martedì, 26 ottobre, 2021
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / RICORDANDO ANTONIO SALINES - GRANDE COMPRIMARIO DELLA SCENA ITALIANA. -di Angelo Pizzuto

RICORDANDO ANTONIO SALINES - GRANDE COMPRIMARIO DELLA SCENA ITALIANA. -di Angelo Pizzuto

Antonio Salines Antonio Salines

RICORDANDO ANTONIO SALINES
GRANDE COMPRIMARIO DELLA SCENA ITALIANA

Di Angelo Pizzuto

Durante l’estate, ci ha lasciato anche Antonio Salines, grande comprimario del teatro italiano, in questa ennesima stagione di pandemia purtroppo interiorizzatasi come nella “Peste” di Camus. E che procede come una sorta di ‘blade runner’, asfaltatrice che rende quasi anonimi vittime e superstiti. Non solo i “protagonisti”, quindi, (Carla Fracci, Milva, i Maestri Battiato e Teodorakis), ma anche fior di professionisti (Libero Di Rienzo, attore ancor giovane, Paolo Beldì, estroso regista televisivo, Daniele Del Giudice, scrittore perlaceo, Maurizio De Benedictis, critico e docente schivo e commendevole, l’attore Carlo Alighiero) che hanno contribuito a “fare” (letteralmente “fare”) lo spettacolo e la cultura del “secolo breve’’-e anche oltre.
Massiccio e affabile, impetuoso ed intimamente fragile (dotato di squisita sensibilità, ed anche timidezza, ben oltre la scena), Salines era nato a Liguria nel 1937 e ed aveva esordito al (dopo una breve esperienza al Teatro Popolare di Vittorio Gassman) al Piccolo di Milano nella “Betia” di Ruzante con la regia di Giancarlo De Bosio -cui fecero seguito “Toller” di Donet (regia di Chereau) e l’eccentrico, svagato, quasi umbratile “Un marziano a Roma” di Flaiano, al suo secondo (non fortunato) tentativo di messinscena- dopo quello finanziato e organizzato dallo stesso autore.
Con Werner Bentivegna e Paolo Carlini, negli anni sessanta, Salines (fisico snello e gentilizio) era stato già fra i pionieri dello sceneggiatto televisivo, nei ruoli di attore giovane ‘galante e inutilmente innamorato’.
Direttore e promotore (con Roberto Lerici) del Teatro Belli di Roma, Antonio Salines aveva sempre più affinato la sua espressività “vulnerabile” ma “gioiosa” (marcata da quel paricolare tipo di “ottimismo euforico”, tipico di chi ha abdicato al senso critico in ogni ambito), collocabile ad un ideale incrocio fra Zio Vania e tanti anti-eroi (fallimentari e testardi) del “sogno americano” denudato e dissacrato da Arthur Miller.
Lo ricoderemo anche in “Cgila fa l’aspetti”, “Il malato immaginario”, “Provaci ancora, Sam” la più sapida e intelligente trasposizione italiana del film di Allen. Di cui Salines firmò anche la deliziosa, divertita regia.
Lo ricorderemo con stima e amicizia.

Ultima modifica il Domenica, 19 Settembre 2021 11:24

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.