giovedì, 02 febbraio, 2023
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / Roberto Bolle and Friends: la danza a Roma e a Taormina. -di Vito Lentini

Roberto Bolle and Friends: la danza a Roma e a Taormina. -di Vito Lentini

Roberto Bolle and Friends Roberto Bolle and Friends

La storia che Roberto Bolle continua a narrare è identificabile con quella di un artista che da sempre ha prediletto impegno, serietà, rigore e progressiva maturazione. Un artista che seguita a non perdere smalto e ama sperimentare e percorrere nuovi tracciati nonché pennellare nuove campiture. Tratti, questi, che peraltro l’étoile scaligera da diverso tempo conferisce ai suoi Gala divenuti, ormai, gli appuntamenti di maggior respiro dell’arte della danza nella lunga estate italiana.
Sipario quest’anno ha seguito, in particolare, i due appuntamenti del Teatro dell’Opera di Roma - tre date nel mese di luglio alle Terme di Caracalla - del Teatro Antico di Taormina. Ambedue i programmi, ancora una volta, riconfermato l’auspicato equilibrio tra brani tratti dal repertorio classico e stralci di contemporaneo consentendo di squadernare la versatilità dell’essere danzatore oggi tra riconferme e sorprese.
Questa, unitamente agli artisti coinvolti e alla qualità delle proposte selezionate, è una delle ragioni del longevo successo del Roberto Bolle and Friends che ha il merito di offrire ai ballettomani italiani la straordinaria opportunità di scoprire nuovi talenti della scena coreutica internazionale, tornare ad apprezzare danzatori di prim’ordine e sfogliare le nuove pagine dell’arte della danza. Sotto quest'ultimo profilo si inscrive, ad esempio, il duetto maschile Duel condiviso dalla nostra étoile con Osiel Gouneo, Primo Ballerino del Bayerisches Staatsballett, a Roma e con Nicola Del Freo, Primo Ballerino del Corpo di Ballo del Teatro alla Scala, a Taormina. Un lavoro, questo, firmato da Max Volpini che ha tratteggiato una modulazione coreutica in linea con il ritmo netto dettato dalla batteria dal vivo. Da menzionare, altresì, anche In your eyes di Patrick De Bana su musiche di Ezio Bosso. Qui Bolle alterna citazioni, evocazioni, vissuti e riferimenti che allo spettatore più attento hanno senza dubbio offerto l’opportunità di riconsiderare, sotto diversi rispetti, un pensiero sull’esistere e su quella sua peculiare eterogeneità che non può non investire anche l’arte di Tersicore. Con le elegantissime linee di Melissa Hamilton, first soloist del Royal Ballet, l’étoile ha rispolverato il poetico pas de deux tratto dal Caravaggio di Bigonzetti e le peculiari modulazioni accademiche di Ben Stevenson in Tre Preludi plasmate sulle musiche di Rachmaninov eseguite al piano da Marco Samuel.
A Roma hanno altresì affascinato le morbide e delicate nuances di Penumbra firmato da Remi Wörtmeyer con Bolle/Hamilton, la solida tempra di Madoka Sugai - Principal dell’Hamburg Ballet - e Daniil Simkin - Principal dell’American Ballet Theatre e dello Staatsballet Berlin - nel Grand Pas Classique, la tempra di Adeline Pastor e Osiel Gouneo nel Don Chisciotte, come pure i validissimi stralci tratti da Esmeralda con Anna Ol e Young Gyu Choi, ambedue Principal del Dutch National Ballet, e dal Lago dei cigni con i perfetti Fumi Kaneko e Vadim Muntagirov, indiscusse stelle del Royal Ballet.
A Taormina, di converso, abbiamo ritrovato Nicoletta Manni e Timofej Andrijashenko - Primi Ballerini del Teatro alla Scala - disinvoltamente impegnati nel Grand Pas Classique e nella coreografia di András Lukács Luminous, O di Philippe Kratz con Casia Vengoechea e Toon Lobach - ambedue artisti freelance - impegnati, vieppiù, con i delicatissimi velluti di SENTieri di Philippe Kratz condivisi con Roberto Bolle e il passo a due del Don Chisciotte affidato a Tatiana Melnik e Michal Krcmar, rispettivamente Principals dell’Hungarian National Ballet e del Finnish Ballet. Anche quest’edizione estiva del Roberto Bolle and Friends si riconferma, dunque, occasione di confronto, opportunità di condivisione e momento di scoperta e ripensamento delle proficue modulazioni che la storia della danza seguita a collezionare.

Ultima modifica il Mercoledì, 28 Dicembre 2022 08:46

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.