venerdì, 30 ottobre, 2020
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / Dioniso danza, Odisseo viaggia di Marchese - di Claudio Marchese e Riccardo Di Salvo

Dioniso danza, Odisseo viaggia di Marchese - di Claudio Marchese e Riccardo Di Salvo

Odisseo. Naufragio dell'accoglienza Odisseo. Naufragio dell'accoglienza

"Io crederei solo a un Dio che sapesse danzare". L'aforisma di Nietzsche ci apre la strada a un pensiero che non si fissa negli schemi della filosofia socratica. Quella che si basa sul logos, la parola chiara e distinta. Al contrario apre la strada che ci riporta alle origini, al mythos. La parola oscura e inquietante degli dei. Chiave d'accesso a questo pensiero è la danza. Non possiamo fissarci su un'unica verità, perché tutto scorre. "Panta rei", dice l'aforisma di Eraclito. Simbolo del divenire è il fuoco. Non a caso il più caldo dei quattro elementi primordiali. E' l'elemento dionisiaco che scatena l'ebbrezza per mezzo del vino, dell'eros e della danza.

Nietzsche, filosofo per eccellenza solare, sapeva che la cultura greco - mediterranea divinizza sia il vino che l'eros e attribuisce a Dioniso la capacità di mandarci in estasi. La Sicilia, cuore pulsante della Magna Grecia, conserva nel tempo questo patrimonio culturale.Nella sua straordinaria fusione di etnie, anche gli dei si sono mescolati. Cristiani e Arabi hanno donato all'isola nuove dimensioni religiose, ma il fuoco di Dioniso, dio danzante, non si è mai spento.

Così come non tramonta Odisseo, l'eroe omerico simbolo dell'audacia dell'uomo che non accetta di chiudersi dentro i propri confini domestici. Un poeta neoclassico - romantico come Foscolo l'ha visto come alter ego del proprio destino di esule. Noi scrittori post - moderni lo vediamo come proiezione del nostro destino di anime inquiete.

Roberto Zappalà

In quest'ultima stagione il coreografo e regista siciliano Roberto Zappalà ha performato il mito di Odisseo, attualizzandolo nel contesto dei moderni migranti. La Sicilia come porto, terra promessa della nuova Odissea. Quella dello straniero costretto dagli dei a confrontarsi con l'Altro in un continuo incontro/scontro.

"Odisseo. Naufragio dell'accoglienza". Così si intitola il teatro - danza di Zappalà che fa parte del progetto Re - mapping Sicily, la cui prima fase "A. semu tutti devoti tutti?" ha vinto il premio Danza & Danza 2010.

Il dio Dioniso non si stanca di trascinarci nell'ebbrezza del vino e dell'eros. Ma sa anche trasformarsi in una tragica riflessione sul destino dei nuovi esuli che vengono non solo da terre lontane ma migrano anche dentro il nostro Bel Paese.

Il sole della Sicilia che infiamma i pastori e i pescatori di Verga non perde nulla della sua potenza in questo nostro mondo multietnico e pluriculturale. Anche questo è un patrimonio italiano che appartiene a tutta l'umanità.

Ultima modifica il Venerdì, 22 Marzo 2013 08:48
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.