lunedì, 06 aprile, 2020
Sei qui: Home / Cinema / Luchino Visconti. Rocco e i suoi fratelli di Mauro Giori

Luchino Visconti. Rocco e i suoi fratelli di Mauro Giori

Luchino Visconti. Rocco e i suoi fratelliMauro Giori
LUCHINO VISCONTI. ROCCO E I SUOI FRATELLI
Lindau, Torino, Euro 19.00, pp.245

Ricorrendo a documenti in buona parte inediti e reperiti in vari archivi, Mauro Giori rilegge "Rocco e i suoi fratelli" alla luce del suo contesto culturale.

Dapprima si addentra lungo le complesse e tormentate "molte vite" di "un racconto a quattordici mani", scriminando apporti dei sette a vario titolo coinvolti in trattamenti, cancellature, elaborazioni, annotando come a differenza dei cinque in sceneggiatura (Suso Cecchi D'Amico, Enrico Medioli, Luchino Visconti, e il duo Pasquale Festa Campanile-Massimo Franciosa "sotto contratto con la Titanus"), e Vasco Pratolini partecipe del soggetto, Giovanni Testori sia lasciato ad una noticina di margine.

Proprio sul nodo Testori, dopo aver fatto cronaca degli strascichi polemici, censori, giudiziari del film, si concentra Giori. Disserta sulle quattro fonti principali, Uno sguardo dal ponte di Arthur Miller, I Malavoglia di Giovanni Verga, Giuseppe e i suoi fratelli di Thomas Mann, L'idiota di Fjodor Dostoevskij. Ma in quinta battuta, allarga lo studio su racconti di Testori, da cui nonostante "Visconti appaia restìo a riconoscerlo", il film ricalca "episodi e porzioni dell'intreccio, in particolare la violenza subita da Nadia", di più ancora con "un'influenza che penetra nel tessuto poetico, ideologico e morale" del film.

Etnografico "scontro di culture", stridore di personaggi non solo tra Nadia che "è la città. Milano", anche tra i fratelli situazionalmente in alternativa uno all'altro, mondo della boxe tra "degrado sociale e sessualità", resterebbe sempre forte la simbiosi tra Testori e Visconti "due facce della stessa medaglia", uno per l'altro strumentale per "un melodramma in chiave realistica e su sfondo contemporaneo" con "l'ambizione etica di commentare didascalicamente la realtà".

Alberto Pesce

Ultima modifica il Sabato, 16 Marzo 2013 12:23
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.