Stampa questa pagina

CHIGIANA INTERNATIONAL FESTIVAL & SUMMER ACADEMY 2021 - "Il n’est pas comme nous", musiche di Alessandro Solbiati. -di Annamaria Pellegrini

“Il n’est pas comme nous”, musiche di Alessandro Solbiati “Il n’est pas comme nous”, musiche di Alessandro Solbiati

IL N’EST PAS COMME NOUS
musiche di Alessandro Solbiati (2017)
testo tratto da “El retablo de las meravillas” di Miguel de Cervantes
Mathilde Barthélémy soprano
Antonio Caggiano percussioni
Erica Piccotti violoncello
Leonardo Ricci violino
Alessandro Acqui viola
Chigiana International Festival & Summer Academy 2021
Teatro dei Rozzi, Siena 12 luglio 2021

Si sceglie compagni di strada di tutto rispetto Alessandro Solbiati, uno dei compositori più interessanti nell’attuale panorama italiano. Dopo Puskin, Dostoevskij, Kandinskij, è Cervantes ad ispirare questo suo “Il n’est pas comme nous”, che l’Accademia Chigiana ha scelto come perfettamente coerente col suo programma estivo dedicato al concetto di Diverso nelle sue varie accezioni. Volutamente non abbiamo voluto prepararci allo spettacolo leggendo El retablo de las meravillas, da cui il nostro ha tratto ispirazione per dire la sua in musica: è così raro nel teatro musicale poter essere curiosi non solo del nuovo allestimento di un’opera del passato, ma proprio non sapere cosa ci aspetta nella novità, cosa avrà a che fare con noi e col tempo che viviamo. In realtà l’apologo è ispirato ad un concetto che già da bambini abbiamo appreso da Andersen, dunque nei secoli riproposto col sorriso sulle labbra, ma qui è di musica che si tratta.
Da far tremare le vene ai polsi all’interprete di questa Azione scenica per voce femminile cantante e recitante, violino, viola, violoncello e percussioni, ma non se questa è Mathilde Barthélémy, con un curriculum che definire variegato è riduttivo, oggi soprano, ma artista a tutto tondo, interessata alla musica come alle arti visive, alla letteratura e all’arte drammatica, che della sua voce e del gesto è pienamente padrona. Con l’aiuto di qualche oggetto appoggiato sul tavolino, una cravatta un ventaglio un cilindro, si trasforma nei vari personaggi della ridicola vicenda, accompagnata da Antonio Caggiano alle percussioni, e da tra deliziosi ed impeccabili giovani musicisti, Leonardo Ricci al violino, Alessandro Acqui alla viola, Erica Piccotti al violoncello.
E la storia? Non vogliamo togliere la sorpresa ai prossimi spettatori…
Ma cercheremo di non perdere Del folle amore, la prossima opera di Solbiati che andrà in scena a Firenze, nella quale Barthélémy sarà, appunto, soprano solista.

Annamaria Pellegrini

Ultima modifica il Venerdì, 16 Luglio 2021 16:17

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.