giovedì, 29 ottobre, 2020
Sei qui: Home / Recensioni / Rassegna Festival / Festival Estate a Radicondoli XXV edizione di Mario Ruotolo

Festival Estate a Radicondoli XXV edizione di Mario Ruotolo

Teatrodallarmadio Teatrodallarmadio Bestie Feroci

ORA BASTA!. Riflessione sulla vita alla 25ma edizione del Festival di Radicondoli

"Si fa si!". E' questo il riuscito titolo della 25ma edizione del Festival di Radicondoli, che, anche quest'anno, a fronte della endemica crisi generale, continua ad offrire un programma ampio e diversificato, accomunato dalla volontà di "esserci", con la leggerezza delle note musicali, con scelte importanti ed innovative.

Fra le novità del festival spicca, fra gli altri, il bel testo di David Spagnesi, dal titolo Ora basta! Dystonic Comedy.

Nascere, morire nel ciclo infinito del tempo; nascere e morire come azioni che una quotidianità frenetica e rumorosa svuota di senso. Quale significato attribuire al ricordo di una vita che ci lascia? Quale saggezza raccogliere e trattenere dal passato? Quale dono augurale fare a una vita che nasce? Sono questi gli interrogativi che costruiscono un testo come Ora basta!, leggero e ironico pur nei suoi contenuti seri e perfino drammatici.

Silvia deve fare un regalo per un bambino appena nato, un regalo in grado di trasmettere simbolicamente un messaggio che duri nel tempo; un regalo in grado di comunicare un senso, che non può essere affidato agli oggetti che nel rutilante mondo dei consumi si possono trovare. Ecco allora che pensa alle parole, a quelle otto parole che rappresentano i suoi valori e che vuole trasmettere a una nuova vita: Persone, Repubblica, Diritti, Lavoro, Cultura, Pace, Amore, Libertà. Comincia così un viaggio multimediale attraverso l'Italia del passato e del presente, fatto di canzoni, di immagini, di frame, di emozioni, incertezze, aspirazioni, riflessioni.

In uno scenario contemporaneo nel quale l'iperconsumo ubriaca nelle scelte, in cui le cattedrali dello shopping - specchio di una cultura sempre più cheap, affamata di outlet e di oggetti a buon mercato - offrono il loro spettacolo di apparente gratificazione esistenziale, il dono delle parole prelude a una ecologia della vita, che, nel suo valore di un commercio impossibile, libera risorse ed energie inedite. Le parole si stagliano nell'inflazione segnica delle immagini pubblicitarie ed evocano mondi possibili e dimensioni di un nuovo "dover essere" dell'Italia e dell'umanità tutta. Sono quelle parole il testamento di un universo alla deriva, di una economia fallita, di esistenze incerte e depresse. Il testamento di un passato che ripensa e riflette su un sistema che ha generato un cortocircuito della coscienza da cui è necessario liberarsi , dire "ora basta!". Basta ai rifiuti che un ispirato operatore ecologico si sforza di rimuovere, tra un ricordo e un altro, un'evocazione beffarda di un tempo andato, alla ricerca di un nuovo che sappia dare senso alle parole, tradurle in azioni, renderle attuali.

Il testo si costruisce attraverso quadri paralleli e sovrapposti, con uno stile felicemente cinematografico, resi armoniosi grazie a una regia attenta e partecipata e a una compagni affiatata e di valida qualità scenica. E' quello di Amnio un teatro della "responsabilità sociale", concetto oggi di moda, che dovrebbe, tuttavia, ridare slancio e vigore all'arte scenica, troppo spesso soffocata da logiche di un marketing obsoleto e inaccettabile. E il taglio registico è effettivamente "ecologico", dando valore a un progetto che comunica a una trasversalità di pubblici, a tratti godibilmente didascalico e semplice, che sa mescolare con generosità musica, recitazione, danza, cinema, in una dimensione sinestesica nella quale il passato si riverbera sul presente dando anima e spessore critico alla contemporaneità.

Ultima modifica il Domenica, 17 Marzo 2013 12:31
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.