lunedì, 25 maggio, 2020
Sei qui: Home / Attualità / DAL MONDO / Racconta una Storia / (RACCONTA UNA STORIA) - "UN GIORNO SPECIALE" di Annarosa Fanucchi

(RACCONTA UNA STORIA) - "UN GIORNO SPECIALE" di Annarosa Fanucchi

Un giorno speciale
di Annarosa Fanucchi

Stamani mi alzo più convinta del solito, consapevole che sarà una giornata diversa: inizierà un nuovo periodo.
E’ tanto che aspetto questo giorno: i figli grandi, il trasloco nella nuova casa, l’orario di lavoro migliore.
Finalmente posso realizzare il mio desiderio.
E sottolineo, mio desiderio, perché ne ho parlato in famiglia.
I figli hanno avuto reazioni diverse: il più grande, scuotendo la testa, ha detto che non se ne occuperà, il secondo ha manifestato con decisione la sua contrarietà, la terza, in piena fase adolescenziale, dopo aver sgranato gli occhi ha semplicemente detto un perché no, svolazzando in contemporanea dalle amiche che la stavano aspettando. Mio marito non ha avuto il coraggio di opporsi, ma certo non ha gradito la mia decisione.
Va bene: me ne assumerò la responsabilità. E così, ancora una volta ho scelto di prediligere gli ultimi, i non scelti; ho cercato qua e là, dai giornali, annunci, inserzioni, finchè un giorno, in un bar, ho trovato ciò che cercavo.
La famosa lampadina si è accesa ed ho pensato: è fatta! Ho telefonato al numero indicato, mi ha risposto una voce maschile distinta che mi ha dato un appuntamento il giorno dopo, come non aspettasse altro!
Ed oggi ci siamo.
Viene, se pur di malavoglia, anche mio marito.
Arriviamo, dopo un’ora di macchina, in una zona collinare e subito cominciano i problemi.
Non troviamo il posto.
Chiedo informazioni, ci indicano di proseguire su una strada sterrata “finchè non arrivate ad una capanna, è l’unica!” ci dice un uomo guardandoci strano.
Mio marito, già inquieto, comincia ad essere stufo e indispettito.
Arriviamo finalmente a destinazione.
Capiamo di essere arrivati perché, in fondo al sentiero sterrato c’è un casolare molto mal messo circondato da erba alta e sterpaglia.
Subito scendo e chiamo “c’ è nessuno?!”, una porta si apre, esce una donna anziana con evidenti problemi di deambulazione.
Mentre mi guarda un po' stupita e sorridente cinque canine cucciole escono correndo e zampettando felici. Una mi corre incontro saltandomi addosso.
Trovata!! 
E’ e sarà lei: BELLA!!

Ultima modifica il Domenica, 29 Marzo 2020 11:33
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.