giovedì, 02 febbraio, 2023
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / La drammatugia contemporanea italiana inaugura la Stagione del Teatro della Tosse di Genova di Etta Cascini

La drammatugia contemporanea italiana inaugura la Stagione del Teatro della Tosse di Genova di Etta Cascini

La regola del gioco La regola del gioco Regia Emanuele Conte

La regola del gioco di Elisa D'Andrea. Regia Emanuele Conte. Con Silvia Bottini, Linda Cariddi, Bruno Cereseto, Sara Cianfriglia, Andrea Di Casa, Sara Nomellini, Lucia Schierano. Costumi Daniele Sulevich. Teatro della Tosse. Sala Trionfo, 21 ottobre 2012, Genova.

Siamosolonoi di Marco Andreoli. Regia Circo Bordeaux. Con Michele Riondino e Maria Sole Mansutti. Scene Fabrizio Darpino, Video Marco Quintavalle. Associazione culturale Artisti Riuniti Palomar con PAV e Teatro della Tosse. Sala Trionfo. 1 Novembre 2012, Genova.

Il Teatro della Tosse apre la stagione con una svolta culturale voluta da Emanuele Conte: in scena gli autori contemporanei italiani. Due spettacoli offrono per primi uno scorcio sul mondo poco co-nosciuto dei nostri giovani drammaturghi, La regola del gioco di Elisa D'Andrea e Siamosolonoi di Marco Andreoli che hanno storie e personaggi molto diversi, ma hanno in comune un'indagine sull'attuale società e soprattutto sull'ambiente giovanile. Nello svolgimento delle azioni affiora specialmente il disagio di ognuno con le intime sofferenze, e il teatro diventa uno specchio della nostra vita. La regola del gioco, per la regia di Emanuele Conte, mette a confronto il rapporto di una coppia anziana con la vicenda di una coppia giovane, con un alternarsi di problemi irrisolti, di amore e di angoscia, in una scena spoglia arredata da dieci sedie bianche. I protagonisti si muovono secondo un ritmo ben calibrato e offrono una bella interpretazione della storia. Siamosolonoi si vale della regia del Circo Bordeaux e tutto lo spettacolo offre salti e acrobazie dei due protagonisti, un ragazzo e una ragazza, chiusi in una moderna cucina. Il compleanno di lui apre un susseguirsi di scene che non hanno un filo logico ma regalano flash improvvisi e ricorrenti, come in un sogno. A volte tuttavia gli spunti e i temi si affollano e caricano troppo lo svolgimento dello spettacolo. Bravi gli attori a rendere lo spirito della vicenda, con il sapore di un gioco.

Ultima modifica il Mercoledì, 20 Marzo 2013 18:26
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.