mercoledì, 19 gennaio, 2022
Sei qui: Home / S / SCACCO MATTO-ALTRE DISTANZE IN NUOVI ORIZZONTI - coreografia Raphael Bianco

SCACCO MATTO-ALTRE DISTANZE IN NUOVI ORIZZONTI - coreografia Raphael Bianco

"Scacco Matto – Altre distanze in nuovi orizzonti", coreografia Raphael Bianco. Foto Simone Vittonetto "Scacco Matto – Altre distanze in nuovi orizzonti", coreografia Raphael Bianco. Foto Simone Vittonetto

Ideazione e coreografia Raphael Bianco
Light design e stage concept Enzo Galia
Assistente alle coreografie Elena rolla
Maitre de ballet Vincenzo Galano

Feroce Partita
Musiche J.Cage, J.S.Bach e Percussioni tradizionali giapponesi
Danzatori: Elisa Bertoli, Maela Boltri, Vincenzo Criniti, Marco della Corte, Carola Giarratano,
Cristian Magurano, Oksana Romaniuk, Elia Santonastaso, Maya Takebayashi, Davide Stacchini

(Quartetto) per la fine del tempo
Musiche Ezio Bosso, Olivier Messiaen
Danzatori: Elisa Bertoli, Vincenzo Criniti, Carola Giarratano, Cristian Magurano
COMPAGNIA EGRIBIANCODANZA
DIREZIONE ARTISTICA SUSANNA EGRI E RAPHAEL BIANCO
Debutto 10 dicembre 2021 Casa del Teatro Ragazzi di Torino

www.Sipario.it, 18 dicembre 2021

Due atti geometrici che rievocano avanguardie del passato nel misurare tempo e spazio in chiave di meccanicità. Disumani, robot postmoderni, sul crinale tra un’epoca in cui la digitalizzazione era conquista e la tragica consapevolezza coeva di un’umanità disumanizzata, decerebrata, inetta. Combattenti di legno o di pietra, i danzatori riempiono lo spazio del palco tronfi e minacciosi, nel mimare una guerra che è metafora dei tanti, troppi, odierni conflitti inestinguibili. La schematicità e la freddezza si richiama nei costumi per nulla appariscenti, finalizzati piuttosto a castigare giovinezza e avvenenza dei corpi giovani. Ma se “può una semplice cifra su un foglio, rappresentare in piccolo spazio un milione, concedete anche a noi gli zeri di questa grossa somma, di muovere le forze della vostra fantasia”, come scrive Shakespeare nel prologo di “Enrico V”, e così le vicende mimate indignano e commuovono, rapiscono e addolorano. Se Feroce partita è una performance corale, (Quartetto) per la fine del tempo rispecchia crudamente l’evo pandemico, per il distanziamento e le mascherine. Non solo. L’orizzonte è un mondo distopico in cui ciascuno abita una propria isola, chissà se perché la prospettiva è quella futura dell’innalzamento dei mari nel pianeta. Tant’è, l’incomunicabilità tra i personaggi passa anche attraverso questo cercare le distanze di sicurezza, guatarsi con sospetto, perplessità. Il Quartetto di Olivier Messiaen fu scritto quando il compositore era prigioniero, durante il secondo conflitto mondiale, in campo di concentramento. La partitura così contribuisce ad accrescere l’atmosfera emotiva, che acquisisce un refolo di nostalgia con gli inserimenti di brani cameristici di Ezio Bosso, Maestro contemporaneo, torinese, prematuramente scomparso. Spettatori di ogni età hanno tributato allo spettacolo fragorosi applausi.

M.S.

Ultima modifica il Sabato, 18 Dicembre 2021 01:11
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.