sabato, 06 giugno, 2020
Sei qui: Home / Attualità / DAL MONDO / roma
Domenica, 20 Febbraio 2011
Pubblicato in Festival Roma

Cinema
Festival Internazionale di Cortometraggi e Nuove Immagini
Indirizzo postale:
c/o Associazione Culturale 3E-medi@
C. P. 18/348
Bravetta RM, 00164 Roma
Indirizzo stradale:
Viale dei Colli Portuensi 312, 00151 Roma RM
t + 39 06 39388262
f + 39 06 65742563
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.arcipelagofilmfestival.org

Arcipelago
Lunedì, 14 Novembre 2011
Pubblicato in Non categorizzato

ENRICO VIII

Spazio scenico polidimensionale in cui il pubblico interagisce, scene a forte impatto spettacolare per quello che è l’ultimo dramma scritto da William Shakespeare. Trionfo di un’illuminata monarchia, il dramma ha il suo punto di forza nei temi, nelle vicende e nel poetico tratteggio dei suoi numerosi personaggi, tra cui spiccano il passionale Enrico, l’intrigante Wosley e Caterina, la regina abbandonata che conclude la serie delle figure femminili dei “romances”.

“Questa volta” dice l’autore “non vengo a farvi ridere; abbiamo da presentarvi cose gravi accigliate e tristi per alti travagli: scene di dolore d'una tale maestà e nobiltà da strapparvi dagli occhi fiumi di pianto. Quelli d'animo tenero e pietoso potranno ora, se vogliono, versare una lacrima; la vicenda la merita. Chi ha speso il suo denaro con la viva speranza di veder cose credibili, questa volta vedrà cose vere”.

Lunedì, 14 Novembre 2011
Pubblicato in Non categorizzato

ODIN TEATRET NORDISK TEATERLABORATORIUM

ORME SULLA NEVE

Ogni spettacolo racconta una storia. I personaggi che appartengono al mondo della finzione diventano realtà credibile per lo spettatore grazie alla tecnica dell'attore. In ORME SULLA NEVE é la tecnica stessa che diventa protagonista. L'attrice, in prima persona dialoga, esponendoli, con i segreti che precedono e seguono la costruzione di un personaggio e la creazione di uno spettacolo. La tensione che caratterizza ogni dramma appare in questo spettacolo/dimostrazione di lavoro attraverso un confronto tra il comportamento quotidiano dell'attrice e la sua trasformazione in comportamento scenico.

“Chi viaggia incontra qualcosa di nuovo. Ma non dimentica mai ciò da cui si sta allontanando. L’orizzonte delle conoscenze si dilata, ma non si tratta di vere scoperte. La vera scoperta è quando lentamente affiora ciò da cui il viaggio sembra liberarlo: “le ferite”. Si aprono gli occhi nel momento in cui lo sguardo è concentrato altrove” Eugenio Barba

Lunedì, 14 Novembre 2011
Pubblicato in Non categorizzato

ODIN TEATRET NORDISK TEATERLABORATORIUM

SALE

Un'odissea al femminile. Una donna viaggia da un'isola all'altra del Mediterraneo alla ricerca di un amato scomparso. Un fantasma la accompagna e la dirige in una danza sempre più vicina alla consapevolezza di una definitiva lontananza. SALE prende spunto da un testo non teatrale, LETTERA AL VENTO l'ultima lettera del romanzo epistolare di Antonio Tabucchi “Si sta facendo sempre più tardi”, per entrare nelle pieghe dell' animo umano, «fotografando» la voce di un amore, la voce di una vita in un sovrapporsi di ricordi amari come il sale delle lacrime. La novella di Tabucchi viene distillata in un crescendo di emozioni, segni, parole, gesti, musiche che rinnovano il sapore di un amore invecchiato nei ricordi. Un amore forse mai nato, ma sicuramente vissuto e sicuramente morto, un amore che ha lasciato nella vita della donna che l' ha coltivato una lunga traccia di sale.

“C’è un battello all’orizzonte che lascia nell’azzurro una striscia di spuma bianca. Sarai tu anche quella? Forse. Potrei metterla nella mia tasca” Antonio Tabucchi

Lunedì, 14 Novembre 2011
Pubblicato in Non categorizzato

ODIN TEATRET NORDISK TEATERLABORATORIUM

LETTERA AL VENTO
Spettacolo/dimostrazione

In LETTERA AL VENTO Roberta Carreri e Ian Ferslev presentano il processo di genesi di SALE, spettacolo basato su “Si sta facendo sempre più tardi” di Antonio Tabucchi con la regia di Eugenio Barba. Ripercorrono praticamente la loro esplorazione del tema della “nostalgia” durata cinque anni: dalla primissima fase in cui il musicista apprende a suonare nuovi strumenti e compone la musica, mentre l’attrice raccoglie testi ed oggetti con cui si confronta per creare sequenze di azioni; fino all’incontro con il regista, con le tensioni, difficoltà ed equivoci attraverso i quali si arriva allo spettacolo.

Pagina 23 di 25

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.