martedì, 11 maggio, 2021
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / TEATRO DELLL’ESILIO. DUE SERATE (MEMORABILI) CON OTTAVIA PICCOLO E STEFANO MASSINI. -di Angelo Pizzuto

TEATRO DELLL’ESILIO. DUE SERATE (MEMORABILI) CON OTTAVIA PICCOLO E STEFANO MASSINI. -di Angelo Pizzuto

Ottavia Piccolo Ottavia Piccolo

A Teatro con ogni mezzo (dalle offerte you-tube al collegamento in streaming, dai canali tematici alle ‘piattaforme’ di resistenza alla pandemia), riconducibili all’unica connessione tecnologicamente possibile: lo schermo del computer o del televisore, digitalizzato e dilatato quel tanto da “non potere mai surrogare” la partecipazione in prima persona ai luoghi deputati della tradizione o della innovazione (lo spazio scenico e tutto ciò che “inventiamo” essere tale).
Pur nei limiti dell’attuale fruizione (da cui tanto malumore), proviamo ugualmente ad aggiornare il nostro ideale taccuino di “teatro dall’esilio”, ove per questa volta primeggiano i nomi di Ottavia Piccolo e Stefano Massini.

“Occident Express” è la storia di un’anziana donna irachena che, nel 2015, percorre cinquemila chilometri per sottrarre la nipotina alla guerra. E ispirando Massini a trasformare il ‘viaggio di sopravvivenza’ in epica sofferta, deflagrante, modernissima, superlativamente incarnata da Ottavia Piccolo che interiorizza il ruolo di Haifa (nata per star ferma) abbinandolo alla progressiva decantazione di una coscienza critica- la quale, e in prima istanza, è esternazione dell’orrore, della rabbia di vita, del “istinto animale” di proteggere anche, a costo della violenza reattiva, la creatura a lei affidata.
Lo spettacolo (nato dalla cooperazione fra lo Stabile dell’Umbria e le Offinine Multiculturali di Arezzo) fa parte della serie di appuntamenti teatrali, in onda su Rai5 e Rai Play, che “esaltano e sedimentano” il versatile talento di una delle attrici più amanili della scena italiana. Rendendo conto, altresì, del suo decennale sodalizio con il lo scrittore Stefano Massini. Un percorso teatrale condiviso che ha decantato in forma di “deflagrazione della parola” alcune delle più atroci emergenze sociali e geopolitiche del nostro presente.

Un impegno collettivo nel racconto del contemporaneo che prosegue con la programmazione di “Il sangue e la neve”, memorandum teatrale su Anna Politkovskaja”- trasposizione per lo schermo (in un linguaggio di nuda struttura drammaturgica), diretta da Felice Cappa. dello spettacolo “Donna non rieducabile” prodotto dalla cooperativa toscana.
La storia della lotta per la libertà e i diritti umani nell’orbita della Russia putniana e delle regioni ad essa satelliti (della quale ci occupammo in singola recensione, al suo debutto) è narrazione (confessione) di efferatezze, assassinii politici, ‘esecuzioni’ di condanne a morte pervenite dell’ ‘alto’ da chi non ammette dissidenza.
Anna Politkovskaja non era una militante politica, un’ eversiva irredentista della rivolta cecene Era solo una giornalista, anzi una cronista, rara testimone di una realtà tragicamente in trasformazione (a seguito delle nuove entità ed istanza post-sovietiche). Giornalista e donna, quindi: su questi due aspetti, il docu-film di Cappa, tratto da un altro copione di Stefano Massini (concepito come “sciarada” di parole, nel cui flusso serve cogliere la frase significante), rielabora brani autobiografici e articoli di Anna Politkovskaja, strutturando una serie di sequenze che si intrecciano lungo il percorso professionale e umano della protagonista: dai reportage giovanili, ai primi tentativi di linciaggio, dalle interviste con i terroristi di Beslan, fino al tragico epilogo. Ottavia Piccolo dà sfogo all’orrore e allo smarrimento, alla dignità e all’amara ironia- con la forza di una artista della voce, che in quei valori di libertà si è sempre identificata. Nel montaggio, le riprese girate ad Alzano Lombardo, all’interno dell’ex cementificio Pesenti, sterminato esempio di archeologia industriale, si alternano –oltre al monologare sofferto ed orgoglioso dela protagonista- materiali di repertorio tratti dalle tv russe e video realizzati dagli stessi rivoltosu. L’opera è stata presentata lo scorso anno alla Biennale del Cinema di Venezia (nella sezione Eventi per i Diritti Umani) ed è stata accolta da unanimi consensi. Rintracciarla in home video è un dovere democratico. Per non dimenticare e sentire di “esserci” ancora.

Ultima modifica il Giovedì, 22 Aprile 2021 11:28

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.