domenica, 03 marzo, 2024
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / Teatro Ragazzi e Teatro di Figura con Briciole Solares al Teatro al Parco di Parma. Produzioni e ospitalità con il Festival Impertinente. -di Valeria Ottolenghi

Teatro Ragazzi e Teatro di Figura con Briciole Solares al Teatro al Parco di Parma. Produzioni e ospitalità con il Festival Impertinente. -di Valeria Ottolenghi

Teatro Ragazzi e Teatro di Figura con Briciole Solares al Teatro al Parco di Parma
Produzioni e ospitalità con il Festival Impertinente
 

Mentre si sta leggendo “Intrecci. Per una storia condivisa tra teatro ragazzi e teatro di figura”, di cui presto si scriverà per queste pagine, si è avvertita urgente l’esigenza di scrivere del presente, di ampliare la proposta di relazionare su tre eventi proposti al Teatro al Parco di Parma con Briciole Solares anche al festival Impertinente, dedicato, sempre negli stessi spazi, proprio al Teatro di Figura, il divertimento per tutti, a volte comuni le risate, altre variate. Come si diceva una volta? Spettacoli “fruibili a più livelli”. Anche se non si segue più con l’accanimento e la tenacia di un tempo il Teatro Ragazzi - seguendo i tanti festival, per molte estati a Muggia, intervenendo sulla rivista dell’E.T.I. Stregatto, partecipando agli innumerevoli convegni un po’ ovunque, e naturalmente, indimenticabile, curando, con Paolo Crespi, il numero speciale di Sipario, maggio 1985 - non si rinuncia mai all’incontro con una creazione rivolta a un pubblico specifico per età. Certo si avverte meno il bisogno di difendere il Teatro Ragazzi come teatro di ricerca e di lottare perché le opere siano recensite in autonomia per il loro valore. Ora un altro tempo, per spazi, istituzioni, scambi. Si guarda, si analizza, si scrive. Molteplici le poetiche: è rimasta, nelle compagnie migliori, come dna delle origini, l’esigenza di cercare il linguaggio più idoneo per esprimere un pensiero, una visione, un groviglio di stati d’animo. 

Sipario Melodia TPO
“Melodia. Robert il bambino che suonava il piano”, Compagnia TPO

Ma si può ormai anche parlare di tradizione, gli esiti garbati, magari sì con qualche soluzione originale? Così per “In un paese tutto bianco. Racconto d’inverno” di Riccardo Colombini, in scena con Sara Cicenia, burattini, allestimento scenico, luci e regia di Salvatore Fiorini, produzione Schedìa Teatro, dove teli bianchi richiamano un mondo freddo, immerso nella neve: in tale scenografia mossa (ci sarà anche una terribile bufera), uno dei personaggi della storia è un pupazzo, le mani quelle stesse dei due interpreti. 
La Compagnia TPO prosegue, con sempre maggiore ricchezza e densità tematica, il suo lavoro con le immagini avvolgenti lo spazio scenico sapendo contemporaneamente coinvolgere con delicatezza: in “Melodia. Robert il bambino che suonava il piano” - direzione artistica di Francesco Gandi e Davide Venturini -  due danzatrici, Běla Dobiášová e Valentina Consoli, si muovono su un tappeto d’immagini che scorrono mentre si segue il racconto della vita di Robert Stolz, compositore di valzer, di musiche per il circo, il teatro, il cinema. E mentre si ascolta la musica e si conoscono i suoi viaggi, scivolano via città e fiumi. Le danzatrici si muovono a ritmo, chiamando via via gruppi di bambini - ma anche di adulti disposti a partecipare - che sembrano seguire le tracce di Stolz. Una rigorosa, elegante, avvolgente esperienza di teatro da seguire come spettatori ma anche come divertiti protagonisti. 

sipario teoria del cracker occhisulmondo
“Teoria del cracker”, produzione Occhisulmondo

Purtroppo - per le sovrapposizioni ormai frequenti nei week end - è stato possibile vedere solo in video “Teoria del cracker”, molto bravo Daniele Aureli, che firma anche la regia, produzione Occhisulmondo: al centro il tema della malattia causata dall’amianto, in una narrazione che sa attraversare molteplici stati d’animo, nella sofferenza anche rabbia, sarcasmo, ironia, il titolo derivato da una precisa teoria: “Quando mastichiamo un cracker, il rumore che percepiamo dentro di noi è maggiore rispetto al rumore che sentono le persone che ci sono accanto. E così quando proviamo dolore”.

sipario speciale teatro ragazzi

Un passaggio veloce per il festival “Impertinente”, sempre al Teatro al Parco, con l’intenzione, cui s’intende tenere fede, di seguire con più cura il teatro di figura, tre i week end del festival, durante la settimana repliche per le scuole. All’apertura molto apprezzati, anche dagli adulti, “Cenerentola” di Zaches e “U.mani” di Illico. Produzioni di Briciole Solares due spettacoli di valore: “La migrazione degli animali”, liberamente ispirato al silent book “Migrantes” di Issa Watanabe, un progetto della compagnia Rodisio, di/con gli ottimi Manuela Capece e Davide Doro, emozioni potenti senza parole come il libro da cui questa creazione prende origine, con figurine/ sculture sintesi di diverse specie mosse su un piano sottile: quando non è più possibile vivere, come proprio si vorrebbe, nella propria terra, allora bisogna andare, partire; e “Sasso”, un progetto di Marina Allegri e Maurizio Bercini, che è anche protagonista in scena a ricordare come sia la materia a essere forma della nostra quotidianità, gli oggetti a riempire la nostra vita: “tra cielo e terra”, evocando Amleto, le cose continueranno a essere, a restare, anche oltre la morte delle persone che le hanno manipolate, comprate, osservate intorno a sé. Così il mondo? Solo un grande sasso? Forse però malato…Tante le connessioni di pensiero e di visione con un artista, Maurizio Bercini, che, tra i fondatori del Teatro delle Briciole, ha sempre sentito, e dimostrato, come il teatro moltiplichi i suoi sensi attraverso la manipolazione degli oggetti, il teatro di figura, l’attore anche animatore, sconnessi gli spazi, stravolte le proporzioni.

sipario migrazione animali
“La migrazione degli animali”, produzioni di Briciole Solares

Nella scheda di presentazione del delicato, fresco “A spasso con Olivia”, un altro degli spettacoli ospiti di Impertinente, le ultime parole sono dedicate ad Altan, “il nostro regalo a un grande artista”, un nome che ritorna con Solares che ha partecipato alla produzione del film su questo colto, spiritoso disegnatore filosofo, regia di Stefano Consiglio, che si ricorda molto bello, e ha coprodotto la mostra “Pimpa, Cipputi e altri pensatori”: nella creazione del Centro Teatro Animazione e Figure, rivolto ai bambini più piccoli, regia di Jelena Sitar, in scena Elena De Tullio, protagonista è proprio Olivia Paperina che, tra tanti scatoloni regalo, impara a conoscere il mondo. 

sipario sasso
“Sasso”, un progetto di Marina Allegri e Maurizio Bercini

Dialoghi aperti, senza confini: teatro di figura, fumetto e cinema. Per ragazzi e non solo: a Reggio Emilia è ancora aperta (fino al 17 marzo 2024) la mostra “Marionette e avanguardia” dove sono poste a fianco le grandi sperimentazioni storiche e le coraggiose, divertite esperienze di Otello Sarzi. La ricerca continua. A tutti i livelli. Palcoscenico grande per “Natale in casa Cupiello. Spettacolo per attore cum figuris”, regia di Lello Serao, ancora in tournée, magnifico Luca Saccoia affiancato da diversi “manovratori” che muovono i personaggi, marionette stile Bunraku, conservato il testo di Eduardo, commovente la scena finale con l’anima del protagonista “incarnata” dal suo scheletrino di legno sollevata in cielo da una grande figura alata. 

Ultima modifica il Martedì, 09 Gennaio 2024 15:27

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.