giovedì, 25 aprile, 2024
Sei qui: Home / T / TRITTICO PUCCINI - regia Tobias Kratzer

TRITTICO PUCCINI - regia Tobias Kratzer

"Il Trittico", regia Tobias Kratzer. Foto Matthias Baus "Il Trittico", regia Tobias Kratzer. Foto Matthias Baus

IL TABARRO
Michele: Peter Kalman
Giorgetta : Corinne Winters
Luigi: Adam Smith
Il Tinca : Roberto Covatta
Il Talpa: Giovanni Furlanetto
La Frugola: Annunziata Vestri

SUOR ANGELICA
Suor Angelica: Corinne Winters
Zia Principessa: Raheann Davis
La Badessa: Elena Zilio
Suora Zelatrica: Annunziata Vestri
Suor Genoveffa: Benedetta Torre
Suor Osmina: Annelies Kerstens
Suor Dolcina: Raphaele Green

GIANNI SCHICCHI
Gianni: Peter Kalman
Lauretta: Benedetta Torre
Zita: Elena Zilio
Rinuccio: Adam Smith
Gherardo: Roberto Covatta
Nella: Karen Vermeiren
Betto: Luca Dell'Amico
Simone: Giovanni Furlanetto
Marco: Gabriele Nani

Direttore musicale: Alain Altenoglu
Regia: Tobias Kratzer

Teatro La Monnaie, Bruxelles dal 15 marzo al 10 aprile 2022

www.Sipario.it, 10 aprile 2022

Le cronache dell'epoca ci raccontano che Puccini voleva che le tre opere del suo Trittico venissero rappresentate in un'unica serata. Ma che Ricordi, il suo editore, si opponeva. Alla sua prima rappresentazione al Metropolitan di New York, nel 19, la spunto' il Maestro. Ma, secondo me, Ricordi aveva ragione: difficile tenere insieme tre opere la cui unica caratteristica comune è la loro brevità. Il Tabarro è l'apoteosi del verismo pucciniano, con tanto di miseria, prostituzione, alcolismo e persino un omicidio, come in Leoncavallo, Mascagni e tanti altri musicisti dell'epoca così propensi a versare sangue sulla scena. Mentre Gianni Schicchi è un'opera appena un po' a margine del grande solco della tradizione comica italiana. Suor Angelica è invece qualcosa a metà tra la denuncia della perfidia umana e della alienazione religiosa: erano quelli i tempi del laicismo politico e artistico italiano, ritornati soltanto dopo gli anni 70, ma era altra cosa. Al La Monnaie hanno voluto rispettare la volontà di Puccini: tre opere in una. Facile fare il pasticcio, ma ne è venuta fuori una bella serata, anche se faticosa. Sia per i cantanti che per il pubblico. Bravissima la Winters, come bravo Peter Kalman: più di due ore su scena a gole spiegate, si può ben dire che il cachet se lo siano guadagnato. A ottimo livello anche gli altri, ben diretti da Kratzer, noto per il suo senso della misura: presenze non appesantite da eccessi drammatici, scene sobrie, ben montate, sequenze cinematografiche appropriate e suprattutto niente stravaganze. Un successo per molti inaspettato.

Attilio Moro

Ultima modifica il Mercoledì, 13 Aprile 2022 08:19

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.