venerdì, 03 aprile, 2020
Sei qui: Home / Cinema / L'immagine-Cristo di Giammario Di Risio

L'immagine-Cristo di Giammario Di Risio

L'immagine-Cristo di Giammario Di Risio Giammario Di Risio
L'IMMAGINE-CRISTO
Le Mani, Genova, Euro 16.00, pp. 204

(CINEMA - Alberto Pesce)

Era prevalentemente profano il quadro di vita e pensiero, in cui tra fine 800 e inizio 900 era nato il cinema. E, di riflesso, avevano poco di sacro sia l'iniziale ricorso ai "tableaux vivants" delle "Passioni", sia poi anche il saccheggio biblico di figure e situazioni di golosa spettacolarità. Solo nella seconda metà del secolo scorso, al di là di grandiose messinscene o "santini" agiografici, l'immaginario filmico si fa anche ipostasi di problematiche religiose, e il "testo-Cristo" diventa respiro ideomitico di autori anche agnostici per formazione e carattere.
Di questo cinema cristologico, Giammario De Risio in premessa delinea l'evoluzione ideotematica e in epilogo un raffronto con figure comprimarie, ma al centro del discorso allinea quattro prospettive d'interpretazione, ciascuna a suo modo con "la volontà empiristica di portare a cinema l'immagine cristologica".
Per Pier Paolo Pasolini con Il Vangelo secondo Matteo (1964) è "rivoluzione didattica e cosmogonica" con un'accentuazione umana e sociale del "suo" Cristo, primi e primissimi piani della figura, "orazione fatta persona" che non manca di richiamare "la sua discendenza davidica". E nel cinema americano, per Norman Jewison con il musical Jesus Christ Superstar (1974) è rilettura del testo evangelico in critica visione del presente, con un "racconto aggrappato ad altri personaggi", Giuda in primis, da cui dipende anche chiave di lettura non proprio conforme al canone cattolico. E, se per Martin Scorsese con L'ultima tentazione di Cristo (1988) con accese colorazioni anche a"virata estetica" è ambigua "nevrosi tra umano e divino" di un Cristo incerto anche nella sua stessa missione redentiva, per Mel Gibson con La Passione di Cristo (2004) è "orrore e assurdità crudele", di contro ad un vuoto d'umanità un Cristo esasperato in un "turbinio di reazioni fisiche".

Alberto Pesce

Ultima modifica il Martedì, 01 Aprile 2014 13:04

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.