martedì, 07 aprile, 2020
Sei qui: Home / E / EURIDICE E ORFEO - regia Davide Iodice

EURIDICE E ORFEO - regia Davide Iodice

"Euridice e Orfeo", regia Davide Iodice. Foto Francesco Squeglia "Euridice e Orfeo", regia Davide Iodice. Foto Francesco Squeglia

di Valeria Parrella
con Michele Riondino, Federica Fracassi, Davide Compagnone, Eleonora Montagnana
musica in scena Guido Sodo, Eleonora Montagnana
regia e luci Davide Iodice
scene, maschere, costumi Tiziano Fario
musiche originali Guido Sodo
Fondazione Teatro di Napoli
Bellaria, Teatro Astra, 23 marzo 2016

www.Sipario.it, 25 marzo 2016

Il mito di Orfeo e Euridice diretto da Davide Iodice come un unico flusso sonoro

Un inno alla cenere, alle ceneri e quindi alla morte introduce e conclude, come un cerchio inestricabile di eventi, lo spettacolo diretto da Davide Iodice Euridice e Orfeo, ultimo della stagione Per aspera ad astra 2016 del Teatro Astra di Bellaria. Un'invocazione rituale e quasi spettrale che fa pensare a un versetto della Bibbia che recita "polvere tu sei e in polvere ritornerai" (Genesi). Il mito di Orfeo ed Euridice narrato da Virgilio nel libro IV delle Georgiche e da Ovidio nelle Metamorfosi è noto a tutti, ma come lo vedrebbero i nostri occhi se fosse la ninfa a condurre Orfeo all'inevitabile fine? Valeria Parrella (Premio Le Maschere del Teatro italiano come Miglior autore nel 2013) ribalta la vicenda dei due sfortunati amanti fin dal titolo mettendo in rilievo la responsabilità femminile. Ma la vera protagonista di questo suggestivo mondo sotterraneo è l'assenza, negazione di per sé dell'esistenza. Orfeo ed Euridice si sono già persi, la vita dell'uno presuppone la morte dell'altro, non c'è sollievo e nessuna salvezza possibile. Lirico ed enfatico Michele Riondino (vittima di scatti rubati per quasi tutta la sera) nelle vesti eleganti di un Orfeo debole, dalla voce spezzata, che non riesce a capacitarsi di aver perso la sua amata. Un'anima che danza, un corpo attraversato da emozioni quello di Euridice, interpretata con forte intensità dalla bravissima Federica Fracassi. Alla coppia di infelice amanti ci aggiungono Davide Compagnone, un Ade stanco e tedioso, e le evocative musiche dal vivo di Guido Sodo ed Eleonora Montagnana, le cui voci e i cui strumenti invadono lo spazio scenico e ritornano costantemente come un'eco che rimbomba. La violinista in particolare si rivela essere una presenza indispensabile, che con il suo archetto sembra muovere i fili del destino come una burattinaia al servizio del signore degli inferi. Porte degli inferi rappresentate scenicamente da un enorme armadio, le cui ante girevoli fanno da specchio demoniaco che inganneranno Orfeo nel corso del suo cammino. La scena assume un valore estetico e simbolico molto forte - si pensi al letto ricoperto di foglie al centro del palco, limbo tra la vita e la morte - ma è la parola a dominare. «Voglio lasciare la parola alla Parola», afferma Iodice, di cui tra i tanti allestimenti ricordiamo 'A sciaveca (2008) di Mimmo Borrelli, «e allora abbiamo cominciato a lavorare ad un unico flusso sonoro, un concertato o un corale, se vogliamo, che tentasse di restituire alla Parola il suo potere ipnotico, evocativo: la sua emozione.» conclude il talentuoso regista napoletano.

Sara Bonci

Ultima modifica il Venerdì, 25 Marzo 2016 13:14

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.