lunedì, 16 settembre, 2019
Sei qui: Home / Recensioni / CINEMA / (CINEMA) - "L'uomo fedele" di Louis Garrel. Amore, misteri e sorprese.

(CINEMA) - "L'uomo fedele" di Louis Garrel. Amore, misteri e sorprese.

"L'uomo fedele" di Louis Garrel "L'uomo fedele" di Louis Garrel

L'uomo fedele
di Louis Garrel
Con Louis Garrel, Laetitia Casta, Lily-Rose Depp
Francia 2018

Amore, misteri e sorprese.
Otto anni dopo essersi lasciati, Abel (Louis Garrel) e Marianne (Laetitia Casta) si ritrovano al funerale del marito di lei ed ex migliore amico di lui, Paul. Questo tragico evento inaspettatamente li riavvicina, suscitando la gelosia di Joseph, il figlio di Marianne, e soprattutto della giovane Eve (Lily-Rose Depp), da sempre segretamente innamorata di Abel.
Louis Garrel continua il suo percorso da cineasta con un nuovo seducente film, incentrato sulle relazioni sentimentali che intercorrono tra tre individui. Una storia sull'amore ma che rinuncia volutamente a un approccio sentimentale, valorizzando una prospettiva intellettuale e cinefila. L'uomo fedele non è riconducibile a un solo genere cinematografico, ma al contrario è contraddistinto dalla soddisfacente mescolanza di generi, fra i quali spiccano film d'autore, commedia, dramma e thriller. La narrazione ruota intorno all'enigmaticità della figura femminile, in particolare del personaggio di Marianne, sulla quale sono proiettate ombre di colpevolezza e ambiguità, giocando intelligentemente con lo stereotipo della femme fatale. Così come il personaggio di Marianne, L'uomo fedele è un film amabilmente intrigante, in particolare per la sua imprevedibilità e classe tipicamente francese, per l'ironia raffinata e la capacità di mantenere alta l'attenzione dello spettatore. Dall'apertura, un irresistibile incipit, si palesa lo stile del film, nel quale dramma e commedia, coesistono in perfetta armonia, l'uno in sinergia con l'altra. Non c'è scena scontata e che non contenga almeno un elemento sorpresa che appassioni e diverta.
L'uomo fedele si inserisce perfettamente e in modo inequivocabile nella vasta tradizione del cinema francese e nasce dalla collaborazione tra Garrel e il celebre sceneggiatore Jean-Claude Carrière. È stato pertanto un incontro tra due personalità diverse e modi di sentire il cinema e la vita: quello più romantico e passionale di Garrel e quello più freddo e distaccato di Carrière. Il risultato è un oggetto artistico godibile e ambivalente, dove si mantiene uno strano ed efficace equilibrio tra l'impenetrabilità nel vissuto interiore dei personaggi e il coinvolgimento nei loro pensieri e sentimenti, favorito dall'uso insistente della voce fuori campo. Come se i personaggi fossero mossi al contempo da un moto di chiusura al pubblico e da uno di grande apertura. Queste tendenze di fatto coesistono e si distribuiscono sui differenti personaggi in relazione soprattutto alla focalizzazione interna adottata nei vari passaggi del film.
Innegabile è l'influenza del cinema della Nouvelle Vague, fonte di ispirazione riconosciuta da Garrel, che in particolare cita Truffaut, al cui cinema rimanda certamente anche la figura del bambino monello, il figlio di Marianne, un piccolo furbo detective amabilmente manipolatore. Anche il ménage à trois è un espediente tipico del cinema d'autore francese per indagare la complessità e le contraddizioni dell'interiorità umana, i desideri ambivalenti e l'eterna insoddisfazione.
L'inversione dei ruoli uomo-donna e di giochi di potere è evidente e moderna: Abel è gentile, riflessivo e passivo nei rapporti interpersonali, Eve e Marianne sono determinate, astute, affascinanti e misteriose. Un elogio originale e accattivante dell'universo femminile, dal fascino incontestabile e la grazia divina. Un oceano imperscrutabile anche per il più sensibile degli uomini, confuso e destabilizzato, ma incapace di allontanarsene. L'uomo fedele è anche e soprattutto un film sulla vulnerabilità dei sentimenti umani e le strane imprevedibili dinamiche a cui la vita ci conduce. Non delude l'affiatamento artistico tra Laetitia Casta e il marito Louis Garrel, tra i quali si percepisce nel film una complicità coinvolgente e ai quali si affianca e oppone la giovane Lily-Rose Depp, attrice e modella sempre più sulla cresta dell'onda, figlia di Johnny Depp e Vanessa Paradis.

Corinne Vosa

Ultima modifica il Martedì, 09 Aprile 2019 05:47

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.