giovedì, 27 febbraio, 2020
Sei qui: Home / Cinema / Cinema di Dreyer e la spiritualità del Nord Europa (Il) di Simonetta Silvestroni

Cinema di Dreyer e la spiritualità del Nord Europa (Il) di Simonetta Silvestroni

Il Cinema di Dreyer e la spiritualità del Nord Europa di Simonetta SilvestroniSimonetta Salvestroni
CINEMA DI DREYER E LA SPIRITUALITA' DEL NORD EUROPA (IL)
Marsilio, Venezia, Euro 16.00, pp. 156

A ribadire quanto ad altissima caratura estetica i film di Carl Th. Dreyer siano anche riflessioni umanistiche in prospettiva spirituale, Simonetta Salvestroni ne ripropone il respiro inseguendo, di contro a stagioni di inquietudine ferrigna, la tensione di una fede religiosa striata tra pessimistica visione della vita e bisogno di una pienezza di grazia e di gioia. Smargina a parte Vampyr (1932) "unico film fantastico" di Dreyer, col Male che si mette "al posto di Dio rovesciando la sua azione nel mondo", e con minuziosa perspicuità analitica e chiarezza didattica disegna un percorso fondamentalmente analogico, nonostante differenze di struttura e di stile, lungo la triade La passione di Giovanna d'Arco (1928), Dies irae (1943), Ordet (1955).

Sul piano espressivo, sono di fatto ben diverse le soluzioni tecnico-formali tra i tre film nel taglio d'inquadratura, recitazione, scenografia, ma pur con tutta l'attenzione anche a movimenti di macchina e simmetrie di scena, la Salvestroni individua grimaldello di continuità nell'uso della luce con le sue cangianti vibratilità magari a contrasto e suggestivo gioco di bagliori caldi, grigiori smorzati, semioscurità. Ma forse è sul piano concettuale la singolare originalità di studio, quella costante citazione di referenze che vengono dal contesto cultural-religioso della Danimarca dell'epoca, particolarmente sensibile nello studio della Scrittura. Appena se ne offre destro, ecco che dietro a ciascuno dei tre film la Salvestroni ci fa intravedere quanto abbiano influito anche echi teologici e letterari del tempo, come l'Epistola ai Romani di Karl Barth, scritti di Dietrich Bonhoeffer, riflessioni di Eduard Thurneysen, soprattutto riedizioni di Martin Lutero, in particolare le Tesi di Heidelberg e il Commento al Magnificat.

Alberto Pesce

Ultima modifica il Sabato, 16 Marzo 2013 12:37
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.