lunedì, 10 agosto, 2020
Sei qui: Home / Attualità / Racconta una Storia / (RACCONTA UNA STORIA) - "ARTURO" di Erica Casaglia

(RACCONTA UNA STORIA) - "ARTURO" di Erica Casaglia

ARTURO

di Erica Casaglia

Dal libro di CARVER che Lucia teneva in mano per apprestarsi alla lettura nel tragitto in metro lavoro – casa cadde una fotografia.
La donna si affrettò a raccoglierla per non farla calpestare dalla folla poi, con un gesto automatico, se la portò agli occhi catturata dal rosso fiammeggiante che troneggiava sulla carta.
L’immagine che scorse nella fotografia le riportò alla mente l’attimo in cui fu scattata.
Lucia stava passeggiando per i giardini di Villa Borghese insieme ad Arturo alla ricerca di angoli ombrosi per sottrarre alla calura di fine luglio il suo Golden Retriever e vide un gruppetto di ragazze in cui spiccava una dalla veste color fuoco: la donna indossava un abito rosso scollato e quel tanto che basta di aderente da evidenziarne la generosità delle curve. Quello che colpì Lucia furono l’abbagliante sorriso della ragazza e la luce dei suoi enormi occhi nocciola.
In una frazione di secondo accadde tutto.
Arturo, per uno di quegli inspiegabili motivi per cui i cani, alle volte, prendono autonome decisioni, si slanciò verso il gruppetto tirando il guinzaglio talmente forte da strattonare Lucia e liberarsi dalla presa per correre verso le donne con la foga di un ragazzino.
L’impatto con la ragazza vestita di rosso fu inevitabile. La giovane si ritrovò distesa sui geranei di una delle aiuole con sopra 45 Kg di muscoli, pelo e amore che le stavano lavando la faccia.
La ragazza, nonostante l’impatto e la situazione poco agevole, scoppiò in una sonora risata riempiendo l’aria di cristallina gioia.
In quel momento un’amica, cogliendo al volo l’attimo, estrasse il cellulare immortalando la scena. Lucia al ricordo sorrise da sola ma il momento fu interrotto dalla vibrazione del cellulare nella borsa.
- Eva, guarda il caso sono in metro e dal libro che mi hai prestato è uscita la foto di Villa Borghese.-
- Vedi tu dove l’avevo messa, se non fosse stato per Arturo non ci saremmo mai conosciute bella mia e non avrei goduto di tutti i tuoi malumori per le tragedie quotidiane di tutti questi anni! Avresti dovuto veder la faccia che hai fatto quando hai visto Arturo sopra di me!!
- Certo, Arturo non aveva ancora l’assicurazione perchè lo avevo preso dall’allevamento da poco e, soprattutto, temevo che ti avesse fatto male e che volessi denunciarci...-
- Tragica al solito tu, povero Arturo voleva solo salutarmi. Avresti dovuto vederti: l’urlo di Munch non era nulla a confronto –
- Sempre la solita.. che barba, basta!-
- Senti Munch stasera sei libera per tenere Isaia?- - E dove vuoi che vada? O al corso di barman o a casa con Arturo..-
- E che te lo dico a fare o ti organizzo io le uscite con gli uomini o fai la suora di clausura! Senti Suor Lucia mi tieni il piccolo che noi andiamo a trovare un amico che è arrivato da poco da Barcellona e Antonio vuole farlo sentire a casa qui in Italia? Tanto facciamo presto; ceni qui da noi, preparo qualcosa per te e per Arturo così mi sento meno in colpa di farti fare la baby sitter anche stasera-
- Zia prego no baby sitter e poi lo sai che mi fa piacere stare con Isaia-
- Lo so ma devi uscire con uomini della tua età e non con uomini dell’età di Isaia che alle 2 di notte chiamano mamma e prendono ancora il biberon con il latte!!!-
- Ancora con questa storia di cercarmi un uomo! Lo sai che il mio lo devono ancora inventare e, nell’attesa, mi accontento di uscire con Arturo e con le mie amiche-
- Capisco Arturo ma quelle che tu chiami amiche, presente esclusa naturalmente, sono degli esseri che solo vagamente ricordano una femmina. Ci credo che non trovate un uomo che almeno vi saluti, paiono militari in tenuta da antisommossa! Tanto non capirai mai... allora stasera ore 21,00 da me, bacio.- - Ecco, brava, bacio a stasera-
Lucia chiuse la conversazione e riprese a guardare la fotografia di Eva pensando che lei non avrebbe mai capito che l’unica persona che Lucia avrebbe voluto accanto e per cui aveva rinunciato ad altre storie era il suo amore impossibile dal vestito rosso.

Ultima modifica il Sabato, 23 Maggio 2020 09:08
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.