venerdì, 06 dicembre, 2019
Sei qui: Home / Romanzi / Indifferenti (Gli) di Alberto Moravia

Indifferenti (Gli) di Alberto Moravia

Alberto Moravia, Gli indifferentiAlberto Moravia
INDIFFERENTI (GLI)
Tascabili Bompiani, Euro 7,75, pp. 316


IPOTIZZARE NUOVI ORIZZONTI

Alberto Moravia e GLI INDIFFERENTI (1929). Sedici capitoli serrati e linguaggio asciutto per scolpire in ipotiposi il mondo borghese chiuso e soffocante, con uomini accecati, privi di fede e di certezze, senza illusioni e senza speranze; ne coglie lo sfacelo, l'ipocrisia, le meschinità, la menzogna, il relativismo orizzontale, la lanterninosofia, il solipsismo e osteggia, anche inconsciamente, la retorica gabrieldannunziana, di cui il Fascismo, per incantare le masse, faceva il suo cavallo di battaglia. Marchiare personaggi sclerotizzati in una forma e condannare il prostituirsi dell'intelligenza è il suo imperativo, il sesso è sfaccettatura del tutto marginale, semplice mezzo conoscitivo della personalità umana. Tutta l'azione si svolge quasi sempre in luoghi chiusi, in un gioco di luci e ombre che aiuta il lettore a ricostruire la realtà ambigua in cui gli attanti si muovono. Mariagrazia Ardengo convive, o quasi, con Leo Merumeci; per ironica antonomasia, è definita la madre, forse perché è la negazione di quello che dovrebbe essere il suo ruolo. Leo, uomo ricco, sicuro di sé, cinico e amorale, stanco di Mariagrazia, ha messo gli occhi sulla figlia dell'amante, Carla, che ne accetta le profferte, ma è instabile e inquieta. Lisa è invaghita di Michele, studente universitario che, con lucidità mentale, riconosce la sua impotenza e proprio questa sua chiaroveggenza lo arresta. Vorrebbe provare sdegno, odio, disprezzo, ira ... smascherare le manovre di Leo che, attraverso un disonesto gioco di ipoteche, sta per impadronirsi della villa degli Ardengo ... ma non riesce a procedere; la pistola, con cui dovrebbe uccidere Leo, è scarica, un atto mancato freudianamente significativo, indice del suo stato d'animo contraddittorio. Nell'inferno borghese di Moravia, allora, non vi sono epifanie? Così pare ... eppure ... eppure ... Michele, l'antieroe, il galleggiante alla deriva, il relitto senza scopo è un vincitore tra tanti vinti che affondano in questo demistificante mondo in sfacelo e, pur nella sua staticità, è la figura più interessante; non cresce, vive di utopie e non di azioni, nel suo cerebralismo, sempre sdoppiato tra quello che pensa e quello che dice, prova compassione verso chi aderisce alla realtà e verso un sè stesso non molto differente, se non nelle intenzioni. Il MICHELE/MORAVIA autodiegetico, insomma, ipotizzando strade diverse da esplorare, ha mostrato il coraggio di uscire dall'opprimente ristagno in cui si arenavano gli ideali della sua età e, con soddisfazione di essersi impegnato senza risparmiarsi in nulla, può dire che ha imparato a conoscere il mare meditando su poche gocce di rugiada.

Il romanzo è consigliato perché, leggendolo su un'ottica più ampia, si nota come il narratore, ritenuto, fino a dieci anni fa, inadeguato alle giovani menti degli adolescenti, risorge dalle ceneri, si riscatta e, con geniale acutezza, lascia un modello a quanti riescono a penetrare nella tessitura capillare delle microstorie rasppresentate nei suoi INDIFFERENTI. Lo studio di questa opera a scuola, in particolare, grazie a tali connotazioni, costituisce momento di grande formazione perché, contrastivamente, attraverso le esegèsi approfondite, si dimostra la necessità di danzare insieme nella pioggia e di abbattere i muri di acciaio tra i propri simili.

Matilde Perriera

Ultima modifica il Sabato, 16 Marzo 2013 14:15
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.