martedì, 07 aprile, 2020
Sei qui: Home / Cinema / Thriller Italiano in cento film di Claudio Bertolini e Luca Servini

Thriller Italiano in cento film di Claudio Bertolini e Luca Servini

Thriller Italiano in cento film di Claudio Bertolini e Luca ServiniClaudio Bertolini e Luca Servini
THRILLER ITALIANO IN CENTO FILM
Le Mani, Genova, Euro 18.00, pp. 268

Sedicesimo volume di una "Storia del cinema" rivisitata attraverso i generi, quello del duo Albertini-Servini mette a fuoco il "thriller" italiano quale emerge dagli anni 60 quando di contro ad un contesto politico e culturale immobile e confuso, il nostro cinema si arrocca su alcuni generi di facile consumo. Accanto a bondismi d'avventura, western-spaghetti, pepla, musicarelli, fioriscono anche racconti ad enigma che, magari su climaterica scia di feuilleton popolari o di classici "gialli", non senza assimilazione di "crime story" ben radicati nella cultura anglosassone, si compiacciono di esasperare cupezze metropolitane, incubi adrenalinici, traumi d'infanzia. morbosità, violenze.
Il ventaglio di 100 film parte da "germogli" di classico giallo (Il rossetto, 1960, di Damiano Damiani), un modello di suspense hitchockiana (L'orribile segreto del Dr. Hitchock, 1962, di Riccardo Freda), quel "capolavoro seminale" vademecum d'ogni realizzazione futura che è La ragazza che sapeva troppo (1963) di Mario Bava, e approda a Sotto il vestito niente L'ultima sfilata (2011) di Carlo Vanzina, raro esempio thriller in un ormai asfittico panorama di genere.. Ma, senza trascurare casi atipici firmati Brass, Bazzoni. Petri, Avati, Lizzani, Zampa, soprattutto tra le altre, trafila saggistico opere di maestri del genere, i due Bava, papà Mario e figlio Lamberto, Sergio Martino, Dario Argento, Umberto Lenzi, Lucio Fulci.
In premessa, è Roberto Della Torre ad inquadrare storicamente il thriller italiano, e ne coglie "tradizione e identità" delineando ambientazioni per lo più metropolitane, figurazioni "misteriose e inafferrabili" di killer seriali, crudezze omicide, esibizioni erotiche, con uso parossistico di soggettive e dettagli inquietanti e non rare contaminazioni con altri generi.

Alberto Pesce

Ultima modifica il Sabato, 16 Marzo 2013 15:08
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088