lunedì, 26 ottobre, 2020
Sei qui: Home / H - I - J - K / INVERNO - coreografia Patrizia de Bari

INVERNO - coreografia Patrizia de Bari

Françoise Parlanti in "Inverno", coreografia Patrizia de Bari Françoise Parlanti in "Inverno", coreografia Patrizia de Bari

Coreografia di Patrizia de Bari
Musica originale per violoncello di Julia Kent,
Danza Françoise Parlanti
Drammaturgia Tuccio Guicciardini
Elementi scenici e video "pupillaquadra"
Luci Mario Mambro
Assistente alla produzione Jenifer Zuggò
Produzione Giardino Chiudo/ Orizzonti Verticali/ Fondazione Fabbrica Europa
San Gimignano, Teatro dei Leggieri 24 marzo 2018

www.Sipario.it, 25 marzo 2018

Non c'è stagione che, per una ragione o l'altra, la nostra capatina a San Gimignano la facciamo, richiamati da luogo incantevole che sempre ci accoglie e che ci riporta agli antichi splendori del sapere del passato.
Richiamati, inoltre, da una famiglia illustre, lì residente, quella dei Guicciardini, che della "cittadella" ha fatto il suo regno di tante iniziative culturali, grazie all'Associazione denominata "Giardino Chiuso", diretta da Tuccio Guicciardini; e ora, essendo stato nominato presidente della Fondazione Fabbrica Europa di Firenze la coinvolge nei suoi progetti: dalla programmazione del piccolo, ma prezioso gioiello che è il Teatro dei Leggieri da ben sedici stagioni al Festival "Orizzonti Verticali", chicca estiva, di questa San Gimignano che registra un flusso annuo di ben tre milioni di turisti provenienti da ogni dove, mentre in inverno si respira il silenzio delle mura antiche dominate da mattoni rossi dove poche ombre di turisti incappucciati deambulano da un angolo all'altro di questo "palcoscenico" che è San Gimignano, popolato da vere scenografie che sono le chiese, i portoni, le torri, i vicoli, l'orizzonte campagnolo di una Toscana leonardiana.
Siamo corsi a San Gimignano, superando ben tre ore di viaggio da un treno all'altro, ma motivati, per assistere ad una performance che fin dal titolo ci aveva intrigato, "Inverno", e che vedeva in scena la ballerina di danza moderna, la pistoiese Françoise Parlanti, guidata dalla coreografa Patrizia de Bari, la cui drammaturgia era firmata da Tuccio Guicciardini, e spinti da un affettuoso ricordo di Roberto Guicciardini, da poco tempo scomparso, regista apprezzato sia quando è stato per anni direttore del Teatro Stabile di Palermo sia dal Gruppo della Rocca di cui era il regista fisso in cooperativa con validi attori.
Con questo miscuglio di sentimenti, affezionati al luogo e agli amici del posto, non potevamo mancare all'evento, anche perché la gentilezza e la squisita accoglienza dei Guicciardini ci ha sempre sorpreso.
L'evento "Inverno" in realtà è una ripresa di qualche anno fa, con alcune modifiche apportate nella attuale messa in scena: se prima c'era la sola protagonista in scena che, con un linguaggio danzato e bene organizzato, descriveva il passare delle stagioni della Natura in parallelo con le stagioni della Vita, ora le sue azioni, i suoi movimenti si rapportavano con una sequela d'immagini mirate al succedersi delle stagioni: nubi vorticose spinte da un forte vento dominante in tutto lo spettacolo con, ogni tanto, invasioni di momenti musicali di Julia Kent, si alternavano con filari di alberi rinsecchiti e spogli, mentre al centro del palcoscenico sgombro, dominava un grande parallelepipedo di legno, che fungeva, a sua volta, da palcoscenico unico e riservato, su cui la ballerina dava intenzioni al suo spartito di gesti stilizzati, prima a rallentatore poi più dinamici; poi l'elemento di scena, da supporto, diventava protagonista insieme al personaggio di lei che lo dominava: lo spingeva, l'alzava, lo girava e rigirava, e infine, lo apriva fino a farlo diventare "casa" di immagini del tempo.
Una performance di quaranta minuti, dominata da una tensione ed una atmosfera criptica dove il linguaggio, la dinamica delle immagini, si fondeva con la variazione del movimenti in una continua dialettica, su queste stagioni che passano e che dominano le nostre suggestioni, i nostri sentimenti, i nostri corpi.
Al termine, prolungati applausi a questa giovane e brava ballerina e alla sua coreografa.
Lo spettacolo, programmato per una breve tournée Toscana, approderà a fine stagione anche a Roma.

Mario Mattia Giorgetti

Ultima modifica il Domenica, 25 Marzo 2018 21:48

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.