio Corbucci, nonché Django Unchained e The Hateful Eight di Quentin Tarantino. Ancora di più sono le influenze operistiche: Pagliacci, Anna Bolena, Un ballo in maschera, Bohéme, Fidelio, La Wally di Alfredo Catalani, Evgeny Onegin di Tschaikowski.
Amalia! è un intreccio di luoghi, suoni, epoche sul filo della ricerca di un nuovo modo di fare spettacolo.
Arie e duetti si alternano alle partiture originali di Michael Cohen-Weissert. Un tocco fashion lo danno i costumi firmati da Luis Trenker.
Direzione musicale di Markus Merkel. Ideazione e regia di Franziska Guggenbichler Beck.
Orchestra Haydn di Bolzano e Trento.
Produzione Fondazione Haydn di Bolzano e Trento. Coproduzione Helios Sustainable Films.

VIXEN
La volpe diventa "silenziosa"
Silent Opera è il nome della compagnia fondata da Daisy Evans ma è anche e soprattutto un concetto, una sorta di filosofia per cercare una connessione originale fra teatro musicale e XXI Secolo: partendo dalla Silent Disco, la regista inglese ha elaborato un nuovo format operistico, nel quale il pubblico, che indossa cuffie mediante le quali ascolta musica preregistrata e mixata con le performance dal vivo dei cantanti, diventa esso stesso il palcoscenico dell'opera. Il pubblico può quindi muoversi e interagire con lo spazio: di solito è il sottosuolo londinese, nel caso della prima rappresentazione italiana di Vixen Le Gallerie di Piedicastello, un tempo due tunnel stradali della tangenziale di Trento, oggi sede espositiva della Fondazione Museo Storico del Trentino destinata anche a ospitare eventi artistici.
Vixen prende le mosse da La piccola volpe astuta del compositore ceco Leoš Janáček, che traspose in chiave operistica una novella pensata originariamente come una specie di romanzo a fumetti. Nella versione di Daisy Evans la volpe è una giovane donna che, in un mondo a declinazione maschile, percorre con determinazione la propria strada, ponendo resistenza a un uomo che cerca di catturarla e controllarla.

Le parti di ispirazione folk dell'opera di Janáček vengono eseguite dal vivo, mentre le parti orchestrali, intrise di Romanticismo, sono preregistrate.
Direzione musicale di Stephen Higgins. Regia di Daisy Evans. Produzione Silent Opera.

LA WALLY
Una donna contro tutto e tutti
OPER.A 20.21 2018/2019 si conclude con un nuovo allestimento de La Wally, opera oggi non rappresentata così frequentemente come invece meriterebbe.
Considerata la migliore di tutte le opere di Alfredo Catalani, scritta su libretto di Luigi Illica basato sul romanzo Die Geierwally di Wilhelmine von Hillern, La Wally debuttò Il 20 gennaio 1892 al Teatro alla Scala di Milano: Catalani ne iniziò la stesura nel 1889, terminandola nel marzo del 1891. Nell'estate del medesimo anno, si recò in Tirolo assieme al celebre scenografo Adolf Hohenstein per osservare gli usi e i costumi locali. L'opera ebbe in passato una buona diffusione, arrivando anche negli Stati Uniti, soprattutto per merito di Arturo Toscanini, sincero ammiratore di Catalani, che la dirigerà più volte.
Vincitrice del Premio Abbiati dell'Associazione Critici Musicali Italiani per la regia di Written on Skin di George Benjamin, applaudita a Bolzano nell'ottobre 2016, la regista tedesca Nicola Raab offre ora una personale versione de La Wally, oltrepassando i clichés e il romanticismo da film a sfondo regionale e sentimentale-patriottico tipico dell'opera di Catalani. Non ci sarà nemmeno traccia di sfondi montani e paesaggi stereotipati. I costumi (in bianco e nero) e la scenografia saranno ridotti all'essenziale, dando così ancora più risalto alla lotta di una donna per raggiungere il posto a lei negato in una società dominata dagli uomini e al precipitare della sua vicenda umana.
Direzione musicale di Arvo Volmer. Regia Nicola Raab.
Interpreti: Charlotte-Anne Shipley (Wally), Alessandro Guerzoni (Stromminger), Francesca Sartorato (Afra), Francesca Sorteni (Walter), Ferdinand von Bothmer (Hagenbach), Ashley Prewett (Gellner), Enrico Marchesini (Pedone). Scene di Mirella Weingarten. Costumi di Julia Müer. Lighting design Clifton Taylor.
Orchestra Haydn di Bolzano e Trento.
Coproduzione Fondazione Haydn di Bolzano e Trento e Vereinigte Bühnen Bozen.

ARTIST IN RESIDENCE
Roberto David Rusconi è l'artist in residence 2019 della Fondazione Haydn: oltre all'opera Dionysos Rising, il compositore italiano presenterà a Bolzano e Trento, il 5 e 6 febbraio, Bletterbach, composizione per voce recitante e orchestra eseguita nell'occasione della Stagione Sinfonica 2018/19 dell'Orchestra Haydn sotto la direzione di Darrell Ang.

EVENTI COLLATERALI
Anche per la nuova Stagione sono previste iniziative volte a offrire allo spettatore strumenti di conoscenza e approfondimento: Cultur.a Lounge, talk organizzato in collaborazione con Vereinigte Bühnen Bozen che riscopre la forza evocativa dei costumi tradizionali, Oper.a Backstage, uno sguardo al "dietro le quinte", e Oper.a Intro, appuntamento che ormai tradizionalmente accompagna l'inizio degli spettacoli.

In occasione di ogni spettacolo sarà attivo un servizio shuttle che collegherà i teatri di Bolzano e Trento, favorendo così lo scambio di pubblico fra le due città.

INFO:
FONDAZIONE HAYDN DI BOLZANO E TRENTO
VIA GILM 1/A, 39100 BOLZANO
T (+39) 0471 975031
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.haydn.it

Ultima modifica il Sabato, 10 Novembre 2018 22:03
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.