mercoledì, 22 settembre, 2021
Sei qui: Home / Recensioni / Rassegna Festival / BORGIO VEREZZI FESTIVAL 55ma edizione - "CORTO MALTESE. LA BALLATA DEL MARE SALATO", regia Igor Chierici e Luca Cicolella. -di Roberto Trovato

BORGIO VEREZZI FESTIVAL 55ma edizione - "CORTO MALTESE. LA BALLATA DEL MARE SALATO", regia Igor Chierici e Luca Cicolella. -di Roberto Trovato

Luca Cicolella (Rasputin) e Igor Chierici (Corto Maltese) in "Corto Maltese. La ballata del mare salata",  regia Igor Chierici e Luca Cicolella Luca Cicolella (Rasputin) e Igor Chierici (Corto Maltese) in "Corto Maltese. La ballata del mare salata", regia Igor Chierici e Luca Cicolella

CORTO MALTESE. LA BALLATA DEL MARE SALATO
da: Hugo Pratt
Regia: Igor Chierici e Luca Cicolella
Costumi e trucco di Carolina Tonini
Musiche di Igor Chierici e Edmondo Romano
Disegno luci di Igor Chierici. Tecnico audio e luci di Lorenzo Sale
Interpreti: Igor Chierici, Luca Cicolella, Caterina Bonanni, Marco Gualco,
Matteo Palazzo e i musicisti Edmondo Romano, Luciano Ventriglia e Andrea Anzaldi
Produzione Festival Teatrale di Borgio Verezzi e Igor Chierici
Borgio Verezzi, Piazza S. Agostino, 6-7 agosto 2021

Lo spettacolo è il frutto della collaborazione con il 58° Festival di Musica da Camera di Cervo. La regia di questo interessante prova della durata di un’ora e venti è di Igor Chierici e Luca Cicolella, due attori e registi, rispettivamente genovese e foggiano, nati nel 1987. A quanto è precisato nelle note di regia, la versione drammaturgica del popolare fumetto in bianco e nero creato nel 1967- stesso anno di nascita del Festival- dal fumettista e disegnatore veneziano Hugo Pratt, vede il felice connubio fra messa in scena attoriale e musica eseguita dal vivo da tre abili musicisti. Oltre ad aver composto le musiche con Edmondo Romano e firmato l’adattamento del testo, Igor Chierici impersona Corto Maltese (il nome significa in argot andaluso “svelto di mano”). L’altro coregista interpreta invece il suo amico-nemico Rasputin che assomiglia all’omonimo consigliere spirituale dell’ultimo zar di Russia. Questo personaggio ha una personalità sociopatica, a tratti schizoide, anche se non priva di enigmatiche aperture affettive. Rasputin uccide il comandante di una nave incrociata nell’oceano e poi fa mitragliare l’intero equipaggio dai suoi uomini. Poiché Corto cerca di opporsi a questa decisione viene tramortito.
La ballata del mare salato è la prima avventura di Corto, pirata che, pur sembrando cinico ed egocentrico, ha un codice d’onore contraddistinto da lealtà e solidarietà umana. Corto e Rasputin fanno parte dell'organizzazione del Monaco, signore senza età della misteriosa isola Escondida. L’azione è ambientata al largo delle acque melanesiane nel Pacifico del Sud, tra il novembre 1913 e il 1914. In quel momento di tensione tra le potenze europee il Monaco entra in contatto con i tedeschi, che in quell'epoca avevano lì delle colonie, per aiutarli a rifornirsi di carbone nella loro guerra di corsa, nel caso di scoppio della guerra. Un catamarano capitanato dal pirata Rasputin salva Corto, legato a una zattera in seguito ad un ammutinamento della sua nave per le decisioni di Corto.
La scelta di Chierici, che si è orientata verso una storia compiuta, segue l’inizio del fumetto. Non a caso lo spettacolo incomincia col salvataggio di Corto Maltese. Unica eccezione è costituita dal preambolo, assente nel volume, in cui il protagonista racconta agli spettatori la propria storia, sottolineando come si sia creato da solo la propria sorte, incidendosi sulla mano la linea della fortuna, usando il rasoio del padre. Il costume di Corto è quello famoso: un lungo cappotto nero della marina, ampi pantaloni bianchi, un gilet rosso chiaro, la camicia bianca con il colletto alzato, una cravatta nera e un cappello bianco da marinaio con visiera. Egli incontra due giovani cugini di buona famiglia, Pandora e Cain Groovesnore, pure loro salvati da Rasputin per ricavarne un riscatto. I due verranno coinvolti in molte avventure di mare, fatte di cannoniere tedesche, isole misteriose e tribù cannibali. Chierici ha dichiarato ad un giornalista: “Porto in scena storie del mare. Adattare la Ballata è stato molto complesso, ma sono davvero soddisfatto del risultato finale”. Poi ha aggiunto: “L’adattamento ripercorre tutti i passaggi del fumetto, che è una storia compiuta a tutti gli effetti”. Nel finale l’addio a Pandora è considerato da molti la più bella storia d’amore nella storia del fumetto perché ha capito che la giovane non è più ragazzina ma una donna molto bella con cui ha vissuto una grande avventura. Corto aveva ingaggiato in precedenza una singolare lotta sentimentale con la giovane Pandora, che per gran parte della storia prende l’aspetto di un sentimento di attrazione nascosto dalla relazione principale vittima-carnefice. La tensione di questa fase sfocia addirittura nel tentativo di omicidio da parte della ragazza, che spara a Corto ferendolo. La sua reazione contenuta sorprende Pandora, che nel resto della vicenda prenderà atto che l’uomo si è sempre dimostrato generoso nei confronti suoi e del cugino, proteggendoli, nonostante l’apparente complicità col deuteragonista Rasputin. Corto, che nel corso del racconto rivive le sue avventure eroiche senza mai perdere autenticità, è ora meno egoista. Anche i due giovani sono cresciuti e maturati. L’adattamento presenta tutti i personaggi del fumetto: Tarao, Cranio e il Monaco. Questi, in preda a una crisi di nervi, fa precipitare in un burrone Corto che lo irrideva. L’uomo sembra bruscamente uscire dalla storia ma vi ricompare quando Pandora, che scoprirà di essere figlia illegittima del Monaco, annuncia all’incredulo cugino che, dopo essere stato trovato ferito tra le rocce, è stato curato dal melanesiano Cranio. Più avanti Corto si ripresenta al Monaco vestito del suo abito nell’atto di fumare una sigaretta fatta a mano. Le parole che gli dice sono talmente misurate come le conversazioni tra amici da essere apprezzate dal personaggio senza volto.
Nei titoli dei loro ultimi spettacoli (si vedano le fini recensioni di Gabriele Benelli su “Sipario”) Chierici e Cicolella sono rimasti fedeli alla parola mare in maniera diretta o indiretta. Nello spettacolo vanno segnalate alcune suggestive trovate sceniche come le maschere indossate dal guerriero indigeno e da Cranio. Nella rappresentazione vi sono personaggi e temi narrativi destinati a raccogliere l’esperienza raggiunta da Pratt fino ad allora. Speciali sono vari elementi: lo scenario della vicenda; Corto Maltese, personaggio giocato sul filo di una spericolata militanza semi-piratesca ma insieme di un’osservanza di valori e comportamenti positivi. Nella composizione corale della narrazione trovano spazio adolescenti irrequieti (Cain e Pandora); un maori abilissimo nella navigazione (Tarao); anti-eroi commoventi (il comandante Slütter); un melanesiano coraggioso (Cranio), una figura di fuorilegge senza volto (il Monaco), nonché temibili guerrieri Papua. La voce degli attori e la musica, oltre ad essere il tappeto sonoro all’azione scenica degli interpreti, tutti bravi e affiatati, creano una presenza a sé nello spettacolo. In effetti, come sottolineano Chierici e Cicolella nelle note di regia, “i suoni delle marimba e delle percussioni africane” muovono “la narrazione al ritmo tribale delle popolazioni indigene, immergendo la storia del cuore della vicenda”. Inoltre “i delicati fiati shakuhachi e gli archi del violoncello” accompagnano le vicende dei protagonisti.

Roberto Trovato

Ultima modifica il Giovedì, 12 Agosto 2021 08:54

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.