lunedì, 06 febbraio, 2023
Sei qui: Home / C / CALIGOLA - regia Corrado d'Elia

CALIGOLA - regia Corrado d'Elia

Caligola Caligola Regia Corrado d'Elia

di Albert Camus
Regia di Corrado d'Elia
con Corrado d'Elia, Laura Ferrari, Bruno Viola, Vincenzo Giordano, Andrea Tibaldi, Marco Brambilla, Natassia Mandelu, Stefano Pirovano, Dario Leone, Antonio Giovinetto, Valentina Grancini
Assistente alla regia Luca Ligato, Traduzione Franco Cuomo, Scene Fabrizio Palla
Foto Angelo Redaelli
Milano, Teatro Franco Parenti dal 7 al 15 dicembre 2010

www.Sipario.it, 17 dicembre 2010

Una scenografia lineare, pulita, ordinata, che si gioca tra il bianco, il nero ed il rosso, introduce lo spettatore nella messa in scena di "Caligola", opera di Albert Camus diretta ed interpretata da Corrado d'Elia (Teatri Possibili).
Il pubblico partecipa ad un spettacolo dinamico, ricco di contrasti e suggestioni dati anche dai corpi degli attori che eseguono, in figure a volte plastiche, il senso delle parole, dei concetti espressi.
Le strisce di tessuto bianco sullo sfondo, dietro le quali passano gli attori ritmicamente, ricordano pareti moderne ma anche colonne storiche; la piscina contenente sfere rosse ricorda una pozza di sangue ma anche una vasca per i giochi dei bambini o la terrazza di una villa elegante dei nostri giorni.
In questo tempo-spazio universale si gioca la verità esistenziale di Caligola e dei suoi servitori. I turbamenti dell'animo umano di fronte all'esistenza di un uomo eccentrico, depravato, crudele, delirante nella sua ricerca della purezza e dell'impossibile attraverso il sangue umano.
Un delirio di potere e onnipotenza che si avvicina al più grande dittatore dei tempi di Camus, Hitler: la purezza di una razza in nome della distruzione di un'altra; la purezza di Caligola in nome della distruzione del prossimo.
Caligola sfrutta le viltà, le insicurezze, le ipocrisie, le paure dei suoi senatori e di tutti gli uomini che gli stanno attorno per raggiungere i suoi scopi politici-esistenziali. La sua dittatura è la dittatura di un folle su chi cerca un senso alla realtà. Caligola è un artista incompreso che dipinge la tela dell'assurdo con il sangue dei suoi cadaveri in una dimensione di sogno dove lui è Venere e al contempo colui che ti concede la vita o l'opportunità di morire.
Le musiche, suggestive, accompagnano il pubblico tra le viscere esistenziali dei protagonisti in un continuo rimando di emozioni. Il movimento scenico si armonizza con il tempo della musica distraendo però a volte dal testo ricco di senso e provocazioni . Camus stesso definì la sua opera "tragedia dell'intelligenza", negando l'intervento divino o qualsiasi catarsi allo spettatore di fronte ad un uomo colpevole e sadico, ma lucido nella consapevolezza dei meccanismi che regnano nei rapporti umani. Attraverso le reazioni dei suoi sudditi di fronte alla sua minacciosa, incosciente sicurezza, Caligola permette di comprendere la piccolezza, l'impotenza e la finitudine dell'uomo ricattato dal senso della fine
"Il grande dittatore" è ben evocato da un energico e giocoso Corrado d'Elia, che sceglie toni bassi, a volte graffianti, per meglio rappresentarci una pacata e devastante follia.
Convincente l'interpretazione di Vincenzo Giordano-Cherea, il filosofo materialista antagonista di Caligola nonché colui che cerca sicurezza e stabilità di fronte alla totale anarchia.
Bravo Andrea Tibaldi- Scipione, fragile e potente, disperato e romantico, colui che riesce sempre e comunque a intravedere la bellezza nella natura, anche in quella dell'uomo.
Ben definita la figura di Cesonia- Laura Ferrari, concubina sensuale e presente. Il desiderio a servizio del dolore. L'amore impossibile a servizio della morte sempre possibile.
Com'è inattuabile per Cesonia avere l'amore dell'imperatore, così è per Caligola possedere la Luna.
Caligola vuole la Luna, guaritrice e impossibile da ottenere e morirà "in una notte pesante come il dolore umano", lui che non lo ha che provocato. Il conflitto tra sé e la sua vita, tra ciò che è e ciò che vorrebbe rappresentare è ciò che commuove e ciò che per un attimo ce lo fa intravedere umano come noi.

Paola Perfetti

Ultima modifica il Domenica, 11 Agosto 2013 16:09

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.