mercoledì, 07 dicembre, 2022
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / PAOLO GRAZIOSI: UNA LEZIONE DI VITA E TEATRO. -di Angelo Pizzuto

PAOLO GRAZIOSI: UNA LEZIONE DI VITA E TEATRO. -di Angelo Pizzuto

Paolo Grazioso Paolo Grazioso

PAOLO GRAZIOSI: UNA LEZIONE DI VITA E TEATRO
Di Angelo Pizzuto

L’inverso del grande istrione: scabro, laconico, auto vigilante il senso ed il sentimento dell’essenzialità. Così era il caro e irripetibile Paolo Graziosi, attore finissimo che non amava i narcisismi e gli stucchevoli vezzi del mestiere. A sua volta considerato un modo come l’altro – indubbiamente più elaborato e tribolato- di vivere la condizione umana e la sua sete di conoscenza. Nel tempo in cui ci lasciava Monica Vitti, anche Paolo, ottantenne volitivo e discreto, concludeva la sua terrena permanenza, desolando un fitto gruppo di colleghi ed estimatori, oltre al ‘pudore’ dei familiari chiusi in ammirevole silenzio.
Era nato a Rimini nel 1940, Paolo Graziosi, stesso rione di Federico Fellini, ma indole tendente alla ‘critica’e autoanalisi, per nulla propenso ad eccessi e gaudenze degli stereotipi romagnoli (ricordandomi in tal modo la l’anomala ‘sicilianitudine’ di Luigi Vannucchi e le origine sarde di Amedeo Nazzari e Ubaldo Lay).
Diplomatosi all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica (inizio anni ’60), Graziosi era apparso in bella evidenza, sin da subito, interpretando il ruolo di Mercuzio in una edizione di “Romeo e Giulietta” del 1963 diretta da Zeffirelli. Scritturato (l’anno successivo) dal Teatro Stabile di Torino emerge in uno spettacolo ruzantiano di Gianfranco De Bosio- “L’anconitana”. Per poi legarsi (dal 1971) alla Compagnia del Gran Teatro di Carlo Cecchi: con il quale stringerà un forte sodalizio che darà luogo (in quelli che al tempo definivamo i “circuiti alternativi”, di cui il Carrozzone di Carlo Quartucci e il Teatro di Strada di G. M. Volontè, A. Salines e F. Bucci furono apripista) ad una quaterna di titoli deliziosi (un privilegio conservarne lucida memoria). Da “Le statue mobili” e “A morte d’int ‘o lietto e Don Felice” di Petito a “Tamburi di notte” di Brecht e “L’uomo, la bestia e la virtù” di Pirandello.
Diretto da Peter Stein, a fine anni ottanta, Paolo Graziosi sarà nel cast di “Tito Andronico” e, successivamente, per la regia di Walter Pagliaro, protagonista di “Timone d’Atene”- classici shakespeariani dozzinalmente catalogati fra le opere fuori repertorio.
Con “Storia di un soldato”, elaborata da Pier Paolo Pasolini (e la triade di registi Martone, Dell’Aglio, Barberio Corsetti), Graziosi “polarizza” il Festival di Avignone del 1995, così come l’anno successivo- al Teatro Greco di Siracusa, in coppia con Valeria Moriconi, sarà uno dei Giasone più introversi, enigmatici, tremendi che ci sia mai capitato di conoscere. “Distaccato e incisivo nella sua disarmante chiarezza”, l’interprete si consegna al nuovo millennio con un allestimento di Werner Schoeter, “Sangue” dello svedese Lorén, esplorato in tandem con la sempre algida ma funzionale Marina Malfatti.
Valorizzato anche dal cinema, Paolo Graziosi è ‘voluto’ (ancora giovanissimo) da Marco Bellocchio per “La Cina è vicina” e “La condanna”. Poi da Liliana Cavani in “Galileo” e da Francesco Rosi per “Cadaveri eccellenti”. Ruoli di spicco, in seguito, per “Una storia semplice” di Emidio Greco, “Cuore di mamma” di Salvatore Samperi, “Il lungo silenzio” di Margaretha von Trotta, “Itaklian Village” di Giancarlo Planta.
Più di recente, e sempre svettante di eleusina, introversa personalità: "Nessuna qualità agli eroi" (2007) di Paolo Franchi; "Il papà di Giovanna" (2008) di Pupi Avati; volto ed occhi di Aldo Moro in "Il divo" (2008) di Paolo Sorrentino, interpreta il ruolo di Carlo Antici in "Il giovane favoloso" (2014) di Mario Martone, un cammeo per il "Pinocchio" (2019) di Matteo Garrone e una partecipazione (a fianco di Anna Bonaiuto) in “Tre piani” di Nanni Moretti (2021)
Un ‘eretico’, esilarante Pirandello alla Sala Umberto (“Sei personaggi…” di ritorno con Cecchi) e “Der Park”, ancora diretto da Peter Stein (Teatro Argentina), furono invece e ultime occasioni dataci per apprezzarlo dalla vivida platea.

Ultima modifica il Sabato, 12 Febbraio 2022 11:47

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.