domenica, 26 giugno, 2022
Sei qui: Home / Teatro / Vita di Regina – Regina Bianchi si racconta di Maricla Boggio

Vita di Regina – Regina Bianchi si racconta di Maricla Boggio

Vita di Regina – Regina Bianchi si racconta di Maricla BoggioMaricla Boggio
VITA DI REGINA - REGINA BIANCHI SI RACCONTA
RaiEri, Roma, 2012, € 9,90, pp. 230

Zoom su una grande attrice del teatro italiano, Regina Bianchi, in una biografia firmata da Maricla Boggio, giornalista, critico teatrale, docente di drammaturgia, autrice di testi teatrali e di sceneggiature cinematografiche. Chi meglio di lei per raccogliere la testimonianza dell'artista che narra di sé in prima persona, ripercorrendo le tappe della sua lunghissima carriera e presentando l'intreccio della sua vita privata ed artistica, intessuta di eventi che hanno influito su entrambi gli aspetti. Ne emerge così il ritratto a tutto tondo dell'attrice e della donna, dell'indimenticabile interprete di De Filippo e della madre, un portrait che l'autrice sa tratteggiare con grande sensibilità. È grazie alla finezza con cui assolve al suo ruolo che il lettore può cogliere non solo lo spessore artistico e la carica di umanità di Regina Bianchi, ma anche la sintonia, si direbbe l'incontro di anime, che lega le due figure femminili: intervistata ed intervistatrice.
Figlia d'arte, Regina Bianchi si presenta dal suo precocissimo esordio nella compagnia di cui facevano parte sua madre e suo padre: un debutto in fasce, come "pupazzo", ovvero come neonato cullato in scena. Ecco poi il suo lavoro negli anni giovanili nella compagnia di Raffaele Viviani, per poi passare a quella di Eduardo De Filippo, con cui si ricorda di lei una memorabile interpretazione di Filumena Marturano. E poi ancora l'incontro con Goffredo Alessandrini, padre delle sue due figlie, le esperienze nel cinema e negli sceneggiati televisivi, la lunga parentesi di abbandono delle scene, durato quattordici anni per occuparsi delle bimbe. Dopo la separazione da Alessandrini, il ritorno alle scene, il cui distacco le era costato un grande sacrificio, ricompensato, però, dall'amore per le sue creature. Tant'è vero che di Regina Bianchi, sia sul palco che sullo schermo, si ricordano le madri da lei interpretate con tanta intensità e tanta partecipazione, tra cui, oltre alla già citata Filumena Marturano, la madre del piccolo Gennarino Capuozzo che muore sulle barricate nel 1943 nel film Le quattro giornate di Napoli (1962) di Nanni Loy e l'anziana madre di Pirandello nel film Kaos (1984)dei fratelli Taviani.

Myriam Mantegazza

Ultima modifica il Sabato, 30 Marzo 2013 12:57
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.