mercoledì, 16 giugno, 2021
Sei qui: Home / C / CYRANO DE BERGERAC - regia Daniele Abbado

CYRANO DE BERGERAC - regia Daniele Abbado

Cyrano De Bergerac Cyrano De Bergerac Regia Daniele Abbado

di Edmond Rostand
regia: Daniele Abbado
con Massimo Popolizio, Viola Pornaro, Luca Bastianello, Dario Cantarelli, Giovanni Battaglia
scene e costumi: Graziano Gregori
costumi: Carla Teti
suono: Hubert Westkemper
coreografie: Simona Bucci
Roma, Teatro Argentina, dal 7 ottobre al 8 novembre 2009

Avvenire, 13 ottobre 2009
Popolizio grande e inquieto Cyrano

Ogni epoca del teatro 'recitato' ha avuto il suo Cyrano de Berg­erac, allestito secondo il gusto del tempo e ogni volta riscoperto per nuovi valori. È così da quando, 1897 a Parigi, Edmond Rostand offrì, con uno storico trionfo, questa sua «com­media eroica in versi». Acclamata poi da noi grazie alla traduzione rispet­tosa ed aulica di Mario Giobbe. È la volta ora del Teatro di Roma che ripro­pone Cyrano in apertura di stagione all’Argentina. E continua il gioco delle riletture di questo copione ricco di eventi e di sentimenti, vituperato e amato per quel protagonista poeta, spadaccino, anarchico, eroe, e per gli squarci di teatro all’antica con monologhi rimasti celebri come ro­manze di melodramma: il duello 'ri­mato' di Cyrano, il proclama sui cadetti di Guascogna, il malinconico abbraccio della morte. E soprattutto l’ingombro prepotente del suo naso fuorimisura. L’allestimento dello Stabile romano porta la firma registica di Daniele Ab­bado e l’approccio al testo è tutt’altro che riduttivo nei confronti della ' grandezza' della commedia, ali­mentata per tutto il Novecento da preziose interpretazioni d’attore. Non c’è il barocchismo seicentesco in sal­sa tardoromantica, e risalta quindi il nodo psicologico dell’amore cercato, impedito e quindi espresso per inter­posta persona o affidato alla scrittura: Cyrano ama Rossana innamorata di Cristiano, che la ricambia, ma le sue sono parole di Cyrano suggeritegli nella scena topica del balcone o scritte nelle lettere attribuite a Cris­tiano fino alla rivelazione finale della verità. Rispetto a tutto questo il naso (non proprio smisurato), i duelli, la guerra sembrano piuttosto un contorno, e non la forza propulsiva della dram­maturgia. Che qui, caduti gli orpelli abituali, consiste nel vivido fluire del­la parola teatrale nobilitata dal verso (adattamento della versione Giobbe), immersa in quella ' leggerezza' già suggerita da Italo Calvino. Corresponsabile ed esecutore mag­nifico di questa mistura spettacolare è Massimo Popolizio, un Cyrano di­verso da quant’altri ricordiamo: fu­nambolico o languido, spavaldo o sognante, l’attore di suo vi infonde u­na nervosa irrequietezza interiore che è certo patema tipico della nostra modernità. Lo circonda una com­pagine numerosa, efficiente e gio­vanile in cui Viola Pomaro è gradev­ole Rossana, Luca Bastianello focoso Cristiano.

Toni Colotta

Ultima modifica il Lunedì, 12 Agosto 2013 09:26

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.