martedì, 01 dicembre, 2020
Sei qui: Home / Attualità / DAL MONDO / Interviste / INTERVISTA a OLIVIER DUBOIS - di Michele Olivieri

INTERVISTA a OLIVIER DUBOIS - di Michele Olivieri

Olivier Dubois. Foto François Stemmer Olivier Dubois. Foto François Stemmer

Olivier Dubois è stato Direttore del Ballet du Nord dal 2014 al 2017. Eletto tra i venticinque migliori danzatori del mondo dal magazine “Dance Europe” nel 2011, vanta un’esperienza unica che spazia tra coreografia, performance e insegnamento. Nato in Francia nel 1972, Dubois crea la sua prima opera da solista, “Under Cover” nel 1999. Si è esibito in numerosi spettacoli di famosi coreografi e direttori come Karine Saporta, Angelin Preljocaj, Jan Fabre, Dominique Boivin e Sasha Waltz; ha collaborato inoltre con il “Cirque du Soleil”. Dal 2005 Dubois ha creato una serie ininterrotta di spettacoli di grande successo. Dopo “Féroces”, duetto con Christine Corday per il Théâtre de l’Esplanade di Saint-Étienne, è stato invitato dalla SACD (Società francese Autori Drammatici e Compositori) e dal Festival di Avignone per creare nell’ambito della rassegna “Sujets à Vif” lo spettacolo “Pour tout l’or du monde” (2006). Nel giugno 2007 ha vinto il Premio Speciale della giuria assegnato dal “Syndicat de la Critique Théâtre, Musique et Danse” come riconoscimento per questo spettacolo e per la sua carriera. Nel 2006 e nel 2007 ha presentato il progetto in due parti “BDanse: En Sourdine” e “Peter Pan”. Nel luglio 2008 ha creato “Faune(s)” per il Festival di Avignone (ispirato a “L’àpres-midi d’un faune” di Nijinsky) e nello stesso anno ha vinto il primo Premio Jardin d’Europe a Vienna. Nel 2009 la sua mostra, realizzata al Centre National de la Danse, “L’interprète dévisagé” ha riscosso grande successo. Nel 2010 ha creato su commissione del “Ballets de Monte-Carlo” la coreografia per lo spettacolo “Spectre”. Nel settembre seguente ha portato un’altra delle sue creazioni alla Biennale della danza di Lione: “L’homme de l’Atlantique”, un duetto sulla musica di Frank Sinatra. Dubois è un artista costantemente volto ad allargare i propri orizzonti. Nel gennaio 2009 firma la coreografia de “La périchole” di Offenbach per l’Opera di Lille, Nantes e Limoges, sotto la direzione di Bérangère Jannelle. Nel novembre 2009 ha cominciato una trilogia dal titolo “Étude critique pour un trompe-l’oeil”. Il primo spettacolo, “Révolution”, ha debuttato alla “Ménagerie de Verre” a Parigi e la seconda parte, un assolo intitolato “Rouge”, è andato in scena per la prima volta nel dicembre 2011. L’ultima parte, “Tragédie”, ha debuttato al Festival di Avignone nel luglio 2012, ed è stato ripreso con successo fino al 2015. Parallelamente al suo lavoro di coreografo e ballerino, Dubois insegna e tiene workshop per diverse compagnie di danza internazionali incluse l’Opera di Vienna, la Scuola Nazionale di Danza di Atene, la Compagnia di Balletto dell’Opera del Cairo, Troubleyn/Jan Fabre, il Balleto Preljocaj e la Scuola di Belle Arti a Monaco. Nel 2012 gli è stato conferito il Diploma nazionale per l’insegnamento della danza, come riconoscimento per il suo lavoro. Nel maggio 2011 Dubois ha guidato un gruppo di 120 ballerini non professionisti in uno spettacolo dal titolo “Envers et face à tous”, a Le Prisme di Élancourt. Il progetto è stato riproposto nel maggio 2014 per l’evento “Made in Rbx”. Dubois ha anche creato “Élégie” per il “Balletto Nazionale di Marsiglia” come parte del Festival di Marsiglia 2013 Capitale Europea della Cultura. La sua produzione “Souls”, interpretata da sei ballerini provenienti da diverse nazioni africane, ha debuttato nel dicembre 2013 dopo aver provato al Cairo e a Dakar. Nel gennaio 2015 Olivier Dubois ha creato “Mon Élue noire Sacre #2”, assolo per Germaine Acogny e, nel giugno, un nuovo assolo dal titolo “Les Mémoires d’un seigneur ou l’Homme disparu per Sébastien Perrault” con 30 ballerini non professionisti. Da ricordare inoltre nel 2011, “Envers et face à tous” eseguito da 120 ballerini al Prisme d’Élancourt, seguito nel 2013 da “Origami”, che ha visto la partecipazione di 1.000 studenti delle scuole medie inferiori e superiori di Roubaix. Durante la Nuit Blanche a Parigi, ha messo in scena “Mille et une danses” con la partecipazione di 300 danzatori dilettanti. Dubois collabora anche con la scuola di formazione “Ballet Junior de Genève”. La trilogia “Étude critique pour un trompe-l’œil” si è conclusa nel 2016 con “Auguri”, un brano per 22 danzatori che ha debuttato all’International Summer Festival Kampnagel di Amburgo ed è stato presentato per la prima volta in Francia alla “Biennale de Lyon”. Nel febbraio 2017, Olivier Dubois ha prodotto “De l’origine” per il “Royal Swedish Ballet” e “7 x Rien”, il suo primo pezzo per un pubblico giovane. Nella primavera del 2018, ha eseguito un assolo dal titolo “Pour sortir au jour”, per il quale ha avuto luogo la prima al “Festival de Marseille”. L’anno successivo, Olivier Dubois ha creato un nuovo pezzo per 8 ballerini e un musicista, “Tropismes”, presentato al CentQuatre-Paris. Attualmente sta realizzando il suo nuovo pezzo coreografico franco-egiziano, “Itmahrag”, che sarà presentato nel gennaio 2021 a La Filature, a Mulhouse.

Carissimo Olivier, attraverso la memoria e il corpo come si racconta il proprio intimo?
Raccontare la mia privacy è di poca o nessuna importanza. Ciò che invece il mio corpo e la mia memoria possono scatenare come sensazione intima in chi la osserva è l’essenziale. È qui che l’arte è forse l’atto più democratico. Poiché la ragione del processo artistico, il libretto in un certo senso, è irrilevante, è importante solo la percezione intima dello spettatore. E qualunque sia questa percezione, è legittima ed equa. Non ci sono interpretazioni errate di un’opera. Il lavoro appartiene solo allo spettatore!

Ogni tuo spettacolo è una piccola/grande storia d’arte. Da cosa ti lasci ispirare per la creazione?
Il perché della creazione e la sua origine sono due cose complesse e probabilmente impossibili da spiegare. Portano entrambe ad una parte di psicologia intima, credo che gli artisti creino un tipo di laboratorio di cui noi siamo oggetto specifico di ricerca. Oltre a questa ricerca, c’è il dialogo possibile o impossibile che cerchiamo di portare avanti con il mondo sociale, economico, artistico... È quindi un viaggio continuo tra sé e il mondo che produce la creazione d’immagine.

Sei stato nominato tra i 25 migliori danzatori al mondo, cosa ti ha donato la scoperta e la professione della danza?
La felicità di essere! La felicità di essere riusciti in questa scommessa impossibile. Ho iniziato a ballare molto tardi a ventitré anni e con un corpo, diciamo “atipico”. E nonostante questo, ho potuto esibirmi per molti coreografi. È stato il risultato di un duro lavoro e di una fortuna eccezionale. Quindi per quello che questo mi ha dato, direi l’accettazione di me stesso come persona e come artista. Perché è grazie a tali incontri con numerosi coreografi che ho sviluppato il mio potenziale artistico, e a scrivere pian piano una linea artistica che prosegue anche in qualità di coreografo.

Hai danzato con i più grandi autori e hai presentato le tue opere sui palcoscenici più prestigiosi. Esiste una solitudine del danzatore o i ruoli rimangono attaccati e confondono la realtà con la fantasia? E come si fa a scoprire tramite la danza e il corpo l’essenza dell’artista?
Sì, c’è una sorta di solitudine del ballerino, come qualsiasi artista altrove. La solitudine è tanto più forte nel ballerino perché il suo corpo è anche il suo strumento, il suo strumento di lavoro che modelliamo costantemente. Siamo nell’introspezione e nell’estrospezione di noi stessi. E poi, da danzatore ad interprete, si tratta di riuscire a scomporsi in modo che possa avvenire il dialogo con gli altri, con il mondo. Richiede una metamorfosi costante di sé stessi. E affinché queste metamorfosi siano efficaci, dobbiamo trovare un equilibrio appreso tra ciò che siamo come persona, come artista e ciò che dobbiamo creare, cioè l’opera secondo la visione del coreografo. Una contorsione appassionante ed emozionante! Infine, non credo che i ruoli si fondano tra realtà e fantasia, credo che la parte più sottile sia riuscire a rimanere sé stessi, nella coscienza in ogni momento e tuttavia rilasciare una parte misteriosa, probabilmente mistica. È ancora una volta questa metamorfosi che lega la realtà e la realtà modificata. Devi essere profondamente te stesso per diventare un altro!

La danza ci fa leggere un proprio personale destino?
La danza e l’arte in generale sono praticate nella produzione di opere disinteressate e istintive. L’arte non commenta nulla di attuale. Non dobbiamo diventare giornalisti-artisti. Ma rende possibile creare un’altra realtà, un teatro del mondo. E questo teatro come una realtà modificata a volte annuncia, rivela, ma non arriva mai dalla sua volontà originale. Non siamo affatto indovini!

In questo momento più che mai, la danza e l’arte tutta sono un rimedio per una possibile rinascita?
Sfortunatamente, non credo che l’Arte sia una cura per nulla. L’unica cosa che posso dire è che oggi il corpo è sotto attacco. È vincolato nel suo aspetto fisico, nel suo potere erotico ed emotivo. Confutiamo la differenza per disinfettarla. Definiamo un corpo ideale, un pensiero ideale, un essere autorizzato! Neghiamo la parte istintiva, selvaggia, emotiva di noi stessi e ciò che il corpo può dire ed essere diverso. È un’intellettualizzazione ipocrita di basso livello. È un atteggiamento quasi autocratico che la storia del mondo ha spesso attraversato. Non mi spaventa, ma mi consola il fatto che l’Arte debba lottare senza sosta e forse anche ribellarsi contro di essa!

Michele Olivieri

Ultima modifica il Martedì, 27 Ottobre 2020 14:23

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.