giovedì, 09 aprile, 2020
Sei qui: Home / Cinema / Storia di cinema a Venezia di Irene Bignardi

Storia di cinema a Venezia di Irene Bignardi

Storia di cinema a VeneziaIrene Bignardi
STORIA DI CINEMA A VENEZIA
Marsilio, Venezia, euro 17.50, pp. 155

(CINEMA - Alberto Pesce)

Al di là di connotazioni architettoniche e coreografiche, c'è qualcosa di magico che fa di Venezia cinematografica location ideale di sogni, memorie, nostalgie. Ma Irene Bignardi non intende darne repertorio a centinaia di schede, ma con scrittura piacevolmente fluida trapuntare una ventina di titoli per giostrarvi all'interno, pizzicarvi con aneddotica gustosità, evocarvi "storie curiose, strane, bislacche, complicate, disastrose, avventurose, appassionanti".
Comincia con Fred Astaire e Ginger Rogers nella hollywoodiana Venezia cartongesso di Cappello a cilindro e con La locandiera 1943 nel Cinevillaggio della Giudecca, interpreti Osvaldo Valenti e Luisa Ferida. E, al di là di Dieci inverni con immagini di una "Venezia diversa, marginale, ragazzesca, studentesca", conclude con 61 location veneziane di una scaletta apprestata da Susan Sontag per il Giro turistico senza guida.
In mezzo, si distendono curiose divagazioni sulla scia di altri film. Tra gli altri, sono di Othello di Welles retroscene di un "mosaico di invenzioni, finanziamenti, location", in Senso anche quel notturno vagare di Livia Serpieri col futuro amante lungo "un itinerario che una astuta agenzia di vacanze intelligenti dovrebbe promuovere per i suoi clienti". in Summertime, anche "catalogo di chiese e di palazzi messi in posa", soprattutto Katherine Hepburn in un tempo d'estate "fioritura dei sentimenti e della sensualità", in Chi lavora è perduto come in Morte a Venezia e più di recente Pane e tulipani, un respiro "misterioso, cupo, nebbioso, sinistro di Venezia", per Woody Allen i tre amori cinematografici, Julia Roberts infilata tra Venezia e il Tintoretto, da Le ali della colomba di Henry James quel Le ali dell'amore, per la Bignardi "il film più rappresentativo dei rapporti tra James e la capitale lagunare".

Alberto Pesce

Ultima modifica il Domenica, 12 Maggio 2013 14:50
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.